TOP TEN ALBUM 2020 DI FRANCESCO NEGRI

 
26 Dicembre 2020
 

#10) LANTERNS ON THE LAKE
Spook the Herd
[Bella Union]
LEGGI LA RECENSIONE

Con quattro album e tredici anni di carriera alle spalle, la band di Newcastle ha raggiunto finalmente maggiore attenzione e una nomination al Mercury Prize. Ballate di gran classe tra indie e post rock, ancorate al pianoforte e alla voce espressiva di Hazel Wilde.

 

#9) PERFUME GENIUS
Set My Heart On Fire Immediately
[Matador Records]
LEGGI LA RECENSIONE

Barocco, solenne, Mike Hadreas tira fuori forse il suo capolavoro: un disco a molte facce eppure coerente, dalla produzione impeccabile, in costante bilico tra romanticismo e disperazione, fisicità e sogno. Chiamiamolo art pop.

 

#8) PHOEBE BRIDGERS
Punisher
[Dead Oceans]
LEGGI LA RECENSIONE

Dopo l’esperimento del disco a quattro mani con Conor Oberst, Phoebe Bridgers supera il maestro e costruisce un secondo album da solista che abbandona le atmosfere acustiche dell’ottimo debutto e le trasforma in un indie rock espansivo ed ambizioso.

 

#7) DANIEL BLUMBERG
On&On
[Mute]
LEGGI LA RECENSIONE

Cantautorato sghembo, ipnotico e surreale quello del londinese Daniel Blumberg, ex membro degli Yuck e al secondo disco solista dopo la parentesi a nome Hebronix. Un disco incentrato fin dal titolo sulla ripetizione, spigoloso eppure dolce.

 

#6) FLEET FOXES
Shore
[Anti-]
LEGGI LA RECENSIONE

Quanta acqua è passata sotto i ponti dall’eponimo debutto del 2008. Stavolta Robin Pecknold registra tutto da solo e realizza un disco arioso, pieno di luce, che campiona i Beach Boys e rende omaggio a Victor Jara.

 

#5) FONTAINES D.C.
A Hero’s Death
[Partisan]
LEGGI LA RECENSIONE

L’attacco di “I Don’t Belong”, prima traccia del secondo album della band dublinese, mette subito le cose in chiaro: a distanza di un anno dal successo di “Dogrel”, sono i più in forma di tutti nella scena post-punk. Ispirati e diretti, possono anche alzare il piede dall’acceleratore.

 

#4) KELLY LEE OWENS
Inner Song
[Smalltown Supersound]
LEGGI LA RECENSIONE

Secondo disco per la producer gallese residente a Londra che si conferma una voce unica tra techno, IDM e dream pop. Evocativo, contemplativo, emozionale, aumenta i BPM e rallenta il battito cardiaco: un esercizio di mindfulness per l’autrice e per l’ascoltatore.

 

#3) LORENZO SENNI
Scacco Matto
[Warp]
LEGGI LA RECENSIONE

L’esordio su Warp del musicista romagnolo di stanza a Milano è per molti versi il disco perfetto per questo 2020. I suoi build-up privi di risoluzione, basati su pochissimi suoni e senza tracce ritmiche, suonano come la colonna sonora di un anno in cui abbiamo dovuto reinventare le nostre vite su nuove coordinate.

 

#2) PORRIDGE RADIO
Every Bad
[Secretly Canadian]
LEGGI LA RECENSIONE

In un universo parallelo, questo è stato l’anno dei Porridge Radio: dopo il rilascio dell’atteso secondo disco, li aspettavano i festival europei e un tour negli Stati Uniti. Quell’energia è rimasta invece tutta inscatolata in queste undici canzoni: urlate e sussurrate, fragili e sicure di sé, ci ricordano come sapevamo essere vivi prima del coronavirus, come vogliamo tornare ad esserlo.

 

#1) ADRIANNE LENKER
songs & instrumentals
[4AD]
LEGGI LA RECENSIONE

A marzo Adrianne Lenker era nel bel mezzo di un lungo tour europeo con i suoi Big Thief, quando in una nazione dopo l’altra sono scattati i lockdown. Nel giro di poche settimane, è tornata negli Stati Uniti e si è rifugiata in una baita di montagna (“sembrava l’interno di una chitarra acustica”, ha detto). Ne sono nate una manciata di canzoni eccezionali, che dall’isolamento trovano la forza di raccontare le relazioni che ci fanno umani.

 

 

All’asta la chitarra che ...

All’inizio di febbraio, Phoebe Bridgers ha suonato al Saturday Night Live, rompendo poi la sua chitarra nel finale. Ricordiamo bene le ...

EP: Oracle Sisters – Paris II

E’ un piacere segnalare il ritorno degli Oracle Sisters, che pubblicano, via 22Twenty, il loro secondo EP, chiamato “Paris II”, ...

James Vincent McMorrow annuncia il ...

James Vincent McMorrow è tornato con la notizia del suo primo album in quattro anni, “Grapefruit Season” (atteso il 16 luglio, ...

Nuovo cofanetto in arrivo per Joni ...

Joni Mitchell pubblica un nuovo cofanetto che guarda al passato. “The Reprise Albums (1968-1971)”, conterrà i suoi quattro ...

Ascolta “Holding Onto ...

An Early Bird ci dimostra che il suo percorso attuale non è fatto solo di piacevoli (e riuscite) sperimentazioni, ma c’è sempre un ...