AXEL FLóVENT
You Stay by the Sea

[ Nettwerk - 2021 ]
7
 
Genere: Indie, folk, songwriting
 
22 Febbraio 2021
 

Axel Flóvent viene dall’Islanda ed è un cantautore.
Quella che state leggendo è la recensione del suo debut album, dal titolo “You Stay by the Sea”.

Tuttavia, questa non è la prima raccolta che l’artista pubblica: sono stati pubblicati, dal 2016 ad oggi, praticamente un EP all’anno insieme ad una serie di singoli i quali hanno contribuito a dipingere l’abilità di Flóvent nella scrittura di brani emotivi e carichi di sentimento.

Rispetto ai primi lavori, un po’ improntati al DIY, l’artista compie un enorme passo avanti affidandosi alle abili mani del produttore Ian Grimble (già collaboratore dei 1975 e dei Mumford & Sons), il quale attraverso l’aggiunta degli ottoni in praticamente ogni singola traccia, dona texture ed energia all’atmosfera dell’intero album.

La capitale islandese Reykjavík è la location perfetta per fare da sfondo e da ispirazione per “You Stay by the Sea”, opera malinconica e sospesa tra i pensieri dell’autore.
Il mood si percepisce già dalla prima traccia, “Tonight”, che imposta un po’ il sound soft folk dell’album. Seguono poi tracce tranquille come la dolce “Tourist”, in cui l’animo calmo e riflessivo di Flóvent si esprime al massimo, ma non mancano momenti più ritmati e vitali come “Driving Hours” e “Haunted”, quest’ultima impreziosita da un bell’assolo di tromba.

Per essere un debutto discografico, “You Stay by the Sea” non è niente male.
Sembra essere pervaso di un certo clima benefico fatto di calma accogliente e lentezza, che ci invoglia a rimanere in ascolto ancora un po’.
Speriamo solo che ci possa essere un’evoluzione e che Axel Flóvent non finisca, come il collega Passenger, a fare le cover di sé stesso.

Credit Foto: Magnus Andersen

Tracklist
1. Tonight
2. Driving Hours
3. Tourist
4. December Traffic
5. Blood
6. Fall Asleep
7. Still Awake
8. Indefinite
9. How Can I
10. Haunted
11. Fireworks
12. You Stay by the Sea
 
 

Shannon Lay – Geist

Il suo terzo album, “August”, era arrivato nell’estate del 2019 e ora Shannon Lay realizza anche il suo successore, sempre per la ...

The Ophelias – Crocus

Non sbagliano l’appuntamento con il terzo album le statunitensi The Ophelias, che con “Crocus” ci porgono sul piatto dodici deliziose ...

Public Service Broadcasting – ...

Non sembra fermarsi di fronte a niente e a nessuno l’ambizione dei Public Service Broadcasting, che hanno appena dato alle stampe un album ...

José Gonzalez – Local Valley

Come una fiaba sorprendente, costellata di spigoli d’acqua e di paesaggi da troppo tempo dimenticati, la musica di José González ...

Ministry – Moral Hygiene

Non so dire se sia appetibile perpetrare l’ennesimo rituale di espiazione dei mali della società capitalistica, di un’amara e ...