OGGI “THE OPTIMIST LP” DEI TURIN BRAKES COMPIE 20 ANNI

 
5 Marzo 2021
 

C’è stato un tempo, primissimi anni 2000, in cui il genere “New Acoustic Movement” aveva quasi un senso: i giornali (made in UK per lo più) ci costruivano sopra storie e si creava la cerchia di band che inevitablmente ne faceva parte. Pure i Coldplay, seppure di striscio, ci erano finiti dentro con “Parachutes”. In realtà i pesi massimi del genere erano, a detta dei media, altri, ovvero Badly Drawn Boy, I Am Kloot, Alfie, It’s Jo And Danny, Turin Brakes, Ben & Jason e naturalmente i Kings of Convenience.

Dove prima c’era il rumore e le chitarre distorte ecco che ora la parola d’ordine era acustica e andamenti morbidi, tra folk e pop. Elementi chiave di riferimento erano tanto il Jeff Buckley più acustico quanto gli andamenti caldi, evocativi e avvolgenti di Crosby, Stills, Nash & Young e Simon & Garfunkel. Voci suggestive, livelli noise ridotti allo zero, melodie limpide e arrangiamenti semplici e non particolarmente elaborati (forse solo Ben & Jason lavoravano di fino sugli archi). La ricetta era semplice.

Anche in Italia arrivarono gli echi del NAM, con Kings of Convenience a tirare la carretta, ma anche i Turin Brakes di Olly Knights e Gale Paridjanian ebbero il loro buon seguito. “The Optimist LP” è il loro esordio e mette in luce tutte le caratteristiche che spinsero la critica a far rientrare i ragazzi nel gran calderone. Andamenti intimi e crepuscolari, con qualche aumento di tono giusto per non farci cadere nel torpore e arrangiamenti sempre misurati. Un pizzico di delicata popedelia anni ’60, i già citati Crosby, Stills, Nash & Young e forse pure gli America a fare da modelli preziosi: il tutto scorre via in modo piacevole, non memorabile certo, ma almeno piacevole. I sussulti più graditi arrivano con il singolo “Underdog (Save Me)”, la chitarra elettrica che fa capolino in “Slack” e l’intensità di “The Road” che merita realmente la palma di miglior brano dell’album, in virtù di un animo quasi country che fa capolino.

Pubblicazione: 5 marzo 2001
Durata: 51:36
Dischi: 1
Tracce: 12
Genere: Folk rock
Etichetta: Source (UK)

Tracklist:
1. Feeling Oblivion
2. Underdog (Save Me)
3. Emergency 72
4. Future Boy
5. The Door
6. State Of Things
7. By TV Light
8. Slack
9. Starship
10. The Road
11. Mind Over Money
12. The Optimist

 

Oggi “Old Ramon” dei Red House ...

Non poteva che essere amaro l’epilogo della storia dei Red House Painters, fuoriclasse della tristezza in musica oltre che autori di una ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Emperor Tomato ...

Venticinque anni fa veniva pubblicato “Emperor Tomato Ketchup”, l’album che segnava l’apogeo artistico dagli ...

This Isn’t Happening: ...

C’è un libro di Steven Hyden – critico musicale americano – edito dalla Rizzoli, che potete trovare in questi giorni in ...

Oggi “Real Life” dei ...

L’anno scorso abbiamo approfittato di questa rubrica per rievocare un paio di pezzi della carriera di un gruppo che ricorderanno solo ...