TOP TEN ALBUM 2020 DI CORRADO FRASCA

 
24 Dicembre 2020
 

#10) THE STROKES
The New Abnormal
[Cult Records/RCA ]
LEGGI LA RECENSIONE

Anche la doppietta iniziale “The Adult Are Taking” e “Selfless” è notevole quanto efficace, un inizio di quelli importanti, o una rumorosa ed elegante “Not The Same Anymore” sul finire, ma potrei anche citarle tutte le nove canzoni di un disco diretto, senza riempitivi, prodotto benissimo, scegliendo sempre, com’è nelle loro corde, la strada più semplice, con le accantonate chitarre di questi ultimi anni moderni a fare da attrici protagoniste, una album pieno zeppo di belle canzoni, che di questi tempi è merce rara, quindi: cos’altro chiedere di più?

#9) DANIELE SEPE
Le nuove avventure di Capitan Capitone
[Autoprodotto/Goodfellas]

Lo Zappa Partenopeo partorisce in lockdown il terzo progetto a tema “Capitan Capitone” ed è di nuovo un esplosivo caleidoscopio di generi, fantasia e follia

#8) STEVE EARL
Ghosts of West Virginia
[New West-Pias]

Si erano perse le speranze, ma finalmente Steve torna ai livelli del suo blasone ed è disco “Americana” dell’anno

#7) LOGOS
Sadako e le 1000 gru di carta
[Andromeda Relix Records]
LEGGI LA RECENSIONE

Il nuovo album dei Logos, “Sadako e le 1000 gru di carta”, chiariamolo sin dall’inizio, non solo conferma lo status di salute della band ma ne certifica le qualità a tutto tondo, sia compositive che strumentali.

#6) CHRIS STAPLETON
Starting over
[Mercury Nashville]

L’erede più accredidato dell’alternative country del decennio scorso.

#5) RØSENKREÜTZ
Divide Et Impera
[Andromeda Relix Records]
LEGGI LA RECENSIONE

Il respiro dell’album è di caratura internazionale, con una produzione eccelsa che allontana la polvere del mero revival; a mio modesto parere tale lavoro è il fiore all’occhiello dell’etichetta discografica veronese Andromeda Relics, insieme agli album dei Logos (non me ne vogliano gli amanti delle derive più metal del prog).

#4) BOB DYLAN
Rough and Rowdy Ways
[Columbia]
LEGGI LA RECENSIONE

Questo nuovo lavoro non è quel capolavoro di cui molti si sono affannati a declamare dopo due ore dall’uscita, ma un lavoro riuscito che merita un 7 pieno.

#3) BRUCE SPRINGSTEEN
Letter to you
[Columbia]
LEGGI LA RECENSIONE

“Letter to you”, non me ne vogliano i detrattori, è la conferma della caratura di Bruce, che a settant’anni suonati riflette e ci fa riflettere sulla condizione umana di chi è giunto alla soglia del proprio tramonto,con un album che forse rappresenta il climax del suo percorso introspettivo.

#2) RYAN ADAMS
Wednesdays
[Paxam Recording Comp]
LEGGI LA RECENSIONE

Il fulmine a ciel sereno di fine anno, Ryan torna con risultati altissimi alle atmosfere dimesse e malinconiche di “Heatbreaker”, con il tocco di oscurità di “Love is hell” e “29”.

#1) PAOLO BENVEGNU’
Dell’odio e dell’innocenza
[Black Candy]
LEGGI LA RECENSIONE

Dell’odio e dell’innocenza sin dal titolo va ad inquadrarsi perfettamente nello spirito della contemporaneità, offrendo alcune tra le pagine più poetiche della carriera di Benvegnù. Ennesima conferma di un artista che è doveroso considerare patrimonio d’Italia

 

All’asta la chitarra che ...

All’inizio di febbraio, Phoebe Bridgers ha suonato al Saturday Night Live, rompendo poi la sua chitarra nel finale. Ricordiamo bene le ...

EP: Oracle Sisters – Paris II

E’ un piacere segnalare il ritorno degli Oracle Sisters, che pubblicano, via 22Twenty, il loro secondo EP, chiamato “Paris II”, ...

James Vincent McMorrow annuncia il ...

James Vincent McMorrow è tornato con la notizia del suo primo album in quattro anni, “Grapefruit Season” (atteso il 16 luglio, ...

Nuovo cofanetto in arrivo per Joni ...

Joni Mitchell pubblica un nuovo cofanetto che guarda al passato. “The Reprise Albums (1968-1971)”, conterrà i suoi quattro ...

Ascolta “Holding Onto ...

An Early Bird ci dimostra che il suo percorso attuale non è fatto solo di piacevoli (e riuscite) sperimentazioni, ma c’è sempre un ...