EVE OWEN
Don’t Let The Ink Dry

[ 37dO3d - 2020 ]
8
 
Genere: indie-folk,folk-rock
Tags:
 
11 Gennaio 2021
 

Eve Owen è una giovane songwriter londinese che ha iniziato a pubblicare il suo materiale solo nel 2019, mentre lo scorso maggio è uscito questo suo primo album.

“Don’t Let The Ink Dry” è stato realizzato dalla 37dO3d di Justin Vernon e dei fratelli Dessner dei National, con i quali aveva lavorato per il loro album “I Am Easy To Find” (2019), e registrato proprio insieme ad Aaron al Long Pond Studio, una vecchia fattoria nella Hudson Valley, New York.

Sebbene l’esperienza non sia dalla sua parte, Eve riesce comunque a distinguersi con questo suo primo full-length grazie alle sue buone intuizioni e ovviamente anche grazie all’aiuto di Dessner.

Sin da subito il suo suono si fa davvero interessante, come dimostrano le notevoli percussioni di “Tudor”, accompagnate da un violino dal tono malinconico e da vocals altrettanto cupi, che creano, però, ottime sensazioni cinematografiche (che troveremo anche in altri momenti di questo debutto).

Ricca e molto gradevole la strumentazione di “Mother”, in cui si distinguono prima alcuni beat e poi un intenso drumming, ma ancora una volta è la voce della Owen a donare conforto a chi ascolta attraverso il suo calore.

Se “After The Love” ci porta su territori folk piuttosto oscuri e dalle atmosfere cinematografiche, maggiore luce sembra arrivare poco dopo con “Bluebird” che si muove verso panorami più sognanti e mette in luce vocals più speranzosi.

Pieno di passione anche “I Used To Dream In Color”, con le sue percussioni decise e un leggero tocco di elettronica, che comunque disegnano delicati paesaggi sonori, mentre in “Blue Moon” la Owen tira fuori un’inaspettata grinta con l’aiuto della chitarra elettrica, sebbene i suoi vocals rimangano coperti da un velo di intima poesia.

Sincera, candida, pura e promettente, con questo esordio sulla lunga distanza la giovane musicista inglese, pur venendo aiutata e influenzata da Aaron Dessner, dimostra di avere ottime qualità personali che le dobbiamo riconoscere: il suo viaggio è appena iniziato!

Tracklist
1. Tudor
2. Lover Not Today
3. Mother
4. After The Love
5. For Redemption
6. Bluebird
7. She Says
8. I Used To Dream In Color
9. So Still For You
10. Blue Moon
11. 29 Daisy Sweetheart
12. A Lone Swan
 
 

Shame – Drunk Tank Pink

Li avevamo messi alla prova qualcosa come due anni fa, gli Shame, con il loro esordio “Songs of Praise“, e in poco tempo i ...

Mighty Oaks – All Things Go

Formati da un inglese, un italiano e uno statunitense, i Mighty Oaks sono insieme da oltre dieci anni e lo scorso febbraio hanno pubblicato ...

Brigid Mae Power – Head Above ...

A poco più di due anni dal suo sophomore, “The Two Worlds”, Brigid Mae Power è ritornata lo scorso maggio con questo suo nuovo LP, il ...

Bacchae – Pleasure Vision

Provenienti da Washington, D.C., i Bacchae hanno realizzato questo loro secondo LP lo scorso marzo per la Get Better Records di Chicago. ...

Guided By Voices – Styles We ...

Che gli possiamo dire al buon Robert Pollard, uno che solo nel 2020 ha fatto uscire ben tre album a nome Guided By Voices (ormai sempre più ...