PALBERTA
Palberta5000

[ Wharf Cat Records - 2021 ]
7
 
Genere: pop punk
 
19 Febbraio 2021
 

Arriva il quinto album di queste energiche ragazze, prodotto e mixato da Matt  Lambozza (PALM, Shimmer). Il lavoro si presenta come una svolta per la loro produzione, una virata verso sonorità più pop e accessibili, nel tentativo di semplificare uno stile, che comunque precedentemente aveva raccolto consensi, e raggiungere un pubblico maggiore.

Un avvicinamento al pop, quindi, che loro stesse hanno definito come una nuova ossessione: approccio certamente tentato ma, a mio avviso, riuscito solo in parte, perché il disco, anche se a volte accessibile e più immediato dei loro precedenti lavori, resta comunque un esercizio di punk a tratti noise, fortunatamente lontano da facili fascinazioni mainstream.

Resta forte una dose di riconoscibilità che non guasta mai, al primo ascolto pensi subito che sono ancora loro, in procinto di intraprendere un nuovo percorso ma ancora con i piedi ben piantati nel loro passato. D’altronde questo è il loro quinto album e se “Roch Goin’ Down”, nel suo essere bizzarro, aveva già iniziato tra le righe un timido percorso verso approcci più melodici,  qui tutto avviene in maniera più evidente, anche attraverso una ricerca di una struttura canzone più convenzionale.

Ani Ivry-Block, Lily Konigsberg e Nina Ryser tessono le loro armonie vocali e i consueti cori in modo più accattivante e li accompagnano con il loro ritmo tirato e la chitarra che si ripete in percorsi sempre originali, in una costante energia contagiosa e diciamolo sempre divertente.

Resta, come dicevo, un certo approccio noise punk che in alcuni brani riesce brillantemente a catturare l’attenzione dell’ascoltatore, specialmente quando la durata del brano è più ampia come avviene in “All Over My Face” con una parte finale interessante, “Big Bad Want”, composta prima dell’avvento Covid, con un bel ritornello e linea di basso, tutto in chiave decisamente punk.

Anche nei pezzi più brevi troviamo momenti divertenti come in “Hey!” o “The Cow” e soprattutto in “Corner Store” dove il tentativo di costruire qualcosa secondo i dettami classici del pop punk appare più evidente.

Il risultato finale è un album che proietta queste giovani ragazze verso una trasformazione in fondo dovuta e intelligente, ma non completamente compiuta: la band mantiene ancora, a mio avviso fortunatamente, le cose migliori del loro passato.

Vedremo cosa ci riservirà il futuro ma queste fantastiche ragazze hanno ancora molto da dire.

Tracklist
1. No Way
2. Big Bad Want
3. Never To Go
4. The Cow
5. Fragile Place
6. In Again
7. Hey!
8. Red Antz
9. Summer Sun
10. Eggs n’ Bac’
11. Corner Store
12. I’m Z’done
13. Something In The Way
14. The Way That You Do
15. All Over My Face
16. Before I Got Here
 
 

The Great Inferno – All The ...

La storia di “All The While White Collides With Black” dei The Great Inferno comincia in uno studio, Le Klubhaus, creato con spirito ...

Bonobo – Fragments

“Fragments” è un album etereo, le sue striscianti sonorità ambientali ed elettroniche sono perfette per quella linea grigia che ...

Blood Red Shoes – Ghosts On ...

Aria di cambiamento in casa Blood Red Shoes tre anni dopo “Get Tragic” (era il 2019) e a poche settimane di distanza da “Town Called ...

The Wombats – Fit Yourself, ...

Sono passati quasi ben 15 anni dal primo, e grandissimo, album della band di Liverpool The Wombats: forse ti ricordi, caro lettore che stai ...

Ruby Fields – Been ...

Attiva sin dal 2016, Ruby Fields ha iniziato a scrivere canzoni all’età di undici anni e sin da piccola ha imparato a riparare ...