BLIND GOLEM
A Dream of Fantasy

[ Andromeda Relix - 2021 ]
7
 
Genere: hard-rock
Tags:
 
6 Marzo 2021
 

Se non fosse uscito all’alba del 2021 , sarebbe probabilmente finito nella personale ed annuale top 10 che ho l’onere, ma soprattutto l’onore, di stilare da due anni a questa parte per il nostro amato sito , dato che lo acquistai in anteprima in versione cd a dicembre 2020 (ognuno ha i suoi pusher e non sono tutti veicolo di morte e sventura)

Come minime ma fondamentali informazioni su questo nuovo progetto, pertanto al debutto discografico, non posso esimermi nel raccontarvi che due componenti della band sono artefici dell’ormai consolidato gruppo di matrice hard blues Bullfrog, sinonimo di qualità e viscerale passione .

Allo stesso modo va segnalata la presenza autorevole del compianto membro fondatore degli Uriah Heep, Ken Hensley nonché, con nota tutt’altro a margine, la circostanza che la splendida copertina è opera di Rodney Matthews, celebre autorità in materia.

Progetto di canzone inedite, dopo l’esperienza dei Forever Heep, tribute band degli Uriah Heep e visto il risultato, scelta quantomai azzeccata quella di voler volare con le proprie ali.

Il nome Uriah Heep che emerge ad ogni dove, non rende difficile immaginare su quali coordinate sonore si muova “ A Dream of Fantasy”, memore della mai stanca lezione del miglior hard rock settantiano di matrice inglese, con in testa e nel cuore compagini come Led Zeppelin, Deep Purple, primi Rainbow, Ufo e via discorrendo.

Un album che, a fronte di una endemica mancanza di originalità (ma chi osa ancora pensare che si debba giocoforza trincerarsi dietro l’appellativo di “nuovo, sperimentale, originale, autentico” per giudicare come meritevole una espressione artistica?) , considerando quali luoghi ed immaginari sonori vengono battuti nell’arco della scaletta, ha numerose qualità indiscutibili che mi portano a consigliarlo calorosamente non solo agli amanti di sonorità vintage.

In primis una qualità alta di scrittura, oltre ad una produzione di respiro internazionale con una resa sonora potente ma al contempo raffinata e cristallina, nonché le doti strumentali della band, sui cui vale la pena fare un plauso alla chitarra di Silvano Zago, sempre efficace e fantasiosa.

L’album si apre in maniera convincente già con l’opener “Devil in a dream”, che non avrebbe sfigurato in nessun album dell’era Purple con Steve Morse; in generale accanto a brani granitici come “Blind Light”, “The Ghost of Eveline” o “Pegasus”, spiccano invero le ballate, tra cui vale la pena citare “The day is gone”, dato che il magnetico e sognante riff di chitarra che contraddistingue il brano mi ha fatto letteralmente sobbalzare al primo ascolto, convinto che Blackmore si fosse reincarnato nei primi Rainbow.

Tracklist
1. Devil In A Dream
2. Sunbreaker
3. Screaming To The Stars
4. Scarlet Eyes
5. Bright Light
6. The Day Is Gone
7. The Ghost Of Eveline
8. Night Of The Broken Dreams
9. Pegasus
10. The Gathering
11. Star Of The Darkest Night
12. Carousel
13. Living And Dying
14. A Spell And A Charm
 
 

Hey, King! – Hey, King!

Si presentano con un biglietto da visita di tutto rispetto le Hey, King! : un album d’esordio prodotto da Ben Harper (già al loro fianco ...

Dry Cleaning – New Long Leg

Tutti pazzi per i Dry Cleaning, volendo parafrasare il titolo di un celebre film, ancorché in tal caso non vi è nulla di comico o ironico ...

Glasvegas – Godspeed

<Non pensavo ci avrei messo così tanto> dice James Allan, ormai de facto padrone di casa Glasvegas (scrive, produce, registra), che ...

The Fratellis – Half Drunk ...

Per fortuna una band pop-rock può ancora crescere (o invecchiare, che dir si voglia) senza scimmiottare i ragazzi che sono stati, o ...

Tomahawk – Tonic Immobility

Mi ero chiesto giusto recentemente che fino aveva fatto Mike Patton, se c’è uno cui il music biz ha bisogno, uno che sparigli le ...