PAUL LEARY
Born Stupid

[ Joyful Noise Recordings - 2021 ]
8
 
Genere: alternative rock, psychedelic, experimental
 
3 Marzo 2021
 

Per non lasciarci travolgere dalla tristezza in questi tempi maledetti abbiamo bisogno di musica folle, assurda e soprattutto divertente. E allora ecco che arriva a darci un prezioso aiuto Paul Leary, il chitarrista dei leggendari Butthole Surfers – ovvero i maestri della pazzia applicata all’alternative rock. “Born Stupid”, il suo secondo album solista, viene pubblicato a distanza di trent’anni dall’esordio intitolato “The History of Dogs”. Dal 1991 a oggi il mondo è cambiato; persino peggiorato, secondo molti aspetti.

Viviamo un’epoca ambigua che scorre via tra incredibili prodigi scientifici e inspiegabili cretinerie scambiate per questioni di rilievo. Scemenze che sono frutto di un processo di involuzione che purtroppo ormai riguarda un po’ tutti noi, anestetizzati come siamo di fronte a qualsiasi orrore mediatico. Che siano innocue sciocchezze o pericolose bestialità, il risultato è sempre lo stesso: di giorno in giorno, le nostre menti si intorpidiscono.

Con un cervello in pappa è difficile riuscire a fare qualcosa di buono. Se ti chiami Paul Leary, però, puoi considerarti fortunato: per te l’idiozia è puro oro. Le dieci tracce di “Born Stupid” suonano tanto imbecilli quanto geniali. Di primo acchito l’approccio del chitarrista texano alle sonorità classiche del country, del blues e del rock potrebbe sembrare naïf, quando non addirittura parodistico. La realtà è però ben diversa: Leary si diverte un mondo a farci credere di essere un fesso mentre, sotto sotto, sperimenta e trova soluzioni originali, con l’obiettivo di rendere più interessante una raccolta di canzoni demenziali nella sostanza ma non nella forma, poiché aggraziate da ricchissimi arrangiamenti.

L’anima, però, resta lo-fi: alla fine, nonostante i numerosi “abbellimenti” (cori, organi, carillon stonati e pompose orchestre digitalizzate) domina un costante senso di gioiosa e caotica imperfezione. L’amore per la psichedelia più alterata e malata fa da traino a un breve viaggio (ventotto minuti appena) che parte con lo spaghetti western robotico della title track e prosegue, di sorpresa in sorpresa, con filastrocche da carnevale lisergico (“Do You Like To Eat A Cow”, “Sugar Is The Gateway Drug”), incubi metallici alla Butthole Surfers (“What Are You Gonna Do”), feste tra cowboy indemoniati (“Mohawk Town”), singalong su valzer sgangherati (“Throw Away Freely”), sconclusionati mix strumentali tra musica da ascensore e industrial (“Gold Cap”) e, dulcis in fundo, una ballataccia piratesca che trasuda alcol di pessima qualità da tutti i pori (“The Adventures Of Pee Pee The Sailor”).

In mezzo a questo delirio trovano spazio due allucinanti cover dei Butthole Surfers, entrambe pesantemente modificate: “Gary Floyd”, che abbandona il grezzissimo punk delle origini per trasformarsi in una ballad acustica con tanto di delicati sussurri e assolo di violino, e “The Shah Sleeps In Lee Harvey’s Grave” (titolo abbreviato in “The Shah Revisited”) che viene spogliata della sua furia proto-grindcore per trasformarsi in un ridicolo numero da circo di serie Z, con una linea melodica ricalcata sul modello della già citata “Do You Like To Eat A Cow”.

Quando non prova ad ammaliarci con il suo timbro da crooner ubriaco, Paul Leary si diletta nel camuffare la propria voce utilizzando una miriade di effetti deformanti ed esilaranti, quasi volesse farci credere di essere un personaggio dei cartoni animati. È solo uno dei tanti stratagemmi che il nostro utilizza per rendere ancora più stravagante e gustosa l’esperienza di ascolto di un piccolo disco capace di mostrarci la bellezza che si nasconde dietro ciò che è brutto, stupido e cattivo. Grazie per le risate!

Tracklist
1. Born Stupid
2. Do You Like To Eat A Cow
3. Sugar Is The Gateway Drug
4. What Are You Gonna Do
5. The Shah Revisited
6. Mohawk Town
7. Throw Away Freely
8. Gold Cap
9. Gary Floyd Revisited
10. The Adventures Of Pee Pee The Sailor
 
 

a/lpaca – Make It Better

“Make It Better” è l’album d’esordio del gruppo mantovano a/lpaca uscito sia in vinile, che CD, che musicassetta e anche ...

Ben Howard – Collections From ...

Il terzo disco di Ben Howard (“Noonday Dream” uscito nel 2018 qui la recensione) ha fatto conoscere anche in Italia il talento di un ...

Cathal Coughlan – Song Of Co ...

L’etichetta di segreto meglio custodito d’Irlanda e Gran Bretagna è sempre stata stretta a Cathal Coughlan. Fondatore dei Microdisney ...

Big Niente – Big Niente

Big Niente è la creatura di Alessio Rinci che ha sfruttato al meglio l’isolamento domestico del lockdown 2020 per dar vita a questi sette ...

The Antlers – Green To Gold

Dopo sette lunghi anni, da “Familiars” del 2014, il duo di Brooklin – composto da Peter Silberman e Michael Lerner – torna ...