LA BELVA

 
 
di
7 Dicembre 2020
 

Fa simpatia questo tentativo italiano e targato Netflix di realizzare un action duro e virulento, notturno e di poche parole, come si fa da tempo in America (“You Were Never Really Here” ne è inevitabile e irragiungibile paragone). Fa così simpatia che voglio iniziare questo breve commento trovandoci un pregio a questo “La Belva”. Che non può essere altro che la prova di Fabrizio Gifuni, che ha messo da parte smorfiette e faccine tipiche del cinema italiano per recitare con il fisico, caricandosi sul corpo le scene d’azione e il dolore del suo stanco, ma furente protagonista.

Per il resto il film è un disastro.
Le scene d’azione non solo non avvicono, sono tecnicamente scarse e non fanno saltare dalla sedia, ma scarseggiano anche di idee – che, si sa, in assenza di un gran budget sono quello che ti salva il culo.
Il plot è una barbarità. Sin dall’esperienza traumatica subita dalla belva in missione da qualche parte in medioriente, fino al traffico di bambine, non si capisce manco bene a che scopo, in Nord Italia gestito da personaggi improbabili (i Mastini e Mozart!) che trovano acquirenti a telefono come stessero vendendo aspirapolvere Worwerk.

Se è su prodotti come “La Belva” che il cinema italiano intende puntare per farsi spazio nel mondo dell’action (così come sta cercando di fare con altro cinema di genere), siamo purtroppo lontani anni luce non solo dal modello americano, ma anche dalla clamorosa (a confronto con la nostra e non solo) scena spagnola.

Lingua originale: italiano
Paese di produzione: Italia
Anno: 2020
Durata: 97 min
Genere: azione, drammatico, thriller
Regia: Ludovico Di Martino
Soggetto: Claudia De Angelis, Ludovico Di Martino, Andrea Paris, Nicola Ravera Rafele
Sceneggiatura: Claudia De Angelis, Ludovico Di Martino, Nicola Ravera Rafele
Produttore: Matteo Rovere
Produttore esecutivo: Paolo Lucarini (line producer)
Casa di produzione: Warner Bros Italia, Groenlandia
Distribuzione in italiano: Coming Soon (cinema), Netflix
Fotografia: Luca Esposito
Montaggio: Francesco Loffredo
Musiche: Andrea Manusso, Matteo Nesi
Scenografia: Fabrizio D'Arpino
Costumi: Andrea Cavalletto

Interpreti e personaggi

Fabrizio Gifuni: Leonida Riva
Lino Musella: Antonio Simonetti
Monica Piseddu: Angela
Andrea Pennacchi: Mozart
Emanuele Linfatti: Mattia Riva
 

The Undoing – Le verità non ...

Mezzo dramma giudiziario, mezzo thriller psicologico, “The Undoing” è una produzione televisiva e gigantesca e rigorosa come ...

Il complotto contro l’America

Dopo l’assalto a Capitol Hill dei giorni scorsi è come se fosse stato chiaro a tutti  il livello di pericolosità a cui poteva ...

Cobra Kai – Stagione 3

Continuano le avventure, trenta anni, dopo di Daniel e Johnny e rispettive proli, finalmente in rotta di avvicinamento e non più di ...

Piccole Donne

Inizio questa piccola rassegna di pensieri su questo grazioso film con una confessione shock: non ho mai letto il libro della Alcott e non ...

Mi chiamo Francesco Totti

“Mi chiamo Francesco Totti” è un documentario bellissimo e particolare. A meno che non si abbiano particolari problemi di ...