MEADOWLAKE
Wait For Me

[ Agile Ivory Records - 2020 ]
8.5
 
Genere: Dream-pop, indie-rock
Tags:
 
13 Gennaio 2021
 

L’incantevole e suggestivo brano d’apertura “Wait for you” ha il compito di tracciare l’ambient di questo sophomore dei Meadowlake, che non si discosta dai terreni dream-pop e shoegaze marchio di fabbrica dei ragazzi olandesi.

A distanza di soli due anni dal sorprendente omonimo debutto, i cinque provenienti dalla giovane e ridente città universitaria di Groninga, si presentano con un intero disco – infatti sei delle dieci canzoni sono già state rilasciate tramite Bandcamp tra novembre 2019 e l’inizio di ottobre del 2020 – dove tra sognanti atmosfere e delicate melodie si intrecciano le voci eteree di Jarno Olijve e Gertine Veenstra, mentre dal candido incedere del sound sopraffino rilasciato dalle sei corde di Erik de Brei, si staglia la sezione ritmica efficace e per nulla invadente affidata al basso di Sélina Aerts ed alla batteria di Tjeerd Bennink.

Scritti per lo più nella casa di campagna in Francia raffigurata sulla cover, gli episodi dell’album sono stati registrati al Dufry Studio di Amsterdam ed al Mailmen Studio (Utrecht) e missati da Martijn Groeneveld col mastering di Wessel Oltheten e la produzione degli stessi Meadowlake supportati da Minco Eggersman.

Le dieci tracce di cui si compone il disco appaiono sospese tra rassicuranti sonorità nelle quali la chitarra gioca un ruolo chiave e che a volte sembrano perdere di fisicità, nel senso buono del termine, ovvero come se fossero avvolte da un clima malinconico che culmina in un pop onirico e appagante, come nella citata opener “Wait for you” e in “Under Your Spell” oppure in “Lights Out”, che mette in scena un riuscito gioco tra chitarra e voce o, ancora, nella traccia di chiusura “Loveless” o, infine, nella magnetica “Say My Name”, sorretta da una splendido pianoforte che mette il sigillo al miglior pezzo del disco.

I brani migliori, tuttavia, si mostrano quando i cinque alzano il muro del suono come nell’indie-rock di “Dirty Habit” e “Blood Crawls”, o nei riff  shoegaze di “I Won’t Let You Down” oppure nell’oscura “Under the Sea”, con i suoi richiami post-punk.

Con questo secondo lavoro dei Meadowlake si viene investiti da una coltre emozionale non di poco momento dove ogni singolo brano, lungi dall’essere banale, si valorizza con ricche e preziose sfumature sonore.

Tracklist
1. Wait for You
2. I Won't Let You Down
3. Under Your Spell
4. Blood Crawls
5. Say My Name
6. Dirty Habit
7. Lights Out
8. Under the Sea
9. Mother
10. Loveless
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments