SUN JUNE
Somewhere

[Run For Cover/Keeled Scales – 2021]
8.5
 
Genere: Indie pop
Tags:
 
15 Febbraio 2021
 

Leggenda vuole che le band odino le etichette, i mille nomi con cui nell’era digitale la musica viene classificata, inserita nelle playlist. I Sun June hanno creato la definizione perfetta da soli tre anni fa dopo l’uscita dell’esordio “Years”. “Regret pop” termine ironico che li rappresentava allora ma oggi suona decisamente riduttivo. “Somewhere”, prodotto da Danny Reisch, è un secondo album pieno di vita che esorcizza i rimpianti senza suonare melenso.

L’intensità di brani come “Young”, “Homes” o “Apartments” diventati nel frattempo piccoli classici è un punto di partenza per costruire nuove melodie che mettono in evidenza l’affiatamento raggiunto dal quintetto trascinato dalla voce espressiva di Laura Colwell, che per la prima volta imbraccia anche la chitarra. “I’m Jackie O, I’m Patti Smith, I’m Stevie Nicks I’m what you’ve got, I’m what you get, I’m everything” sussurra in “Bad With Time” cercando di far tornare sui suoi passi un ex troppo cool per L.A.

Un brano d’apertura che si schiude in un lento crescendo ed è solo il primo capitolo di una storia che accompagnerà i Sun June per tutto il disco. Le tastiere di “Everything I Had”, le nostalgiche armonie di “Singing” o “Once in a While” e l’on the road descritto in “Bad Girl” dimostrano ancora una volta la caratura di una band capace di creare atmosfere sognanti e sofisticate senza calcare troppo la mano, con la delicatezza di chi ha capito cosa vuole e sa che sarà maledettamente difficile ottenerlo.

Karen O dovrebbe essere orgogliosa di essere citata nella canzone omonima: tre minuti intensi, strappacuore e chissà che non decida un giorno di cantarla con i ragazzi di Austin, che col tempo hanno affinato la capacità già molto buona di scrivere ritornelli non scontati, dotati di ritmo e musicalità (“Everywhere”, “Finding Out”, “Seasons” giusto per citarne alcuni). Laura Colwell e Stephen Salisbury (diventati nel frattempo coppia anche nella vita) Michael Bain, Sarah Schultz e Justin Harris passano dal “Regret pop” a un “Sad pop” sempre malinconico ma più romantico, maturo, elegante con la carica giusta per non passare inosservato.

Tracklist
1. Bad With Time
2. Everything I Had
3. Singing
4. Bad Girl
5. Karen O
6. Everywhere
7. Once in a While
8. Finding Out
9. Seasons
10. Real Thing
11. Colors
 
 

Clap Your Hands Say Yeah – ...

I Clap Your Hands Say Yeah li conosciamo sin dal loro primo omonimo album, uscito nell’ormai lontano 2005: nel frattempo la band di ...

Tv Priest – Uppers

Nel corso dell’ultimi due anni ci sono stati costanti esordi e affermazioni di nuove band che si ispirano al post punk, spesso baciate ...

Joan Thiele – Atto I – ...

A distanza di un anno dal debutto in lingua italiana, Joan Thiele è tornata. Per chi legge il suo nome per la prima volta, ecco un ...

The Telescopes – Songs Of ...

Difficile immaginare i The Telescopes senza la dimensione live, quei sudati concerti che da fine anni ottanta hanno trasformato la band di ...

LNZNDRF – II

Quando qualche anno fa si è sparsa la notizia che Ben Lanz dei Beirut e i fratelli Devendorf dei The National avevano registrato un album ...