OGGI “MUSIC FOR EGON SCHIELE” DEI RACHEL’S COMPIE 25 ANNI

 
20 Febbraio 2021
 

Non ho mai smesso di chiedermi perché trovo sempre dei validi motivi, giorno per giorno, per continuare a cercare, scoprire, capire un mondo che forse è infinito, un mondo che non ha mai deluso le mie aspettative soprattutto quando una band o un disco particolare diventa mio dopo un’affannosa ed estenuante ricerca. La musica è sempre stata questo: scoperta affascinate e conquista di un tesoro magari dimenticato. Oggi voglio ricordare un gioiello prezioso che forse ai più non dice nulla o magari qualcuno ne ricorderà solo il nome. Ricorre in questo mese l’anniversario, e sono giusto venticinque anni, dell’uscita di un disco che all’epoca trasformò la mia concezione di musica e di approccio ad essa. L’album era “Music for Egon Schiele” e la band erano i Rachel’s.

Originari di Louisville, i Rachel’s erano un piccolo ensemble guidato dalla talentuosa pianista classica Rachel Grimes che con le note del suo piano, antico e delicato, dette forma alle visioni del fondatore, Jason B. Noble già chitarrista di una band geniale come i Rodan (a tal proposito riscoprite “Rusty”, il loro unico album); chiudevano il gruppo Christian Frederickson alla viola e di volta in volta musicisti di estrazione classica o della scena post rock dell’epoca…un nome su tutti, udite udite, Bob Weston degli Shellac come polistrumentista.

Dopo l’esordio, “Handwriting”, “Music for Egon Schiele” fu pubblicato nel 1996 e anticipò di qualche mese “The Sea and the Bells”, altro grande lavoro che ha il mare e Neruda come ispirazione. Composto come colonna sonora ad un balletto dedicato al genio austriaco dell’espressionismo, “Music for Egon Schiele” ne ricalca, in un certo qual modo i tratti estetici. Melodie delicate, di un altro tempo, sospese come in un sogno. Sembra quasi di rivedere Egonn davanti alla tela mentre ritrae la sorella Gertie o le grazie poco più che acerbe della sensuale Wally Neuzil. Ogni brano infatti ha un titolo che si riferisce ad un particolare momento della vita di Egon. “Egon & Gertie” è gentile e innocente, “First Portrait Series” si snoda su un duetto di pianoforte e viola con un incedere autunnale, spoglio, malinconico. Sembra di tornare all’illuminazione a gas e ad atmosfere rarefatte. “Wally, Egon and Models in studio” è sospesa sulle note grevi di Rachel Grimes, una marcia che si inerpica dandoci un senso di liberazione come se stessimo osservando un bellissimo paesaggio. “Egon & Edith”, Edith Harms ultima compagna del pittore, è quasi atonale, sperimentale, spezzettata, senza un apparente tema portante e pare di udire dei passi sempre più vicini come una sorta di monito. “Promenade” è una danza di spettri, una danza di sogni senza luce.

Negli anni successivi i Rachel’s pubblicheranno il sinistro “Selenography” con Giovanna Cacciola degli Uzeda ospite alla voce e l’ultimo album “Systems/Layers” del 2003. Tutti i lavori usciti con la mitica e post rockiana Quarterstick. Dopo di che il silenzio, anzi il buio perché il fondatore, Jason Noble morirà di cancro mettendo fine a questo viaggio nel 2012. I Rachel’s fanno parte di una nicchia assolutamente rara; musica colta? post rock? Qualsiasi definizione starebbe stretta perché non abbisogna di nessuna etichetta e a tal proposito la stessa Rachel Grimes ebbe a dire: “Non ho molto interesse a stabilire che tipo di musica stia suonando, la cosa non mi preoccupa affatto. Penso che il nostro pubblico sia composto da giovani che ascoltano musica molto differente, principalmente indie rock e questo dopotutto è anche il nostro background. Incidiamo per un’etichetta rock, il nostro modo di andare in tour, il modo in cui incidiamo dischi, il modo in cui scriviamo musica è molto simile a quello dell’indie rock. Ma suoniamo musica da camera con strumenti di una tradizione vecchia di 300 anni, così direi che entrambe le istanze sono presenti in un modo o nell’altro nella nostra musica. La ragione per la quale suoniamo principalmente musica strumentale è che in questo modo ci sentiamo molto più liberi nei confronti di un particolare significato o di una particolare sensazione. Sottoscrivo e aggiungo che dei Rachel’s bisogna far tesoro e custodirli come un medaglione antico, chiuso in uno scrigno di legno laccato e ogni tanto tirarlo fuori per ammirarne la bellezza e la grazia“.

Pubblicazione: 20 febbraio 1996
Durata: 47:03
Tracce: 12
Genere: Musica da camera, Post-rock
Etichetta: Quarterstick Ricords

Tracklist:
1. Family Portrait
2. Egon & Gertie
3. First Self-Portrait Series
4. Mime Van Osen
5. Second Self-Portrait Series
6. Wally, Egon & Models in the Studio
7. Promenade
8. Third Self-Portrait Series
9. Trio Goes to a Movie
10. Egon & Wally Embrace and Say Farewell
11. Egon & Edith
12. Second Family Portrait

 

Oggi “Mr. Beast”dei ...

I Mogwai che quindici anni fa si apprestavano a tornare sulle scene con “Mr. Beast”, quinto album sulla lunga distanza del loro ...

Oggi “Journeys To Glory” degli ...

Atmosfere epiche, suggestioni mitteleuropee e una quantità industriale di sintetizzatori dai suoni sporchi e freddi: è incredibile pensare ...

Any Given Friday – Ogni ...

Niente bollettino, quest’oggi: la musica italiana, infatti, è arrivata durante questa prima settimana di marzo, al suo annuale giro ...

Oggi “The Optimist LP” ...

C’è stato un tempo, primissimi anni 2000, in cui il genere “New Acoustic Movement” aveva quasi un senso: i giornali (made ...

Oggi “Bryter Layter” di ...

“Bryter Layter”, l’album più controverso tra i tre che Nick Drake ha realizzato prima di morire. Il “disco viola”, successore di ...