BRIGID MAE POWER
Head Above The Water

[ Fire Records - 2020 ]
8
 
Genere: folk-rock,alt-folk
 
15 Gennaio 2021
 

A poco più di due anni dal suo sophomore, “The Two Worlds”, Brigid Mae Power è ritornata lo scorso maggio con questo suo nuovo LP, il suo primo per la Fire Records.

Registrato in appena tre giorni a The Green Door, uno studio analogico di Glasgow, “Head Above The Water” è stato prodotto dalla stessa songwriter irlandese insieme al marito Peter Broderick e al folk-singer Alasdair Roberts.

Rispetto ai suoi due lavori precedenti, il suono di questo nuovo lavoro si è allargato con nuovi strumenti che si sono aggiunti nelle sue composizioni, arricchendo in modo prezioso il suo album, ma è la sua incantevole voce ad avere il potere e a rimanere ancora al centro di tutto.

Mentre racconta le sue memorie nell’iniziale “On A City Night”, la Power disegna eleganti e magiche melodie country-folk grazie all’aiuto della pedal steel che amplia i suoi orizzonti, creando infiniti paesaggi sonori.

In “Wearing Red That Eve”, invece, la musicista di Galway, su una leggera base di piano e violino, parla di un incontro a NYC con un gruppo di uomini che la tormentavano: inutile specificare che la sua voce sa descrivere perfettamente i sentimenti che ci vuole mandare.

La gentile “I Was Named After You” è coperta da un leggero velo di psichedelia (prezioso il suo elegante flauto), mentre “You Have A Quiet Power”, una canzone dalla strumentazione piuttosto scarna, seppur malinconica, riesce a infondere una notevole dose di intimità.

La title-track “Head Above The Water” chiude poi il disco con influenze jazz e un piano molto raffinato che accompagna perfettamente la sempre calda voce di Brigid.

“Head Above The Water” non è solo un lavoro strumentalmente più ricco dei suoi predecessori, ma è anche capace di scaldare i cuori di chi ascolta attraverso la sua bellezza, la sua sincerità e la sua generosità.

Photo Credit: Steve Gullick

Tracklist
1. On A City Night
2. Wearing Red That Eve
3. Wedding Of A Friend
4. Not Yours To Own
5. I Was Named After You
6. We Weren't Sure
7. You Have A Quiet Power
8. I Had To Keep My Circle Small
9. The Blacksmith
10. Head Above The Water
 
 

Blind Golem – A Dream of ...

Se non fosse uscito all’alba del 2021 , sarebbe probabilmente finito nella personale ed annuale top 10 che ho l’onere, ma soprattutto ...

Ryley Walker & Kikagaku Moyo ...

Tre anni fa Ryley Walker ha tenuto a battesimo la sua piccola etichetta Husky Pants dedicata a pubblicare collaborazioni, split record, ...

Psychedelic Porn Crumpets – ...

E’ già da tempo che noi di Indie for Bunnies abbiamo messo gli occhi addosso a questa band australiana che ora arriva al quarto ...

Wild Pink – A Billion Little ...

Come forse ricorderete, la Tiny Engines non aveva pagato le royalties a numerosi dei suoi artisti, che le hanno poi fatto causa e ...

The Hold Steady – Open Door ...

E’ passato appena un anno e mezzo dall’uscita di “Trashing Thru The Passion”, ma nel frattempo tante cose hanno cambiato il ...