JOHN CARPENTER
Lost Themes III: Alive After Death

[ Sacred Bones Records - 2021 ]
7.5
 
Genere: elettronica
 
22 Febbraio 2021
 

Se siete amanti del cinema horror, probabilmente conoscerete a memoria ogni singola scena dei classici diretti da John Carpenter. Un maestro della settima arte che, a cavallo tra gli anni ’70 e ’90, ci ha regalato una sfilza impressionante di capolavori: il primo “Halloween”, “La cosa”, “Il signore del male”, “Essi vivono” e “Il seme della follia”. E mi sono limitato a citare solo alcuni tra i più noti, perché altrimenti la lista sarebbe lunghissima.

Con un curriculum del genere, vi chiederete voi, com’è possibile che il nostro idolo, da qualche tempo a questa parte, sia stato dimenticato dalle grandi case di produzione hollywoodiane? Sta di fatto che è da un decennio abbondante che Carpenter non siede dietro la macchina da presa per la realizzazione di un lungometraggio, e questo ci rende tutti infinitamente tristi. La sua decisione di dedicarsi anima e corpo alla musica, invece, è motivo di enorme gioia per gli appassionati. Perché le colonne sonore dei suoi film – nella maggior parte dei casi, almeno – sono state composte ed eseguite proprio da lui, che è anche un provetto tastierista.

“Lost Themes III: Alive After Death”, come si evince facilmente dal titolo, è la sua terza uscita discografica senza alcun legame con il cinema. A esclusione delle atmosfere da soundtrack orrorifica, naturalmente: quelle ce le ha impresse nel DNA. Ancora una volta, dopo le fruttuose collaborazioni per “Lost Themes” (2015) e “Lost Themes II” (2016), sono tornati a dare una mano il figlio Cody Carpenter (anch’esso ai synth) e il figlioccio Daniel Davies (chitarrista il cui padre naturale è nientepopodimeno che Dave Davies dei Kinks).

L’intesa all’interno del trio, consolidatasi nel corso dei recenti tour, è ormai totale. Stando alle parole del regista, tutti i dieci brani dell’album sono nati dalla condivisione di piccole idee: un giro di basso, una frase musicale o un pattern ritmico eseguito su una drum machine. Minuscoli frammenti sonori dalla cui fusione prendono forma una serie di pezzi strumentali densi, articolati ed estremamente oscuri, che si evolvono di secondo in secondo sulla scia di ruvide melodie crepuscolari (“Weeping Ghost”, “Cemetery”, “The Dead Walk” e la fenomenale “Vampire’s Touch”, con un finale in crescendo davvero da brividi) e sfumature malinconiche sorprendenti perché inaspettatamente soft (“Dripping Blood”, “Turning The Bones” e l’imponente “Carpathian Darkness”, caratterizzata da sontuose influenze classicheggianti).

Gli elementi tradizionali del sound carpenteriano ci sono tutti: i temi memorabili disegnati dai sintetizzatori analogici e modulari; i chitarroni prepotenti alla “Pork Chop Express” (da “Grosso guaio a Chinatown”); il mix geniale e straordinariamente raffinato tra l’elettronica dark e minimale, il rock più muscolare e certe allusioni agli anni ’80 evidenti ma difficili da definire, in bilico tra i Tangerine Dream, l’AOR e il Vince DiCola di “Rocky IV”.

C’è però anche il desiderio di realizzare qualcosa di più complesso e sperimentale rispetto al passato, con brani lunghi ed elaborati in cui si avverte con forza non solo l’impegno creativo di tutte le menti coinvolte nel progetto, ma anche il riuscito distacco dal medium cinematografico. Questo per dire che “Lost Themes III: Alive After Death”, nonostante l’indelebile marchio filmico, si fa apprezzare per quello che è, ovvero un ottimo album di musica elettronica vagamente vintage. Nessuna offesa per il maestro John Carpenter, che invece lo aveva definito “una colonna sonora per pellicole immaginarie”. Anzi, semmai tutto il contrario.

Tracklist
1. Alive After Death
2. Weeping Ghost
3. Dripping Blood
4. Dead Eyes
5. Vampire’s Touch
6. Cemetery
7. Skeleton
8. Turning The Bones
9. The Dead Walk
10. Carpathian Darkness
 
 

Blind Golem – A Dream of ...

Se non fosse uscito all’alba del 2021 , sarebbe probabilmente finito nella personale ed annuale top 10 che ho l’onere, ma soprattutto ...

Ryley Walker & Kikagaku Moyo ...

Tre anni fa Ryley Walker ha tenuto a battesimo la sua piccola etichetta Husky Pants dedicata a pubblicare collaborazioni, split record, ...

Psychedelic Porn Crumpets – ...

E’ già da tempo che noi di Indie for Bunnies abbiamo messo gli occhi addosso a questa band australiana che ora arriva al quarto ...

Wild Pink – A Billion Little ...

Come forse ricorderete, la Tiny Engines non aveva pagato le royalties a numerosi dei suoi artisti, che le hanno poi fatto causa e ...

The Hold Steady – Open Door ...

E’ passato appena un anno e mezzo dall’uscita di “Trashing Thru The Passion”, ma nel frattempo tante cose hanno cambiato il ...