L’INCREDIBILE STORIA DELL’ISOLA DELLE ROSE

 
 
di
18 Dicembre 2020
 

Interpretato da un Elio Germanio, mi dicono dalla regia, straordinario (in realtà a me qui è parso un grande attore alle prese con una prova di defaticamento), l’ingegnere Giorgio Rosa costruisce la sua personale isola a largo di Rimini e lotta insieme agli altri “cittadini”per vederla riconosciuta come stato libero.

Questa strampalata e incredibile storia vera viene raccontata e diretta da Sidney Sibilia con divertimento e ritmo. A mancare sono forse un po’ di sfacciatezza e irriverenza in più, che invece non mancavano nella trilogia “Smetto quando voglio”.
Le due ore abbondanti di film scivolano via con leggerezza e piacere tra classici anni ’60 ballati sull’isola piattaforma, sole, temporali, partite a carte, sci nautico e carrellate di personaggi, forse poco approfonditi ma comunque piacevoli, e politici laccati e tramanti (Leone e Restivo sono interpretati rispettivamente da Zingaretti e Bentivoglio, loro si in forma straordinaria).

Lingua originale: italiano
Paese di produzione: Italia
Anno: 2020
Durata: 117 min
Genere: commedia, drammatico, storico
Regia: Sydney Sibilia
Sceneggiatura: Sydney Sibilia, Francesca Manieri
Produttore: Matteo Rovere
Casa di produzione: Groenlandia
Distribuzione in italiano: Netflix
Fotografia: Valerio Azzali
Montaggio: Gianni Vezzosi
Effetti speciali: Fabio Traversari, Stefano Leoni
Musiche: Michele Braga
Scenografia: Tonino Zera
Costumi: Nicoletta Taranta
Trucco: Manuela Caredda, Kim Deguara

Interpreti e personaggi

Elio Germano: Giorgio Rosa
Matilda De Angelis: Gabriella
Leonardo Lidi: Maurizio Orlandini
Fabrizio Bentivoglio: Franco Restivo
Luca Zingaretti: Giovanni Leone
 

Cobra Kai – Season 3

Continuano le avventure, trenta anni, dopo di Daniel e Johnny e rispettive proli, finalmente in rotta di avvicinamento e non più di ...

Piccole Donne

Inizio questa piccola rassegna di pensieri su questo grazioso film con una confessione shock: non ho mai letto il libro della Alcott e non ...

Mi chiamo Francesco Totti

“Mi chiamo Francesco Totti” è un documentario bellissimo e particolare. A meno che non si abbiano particolari problemi di ...

Ad Astra

Di “Ad Astra” ne ho sentito parlare più male che bene. Dopo averlo visto proprio non capisco perché. James Gray ha un ...

Un Volto, Due Destini

Nella lunga tradizione di qualità di HBO si inserisce a buon diritto anche questa miniserie “Un volto, due destini”, inappropriato ...