VIAGRA BOYS
Welfare Jazz

[ Year0001 - 2021 ]
8.5
 
Genere: post-punk,indie-rock
 
25 Gennaio 2021
 

Dopo i buoni riscontri ottenuti dal loro debutto full-length, “Street Worms”, uscito a settembre 2018, i Viagra Boys ritornano con questo nuovo LP.

Sin dagli inizi il gruppo di Stoccolma è sempre andato oltre la semplice etichetta di post-punk grazie alla sua notevole creatività, alla sua voglia di divertirsi e di fare satira e agli elementi elettronici che ci fanno muovere: a tutto ciò si aggiunge anche la figura del frontman Sebastian Murphy, che sul palco sa accentrare tutta l’attenzione su di sé.

Non perdono nemmeno un secondo i Viagra Boys per portarci all’interno del loro folle mondo con il recente singolo “Ain’t Nice” dalle chitarre fuzzy e dalle linee di basso sottili: difficile (o forse impossibile) rimanere fermi grazie all’aiuto di beat dancey e di un sax distorto. Un suono folle quasi quanto la band stessa!

“Into The Sun” cambia totalmente lo stato d’animo, diventanto più introspettiva e nebbiosa, con i vocals di Murphy che si fanno più riflessivi accompagnati da una chitarra leggera e fuori tono e da percussioni incisive.

Interessante l’uso dell’elettronica e dei synth (oltre che del solito sax) nella successiva “Creatures”, che ci sposta verso territori più dancey, facendoci divertire e mettendoci voglia di ballare.

“6 Shooter”, situata non a caso a metà del disco, pur solo strumentale, risulta essere un aggressivo attacco frontale in cui il ritmo è in continuo aumento tra potenti riff di chitarra, elettronica e sax.

Se “I Feel Alive”, brano che parla dell’uso di droghe, rallenta il ritmo e ci propone un’inaspettata eleganza, dove il piano è il vero protagonista e appaiono raffinati sax e flauto, la cover di “In Spite Of Ourselves” di John Prince, cantata insieme ad Amy Taylor degli australiani Amyl & The Sniffers, pur tentando di camminare su terreni country rimane assolutamente divertente e giocosa.

In quaranta minuti i Viagra Boys ci mostrano tutto il loro eclettismo, portandoci come dono per il nuovo anno un album vivace, diverso, solido e spesso imprevedibile e fuori dagli schemi: vederli su un palco (non appena sarà finita la pandemia) sarà senza dubbio un’esperienza da provare ancora una volta, ma per il momento gustiamoci questo LP, da ascoltare più e più volte.

Credit Foto: Marcus Wilen

Tracklist
1. Ain’t Nice
2. Cold Play
3. Toad
4. The Old Dog
5. Into The Sun
6. Creatures
7. 6 Shooter
8. Best In Show II
9. Secret Canine Agent
10. I Feel Alive
11. Girls & Boys
12. To The Country
13. In Spite Of Ourselves
 
 

Paul Leary – Born Stupid

Per non lasciarci travolgere dalla tristezza in questi tempi maledetti abbiamo bisogno di musica folle, assurda e soprattutto divertente. E ...

Dieci – Vitamine

Esordio in solitaria per Roberto Grosso Sategna in arte Dieci, membro dal 2011 di quei Drink To Me che capeggiati da Marco Jacopo Bianchi ...

Venerus – Magica Musica

Nonostante “Magica Musica” sia l’effettivo debut album di Venerus, il nome di questo polistrumentista milanese non è ...

Le Zampe di Zoe – Casa

Cinque brani, cinque atti per raccontare la realtà, talvolta cruda, ingiusta, ma con un profondo romanticismo da rendere “Casa” de Le ...

Nick Cave & Warren Ellis ...

La notizia del nuovo album di Nick Cave è arrivata qualche mese fa tra le righe dei suoi “Red Hand Files”, umanissima newsletter in cui ...