KAOUENN
Mirages

[ PH37 SoundLab - 2020 ]
7
 
Genere: Ambient, Electronic, Space Rock, Psych Rock
Tags: ,
 
5 Febbraio 2021
 

Materia ed energia sono intimamente connesse ed intrecciate tra loro, praticamente sono le due facce della medesima entità; allo stesso modo “Mirages“, il nuovo album dei Kaouenn, è sia una visione astratta, onirica e mentale, che una rappresentazione materiale, intensa e nevrotica della nostra realtà. Le due letture possono scontrarsi, avvicinarsi, fondersi ed improvvisamente allontanarsi, mentre le luminose e coinvolgenti sonorità psichedeliche penetrano nei meandri più oscuri e misteriosi dello space-rock, dando forma e sostanza ad una creatura in divenire, alla perenne ricerca del suo equilibrio.

Questa corsa attraverso le stelle, in uno spazio che è infinitamente grande, ma, allo stesso tempo, anche infinitesimamente piccolo, in cui tutto, compresi noi stessi, è, contemporaneamente, spirito, ma anche corpo – energia, ma anche materia – luce, ma anche buio – conoscenza, ma anche mistero, rende il disco vivo, pulsante ed eterogeneo, capace di seguire il proprio filo narrativo e musicale, nonché di mescolare paesaggi sonori diversi tra loro. Paesaggi, nei quali le ambientazioni più glaciali, rarefatte ed artificiali, di matrice ambient ed elettronica, si mescolano a quelle più calde, dense e vibranti d’ispirazione funk, jazz ed avant-garde rock.

Suoni sintetici con un’anima umana che avvolgono ed attivano i nostri sensi; stimolano la nostra immaginazione grazie al loro tocco intimamente visuale e cinematico. Le atmosfere più inquietanti di “Indina“, il bisogno di evasione di “Reachin’ The Stars“, i segreti nascosti nel crepuscolo di “Mirage Noir“, la libertà impulsiva e primordiale di “Immaterial Jungle“, la pace reclamata da “K2“, non sono altro che le tappe di un vero e proprio viaggio emotivo, il cui obiettivo è quello di comprendere meglio come siamo fatti e di acquisire la consapevolezza della nostra fragilità umana, ma, allo stesso tempo, di permetterci di diventare più forti, grazie alla ritrovata sintonia con quelle forze e quei processi naturali che permettono al nostro Universo di trasformarsi, di conservarsi, di mantenersi vivo.

Tracklist
1. Psychic Nomad
2. Immaterial Jungle
3. Reachin' the Stars
4. Mirage Noir (feat. Above The Tree)
5. Into a Ring of Fire (bonus track on vinyl only)
6 .Indina
7. Flood of Light
8. K2 (feat. Sara Ardizzoni)
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments