TOP TEN ALBUM 2020 DI FABRIZIO SILIQUINI

 
18 Dicembre 2020
 

#10) TUTTI FENOMENI
Merce Funebre
[42 Records]
LEGGI LA RECENSIONE

Giorgio Quarzo Guarascio arriva al suo primo album e sorprende, si svincola dalle influenze rap e trap, e costruisce percorsi affascinanti per scrittura diventando una speranza in un panorama indie che si incarta su se stesso.
Il risultato finale è un album intelligente e divertente e per certi versi maturo.
A completare l’opera convincenti arrangiamenti e l’ottima produzione di Niccolò Contessa (I Cani): piccoli Battiato crescono.

#9) SORRY
925
[Domino]
LEGGI LA RECENSIONE

Lungo è l’elenco di artisti che in coppia hanno lasciato il segno, Asha Lorenz e Louis O’Bryen con un pop elettronico ricamato e infiocchettato per bene riescono a convincere quasi tutti.
Hanno sicuramente convinto me con le loro atmosfere elettroniche da pub londinese, e con la loro capacità di realizzare un album indie votato al mainstream.
Altro disco arrangiato alla grande, violini, chitarre e sax valorizzano e completano il tutto.

#8) OTHER LIVES
For Their Love
[PIAS]
LEGGI LA RECENSIONE

Questo è un album che si ascolta in continuazione perché è pieno di dettagli e sapori, un folk talmente raffinato da diventare sinfonico, melodie scolpite da una voce incredibile e sorrette da un’architettura sonora ricercatissima.
Che gli Other Lives fossero una grande band lo sapevamo, si confermano con questo lavoro riservato ai palati fini.

#7) ELVIS COSTELLO
Hey Clockface
[Concord]
LEGGI LA RECENSIONE

Registrato in giro per il mondo è un concentrato di tecnica, capacità e qualità compositiva.
Elvis Costello è ancora in grado di far impallidire e tremare, ma anche stimolare ogni altro artista.
Il modo naturale con cui riesce, dopo tanti anni, a costruire melodie ancora così affascianti e nuove è la dimostrazione del suo immenso talento, questo è un album che consiglio ad ogni ragazzo che vuole avventurarsi nella scoperta di un artista dai tanti volti e dalla grande tecnica di scrittura.

#6) LUCIO CORSI
Cosa Faremo da Grandi?
[Picicca]

Lucio Corsi è un grande artista, uno di quelli che hanno un brillante futuro già scritto, capace di scrivere testi e musiche che ti tengono incollato al brano fino alla fine, esaltati questa volta anche da arrangiamenti fantastici.
E’ raro trovare talenti così cristallini, considerata la sua giovane età è un artista già maturo, una grande speranza.
Con la partecipazione e la produzione di Francesco Bianconi e Antonio “Cooper” Cupertino, il lavoro è strapieno di bellissime canzoni, una per tutte “Amico Vola Via”. Buttate la vostra armatura da sei quintali è tempo di volare.

#5) PERFUME GENIUS
Set My Heart On Fire Immediately
[Matador Records]
LEGGI LA RECENSIONE

Il fatto che “Set My Heart On Fire Immediately”, alla fine di questo anno, si sia piazzato nella mia classifica di gradimento solo al quinto posto sta a testimoniare, che almeno musicalmente questo non sia stato un brutto anno.
Mike Hadreas si muove tra mainstream, art pop e sperimentazione riuscendo a fare colpo indifferentemente su ogni ascoltatore sia esso poco attento o fanatico dei particolari, a completare il tutto testi mai banali, artista vero .

#4) SOPHIA
Holding On / Letting Go
[The Flower Shop Recordings]
LEGGI LA RECENSIONE

L’attesa per il ritorno di una cult band come i Sophia è stata lunga, ma tutto sommato va bene così perché è stata ben ripagata.
Robin Proper-Sheppard ci delizia con un album diverso per varietà stilistica, confezionando dei classici formato canzone che in fondo è una novità per la sua produzione passata.
Rischia un po’ ma fa centro ancora una volta, la classe della band è immutata e l’album contiene pezzi molto belli ed eleganti, con avviene per la sofisticata “Alive”, con il fantastico sassofono di Terry Edwards, tra i migliori singoli dell’anno.

