“IMAGINE”, IL PEGGIORE DEI MONDI POSSIBILI

 
10 Dicembre 2020
 

Quasi tutti quelli che idealizzano e celebrano John Lennon, in realtà, se oggi fosse ancora vivo, lo avrebbero detestato, perché non avrebbero mai accettato, di buon grado, le rinunce, i bocconi amari ed i sacrifici che il suo messaggio politico avrebbe imposto al loro modo di vivere e relazionarsi con gli altri.

Molto più facile e conveniente servirsi di scorciatoie e di compromessi, soprattutto quando essi garantiscono comodità e profitti.

Negli anni ci siamo abituati ad ascoltare “Imagine” un po’ ovunque; dapprima radio, televisione, carta stampata e cinema ed ora anche il mondo web, si sono, praticamente, impossessati di questa canzone. Ma si sono attaccati, però, solamente alla sua attraente melodia, al fatto che è cantabile, che è malinconica al punto giusto, ma anche dolce e gentile, tralasciando, completamente, gli ideali radicali del suo testo, voltandosi come spesso accade dall’altra parte e soffermandosi solo su quello che ci fa più comodo, che si riduce a due soli versi “I hope someday you will join us / And the world will be as one“, il cui significato viene totalmente stravolto.

Ma ciò che per John era inclusione e condivisione, in queste rappresentazioni mediatiche, sempre più tecnologiche e roboanti, diventa omologazione e globalizzazione. Il mondo unico è una realtà, siamo tutti accorsi sul medesimo lato, solo che è quello sbagliato: siamo tutti uniti nel servire i medesimi padroni, viviamo tutti le medesime sterili esistenze, ci conformiamo agli stessi modelli consumistici, continuando ad affannarci e morire per per le stesse inutili cose, “Imagine” è diventata il peggior mondo in cui avremmo potuto vivere.

La ferocia, la brutalità e l’arroganza della narrativa mainstream è tutta in questa banalizzazione; un atteggiamento falso e compiacente che, dietro la sua apparente semplicità, dietro il sorriso dispiaciuto dei tanti fantocci che oggi, tra web, radio, giornali e TV, hanno blaterato di John Lennon, di “Imagine” o di quel terribile 8 Dicembre del 1980, nasconde, in realtà, il suo vero e servile scopo: trasformare quella che potrebbe ancora essere un’idea politica concreta in un sogno romantico ed irrealizzabile, così che, domani, da svegli, saremo pronti ad uscire dai nostri identici ovili e compiere il nostro compito, credendo o fingendo di credere che sia una nostra libera scelta e non il frutto delle nostre convenienze, dei nostri compromessi, delle nostre insicurezze e delle nostre paure.

Photo: Eric Koch / Anefo, CC0, via Wikimedia Commons

 

Oggi “L.A. Woman” dei ...

“L.A. Woman” e il sipario si chiude. Si torna a casa per sempre. Il sesto e ultimo disco dei The Doors, non voglio minimamente ...

Oggi “The Fall” dei ...

Non ci si potrà mai stancare della poliedricità di Damon Albarn: oramai siamo abituati a vederlo aprire un nuovo progetto musicale, ...

Oggi “Just Enough Education ...

Dopo il Brit Award come miglior band emergente, grazie anche all’esordio con “Word Gets Around”, e la cima della UK Chart ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Evil Empire” dei ...

Fu Reagan ad utilizzare, per la prima volta, nel 1983, l’espressione “impero del male” in riferimento alle pressioni ...