L’ARTISTA E LA BESTIA

 
Tags:
18 Dicembre 2020
 

Alcune canzoni crescono dentro di noi, ci accompagnano per una vita intera, si legano ai nostri momenti di sofferenza, ci aiutano a ritrovare noi stessi. Cosa può succedere, dunque, quando, un brutto giorno, scopriamo che l’artista che ci aveva permesso di provare quelle emozioni e ci aveva aiutato a superare quei momenti di dolore e di difficoltà, si è macchiato di crimini violenti, approfittando della sua posizione e provocando dolore a donne innocenti?

Abusi sessuali, abusi domestici, abusi psicologici, abusi fisici, come può tutto questo letame conciliarsi con qualcuno che ha realizzato alcuni dei brani rock o pop più belli, più significativi, più toccanti e, probabilmente, più duraturi di sempre? Si può continuare ad essere un fan o un estimatore di un brano musicale o di un disco, senza esserlo anche dell’artista che l’ha creato? Cioè è possibile separare l’aspetto umano da quello artistico, senza che essi si influenzino a vicenda ed abbiano un impatto anche sugli ascoltatori?

Una volta che scopriamo di quali crimini e comportamenti degeneri e odiosi si è macchiato l’uomo, possiamo continuare, tranquillamente, ad ascoltare le sue canzoni, a recensire i suoi dischi, a prestare attenzione alle sue parole, a far sì che esse diventino lo strumento con cui tentiamo di esorcizzare il male che attanaglia, spesso, le nostre esistenze? Se decidiamo di voler continuare ad ascoltare ed apprezzare quella musica, se decidiamo di continuare a comprare quei dischi, a vedere quei video e ad assistere a quei concerti, non risultiamo essere, di conseguenza, troppo insensibili nei confronti delle loro vittime, verso le quali, in pratica, stiamo dimostrando di non nutrire alcuna empatia, né solidarietà? Così facendo non dimostriamo un enorme egoismo, preoccupandoci solamente di noi stessi e del benessere fisico e spirituale che quella musica riesce, comunque, a trasmetterci? Non alimentiamo un circuito vizioso che permetterà a quelle stesse persone di disporre delle risorse economiche necessarie ad ottenere i migliori avvocati ed i migliori servizi, continuando, nel frattempo, ad arricchirsi e prosperare?

Ognuno, ovviamente, può fare ciò che vuole, ci mancherebbe. Ognuno è assoluatmente libero di ascoltare la musica che preferisce, quando, come e dove vuole; libero di separare, se ci riesce, il viscido mostro approfittatore dall’artista o credere che la sua musica sia il modo con cui egli tenta di riscattarsi agli occhi del mondo. Personalmente, aborro questi comportamenti così subdoli e meschini, aborro coloro che, tramite promesse fasulle, tentano di soggiogare persone indifese, spesso minorenni, servendosi dei loro sogni e trasformandoli in dei veri e propri incubi, in ferite che resteranno aperte per sempre.

Nessuna musica, per quanto sublime, può giustificare o riscattare la bestia.

Credit Foto: Drew de F Fawkes, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

 

Oggi “Kiss Me Deadly” dei ...

I figli della prima generazione del punk si bruciarono in fretta. Tra questi i Generation X, che sin dagli esordi si erano fatti ...

Oggi “Inside In/Inside Out” dei ...

23 gennaio 2006: una data importante nella storia dell’indie rock britannico di inizio millennio. Nella stessa identica giornata, infatti, ...

Oggi “Station to Station” di ...

Quando Bowie realizzò “Station to Station”, arrivava dal grande successo di “Young Americans” e del singolo ...

Oggi “The Soul Cages” ...

Era il 22 gennaio 1991, quando nei negozi di dischi fece la sua prima comparsa “The Soul Cages”. Sting arrivava dal successo dei suoi ...

Oggi “Things We Lost In The ...

Gennaio è il mese dei compleanni importanti per la band capitanata da Alan Sparhawk e Mimi J. Parker. Avevamo celebrato nel 2020 ...