#3) ADRIANNE LENKER
songs & instrumentals
[4AD]
LEGGI LA RECENSIONE

Un capannone sperduto nel bel mezzo di un bosco, una chitarra acustica, le formiche che infestano, della vecchia strumentazione, e infine una cantautrice immensa, perchè è questa Adrianne Lenker, una forza della natura, un talento capace di tirare fuori dal suo cilindro magico pezzi incredibili, con una voce unica, intensa e struggente.
La cosa incredibile di questo album è che ascoltandolo dimentichi che si tratta di una voce e una chitarra, il suono è cosi pieno e vieni trasportato in un mondo magico.
Adrianne Lenker è una dei più grandi artisti in circolazione.

#2) BRIGHT EYES
Down in the Weeds, Where the World Once Was
[Dead Oceans]
LEGGI LA RECENSIONE

Non credo sia necessario spendere altre parole per questo album, insieme al prossimo è stato il lavoro che ho più ascoltato in questo anno maledetto, per un semplice motivo non stanca mai.
Conor Oberst riunitosi con i suoi vecchi compari dà il meglio di se e dimostra che il suo grande talento si trova a suo agio soprattutto nella casa dei Bright Eyes.
Questo album è un piccolo “The Queen is Dead”, una serie di pezzi gioiello che la voce meravigliosa di Conor e suoi bellissimi testi rendono brillantissimi.
Caro Conor mi raccomando continua così.

#1) FIONA APPLE
Fetch The Bolt Cutters
[Epic]
LEGGI LA RECENSIONE

Sua maestà Fiona grazie davvero, sarebbe bastato questo album a salvarvi l’anno musicale 2020 perché questo è proprio un capolavoro, è uno spartiacque, è una domanda da fare a chiunque mentre si parla di musica, è l’album da consigliare a tutti i possessori di un orecchio musicale.
Che cosa abbiamo di fronte Blues? Jazz? Art pop? Tom Waits che si impossessa di David Byrne che si impossessa di Fiona? A improvvisazione del momento? A meticolose cure del dettaglio?
Io un idea me la sono fatta ma la cosa più importante è che qui Fiona ci fa calare in un film in presa diretta, sai di quelli che da un momento all’altro sbuca un microfono o c’è un cane che abbaia, e lo fa con maestria compositiva, con equilibrismi al pianoforte, con una ricerca melodica e una sezione ritmica unica ed eccezionale.
Questo non è l’album dell’anno questo è l’album del decennio, è una pietra miliare, finalmente c’è qualcuno che vola alto e non ci ripropone la solita minestra riscaldatae ci impegna tutti ad un ascolto che non sia usa e getta, come si usa ormai fare.

 

All’asta la chitarra che ...

All’inizio di febbraio, Phoebe Bridgers ha suonato al Saturday Night Live, rompendo poi la sua chitarra nel finale. Ricordiamo bene le ...

EP: Oracle Sisters – Paris II

E’ un piacere segnalare il ritorno degli Oracle Sisters, che pubblicano, via 22Twenty, il loro secondo EP, chiamato “Paris II”, ...

James Vincent McMorrow annuncia il ...

James Vincent McMorrow è tornato con la notizia del suo primo album in quattro anni, “Grapefruit Season” (atteso il 16 luglio, ...

Nuovo cofanetto in arrivo per Joni ...

Joni Mitchell pubblica un nuovo cofanetto che guarda al passato. “The Reprise Albums (1968-1971)”, conterrà i suoi quattro ...

Ascolta “Holding Onto ...

An Early Bird ci dimostra che il suo percorso attuale non è fatto solo di piacevoli (e riuscite) sperimentazioni, ma c’è sempre un ...