SIV JAKOBSEN
A Temporary Soothing

[ U OK? - 2020 ]
8.5
 
Genere: folk-pop,indie-folk
Tags:
 
18 Gennaio 2021
 

Stiamo seguendo ormai da qualche tempo Siv Jakobsen: la musicista di Asker, a causa della crisi sanitaria mondiale, ha rinviato l’uscita del suo secondo LP, originariamente prevista per fine aprile, alla fine di agosto, ma nel frattempo abbiamo avuto la fortuna di poter assaggiare parecchi estratti dal suo nuovo lavoro e di farci una maggiore idea sulla sua nuova visione sonora.

Il nuovo lavoro, che segue di tre anni il suo debutto “The Nordic Mellow”, al contrario del predecessore, preparato in poche settimane, è stato costruito nel corso di un anno, mentre Siv e il produttore Chris Bond (Ben Howard, Nick Malvey) si sono incontrati per numerose sessioni di registrazione.

Partendo dal suo esordio dai toni acustici, qui la norvegese cerca di cerca di aggiungere nuovi colori alla sua tavolozza, come dimostra già la opening-track “Fear The Fear”: con l’aiuto della sua chitarra e di qualche elemento elettronico la Jakobsen sa costruire paesaggi fatati e caldi, in cui la sua voce dona un ulteriore tocco di grazia.

Un’altra piccola perla di questo disco è “Shine” con quel suono folk acustico leggero e così emozionante e le sue armonie vocali capaci di scolpire immediatamente brividi puri sotto la pelle.

“Anywhere Else” poi cresce pian piano e ci incanta tra un leggero drumming e il suono del violino accompagnati da armonie sempre più calde seppure cupe.

In “Island”, invece, Siv sceglie di virare verso panorami più pop, lasciando la sua voce sempre gentile protagonista insieme a una drum-machine, al piano e, in un secondo tempo, a qualche ulteriore tocco elettronico.

“I Call It Love” chiude il disco regalando sensazioni cinematografiche profonde e dolci: al piano si aggiunge un violino malinconico che sembra comunque rispecchiare perfettamente lo spirito nordeuropeo.

Un album di grande valore, questo “A Temporary Soothing” non solo segna un passo avanti davvero importante per la Jakobsen, ma è molto emozionante, pieno di calore e capace di toccare i cuori attraverso i suoi paesaggi sonori disegnati con sapienza e intelligenza: un gioiello da conservare con cura per questi tempi così freddi e tristi.

Tracklist
1. Fear The Fear
2. Fight Or Flight
3. Shine
4. A Feeling Felt Or A Feeling Made
5. Fraud, Failure
6. A Temporary Soothing
7. Anywhere Else
8. Island
9. Only Life
10. From Morning Made To Evening Laid
11. Mothecombe
12. I Call It Love
 
 

Paul Leary – Born Stupid

Per non lasciarci travolgere dalla tristezza in questi tempi maledetti abbiamo bisogno di musica folle, assurda e soprattutto divertente. E ...

Dieci – Vitamine

Esordio in solitaria per Roberto Grosso Sategna in arte Dieci, membro dal 2011 di quei Drink To Me che capeggiati da Marco Jacopo Bianchi ...

Venerus – Magica Musica

Nonostante “Magica Musica” sia l’effettivo debut album di Venerus, il nome di questo polistrumentista milanese non è ...

Le Zampe di Zoe – Casa

Cinque brani, cinque atti per raccontare la realtà, talvolta cruda, ingiusta, ma con un profondo romanticismo da rendere “Casa” de Le ...

Nick Cave & Warren Ellis ...

La notizia del nuovo album di Nick Cave è arrivata qualche mese fa tra le righe dei suoi “Red Hand Files”, umanissima newsletter in cui ...