PALE WAVES
Who Am I?

[ Dirty Hit - 2021 ]
5.5
 
Genere: Pop-rock
Tags:
 
1 Marzo 2021
 

Who Am I?
Bella domanda… chi sei Heather Baron-Gracie?
Avril Lavigne? Alanis Morisette? Dolores O’Riordan?
Bo. Una cosa è certa: il secondo disco dei Pale Waves è un album ben prodotto e assettato.

Il disco suona bene, il sound è bello pieno e il groove generale è oggettivamente molto efficace.
Ma in che anno siamo?
L’artista che viene evocato dal progetto e che subito appare nella mente ascoltando l’ex cover band dei 1975 è sicuramente Avril Lavigne. Ecco, diciamo che l’album suona molto meglio dei dischi di Avril di 15 e passa anni fa; i Pale Waves sono una vera band che suona davvero e certamente con una buona qualità tecnica.

Ma a me viene subito una domanda: chi può apprezzare un disco del genere?
A chi è rivolto? Ai ragazzini di oggi o a quelli di ieri?
Esiste qualcuno che si strappa i capelli per questo pop-rock molto teen nel 2021?
Magari sì, lo dico onestamente, potrebbe anche essere, ma di che nicchia si tratta? Che dimensioni ha?
I Pale Waves nell’ambiente vengono tacciati di poca originalità e di proporre musica commerciale.
Ma perché è commerciale questa musica oggi? Io non credo, purtroppo per loro.
“Who Am I?” è un album che ti lascia spiazzato perché è davvero inaspettato e allo stesso tempo prevedibile.

“Fall To Pieces” è il brano più riuscito, dove le qualità della band emergono più distintamente. Siamo solo alla seconda traccia, dopo la quale  troviamo qualche altro buon singolo come “She’s My Religion” e “Easy”. Proseguendo con un ascolto più organico dell’opera diciamo che certamente l’orecchio e il cervello si stancano abbastanza rapidamente della melensa assenza di significato delle parole e della ripetitività compositiva della band inglese. Il muro di gomma del suono dei Pale Waves porta inesorabilmente l’ascoltatore a tediarsi e a infastidirsi perfino della voce della pur brava Heather Baron-Gracie in brani come “Odd Ones Out” e “Run To”. Brrrr…

Non ho sinceramente idea di che cosa cerchino davvero di fare i Pale Waves con la loro musica. A me piace pensare che siano semplicemente 4 giovani  innamorati di quel genere che ascoltavano da ragazzini in cameretta, magari grazie alle charts di MTV, e che si siano messi insieme per provare a riprodurlo perché la cosa li rendeva davvero felici.

Tutto molto strano.
Non so… bravi?

Credit Foto: Tom Pullen

Tracklist
1. Change
2. Fall to Pieces
3. She's My Religion
4. Easy
5. Wish U Were Here
6. Tomorrow
7. You Don't Own Me
8. I Just Needed You
9. Odd Ones Out
10. Run To
11. Who Am I?
 
 

a/lpaca – Make It Better

“Make It Better” è l’album d’esordio del gruppo mantovano a/lpaca uscito sia in vinile, che CD, che musicassetta e anche ...

Ben Howard – Collections From ...

Il terzo disco di Ben Howard (“Noonday Dream” uscito nel 2018 qui la recensione) ha fatto conoscere anche in Italia il talento di un ...

Cathal Coughlan – Song Of Co ...

L’etichetta di segreto meglio custodito d’Irlanda e Gran Bretagna è sempre stata stretta a Cathal Coughlan. Fondatore dei Microdisney ...

Big Niente – Big Niente

Big Niente è la creatura di Alessio Rinci che ha sfruttato al meglio l’isolamento domestico del lockdown 2020 per dar vita a questi sette ...

The Antlers – Green To Gold

Dopo sette lunghi anni, da “Familiars” del 2014, il duo di Brooklin – composto da Peter Silberman e Michael Lerner – torna ...