CHRIS CORNELL
No One Sings Like You Anymore

[ The Chris Cornell Estate/Universal Music - 2020 ]
8
 
Genere: Rock, cover
 
4 Gennaio 2021
 

A sorpresa la famiglia del compianto Chris Cornell ha pubblicato l’album in studio postumo contenente le cover di Gun’s & Roses, Janis Joplin, John Lennon, Prince e molti altri artisti che hanno influito e caratterizzato la carriera di Chris.

A quattro anni di distanza dalla sua morte, quindi, in quella maledetta camera d’albergo di Detroit i fan, e non solo, di una delle più grandi voci rock di tutti i tempi possono “consolarsi” durante le serate di questo particolare Natale 2020 con un album che raccoglie le emozioni di Chris, quelle più sentite e vere (“Questo album è così speciale perché è un’opera d’arte completa che Chris ha creato dall’inizio alla fine. La sua scelta delle cover fornisce uno sguardo personale ai suoi artisti preferiti e alle canzoni che lo hanno profondamente toccato. Non vedeva l’ora di pubblicarlo” ha scritto Vicky Cornell).

Dieci brani che non è stato facile ascoltare per il sottoscritto, quasi quaranta minuti durante i quali più di una volta ci è scappata la stilla accompagnata da ricordi e forti sensazioni, un vero e proprio contenitore di emozioni che sono andati oltre, ovviamente, la qualità dei singoli brani.

“No One Sings Like You Anymore” è stato registrato nel 2016 e suonato da Chris Cornell e Brendan O’Brien, che hanno anche prodotto e mixato l’album, e propone una variegata tracklist di canzoni interpretate e arrangiate da Chris alla sua maniera e, in alcuni casi come in “Get It While You Can” – portata al successo da Janis Joplin – o in “Watching The Wheels” di John Lennon, ed anche in “Nothing Compares 2 U” (di Prince), raggiungono alti livelli di coinvolgimento.

D’altronde, la voce di Chris piace a tutti, mai superba o arrogante ma sempre calda e travolgente, e “Jump Into The Fire” di Harry Nilsson oppure “Sad Sad City” di Ghostland Observatory (peraltro riproposta molte volte nei suoi live) dimostrano un mood accorato e rispettoso di Chris verso i suoi beniamini.

Certo “Patience” dei Guns N’Roses (pubblicata lo scorso 20 luglio nel giorno che sarebbe stato il suo 56esimo compleanno) o la personale versione “sintetica” di “Showdown” dei Electric Light Orchestra spiccano davvero su tutte le tracce di questo bellissimo disco di cover.

“Tutti noi potremmo usare la sua voce per aiutarci a guarire e risollevarci dopo quest’anno, specialmente durante le festività natalizie”, ha pronunciato ancora Vicky Cornell.

Ebbene, sono assolutamente d’accordo. Ascolto necessario.

Tracklist
1. Get It While You Can
2. Jump Into The Fire
3. Sad Sad City
4. Patience
5. Nothing Compares 2 U
6. Watching The Wheels
7. You Don't Know Nothing About Love
8. Showdown
9. To Be Treated Rite
10. Stay With Me Baby
 
 

Bambara – Stray

Uscito a febbraio dello scorso anno, “Stray” è il quarto album dei Bambara, che arriva dopo meno di un paio di anni dal precedente, ...

Katie Malco – Failures

E’ dal 2010 che Katie Malco pubblica musica e ha già girato l’Europa suonando il insieme a gente come Julien Baker, Bob Mould, ...

Passenger – Songs For The ...

Michael David Rosenberg, meglio conosciuto come Passenger, è tornato con il tredicesimo (sì, avete capito bene), studio album dal titolo ...

Beach Bunny – Blame Game EP

Accordoni e arpeggi jangle, turbamenti adolescenziali, melodie dolciastre che si tuffano in ritornelli fragorosi. La solita vecchia storia ...

A.O. Gerber – Another Place ...

A.O. Gerber è una giovane cantautrice di stanza a Los Angeles e lo scorso maggio è arrivato il suo primo LP, realizzato via Hand In Hive. ...