EP: YARD ACT
Dark Days

 
di
8 Marzo 2021
 

4 tracce, poco più di 13 minuti. E’ questo il biglietto da visita, sulla breve gittata, per gli Yard Act.

La band di Leeds capitanata da James Smith è un nome da tenere d’occhio: il loro post-punk si rifà alla vecchia scuola, trasuda anni ’80, ha passo fiero ma non invadente, Smith è abile paroliere a ricamare sulla trama, con andazzo più spoken che melodico (e chiaramente left-oriented), flirtando slacker con lo sprechgesang più che col rock, come la scuola del califfo Mark E Smith impone.

Lo spleen generazionale è evidente, lo storytelling cinico ma spesso da scherzoso commediante, la sezione ritmica semplice quanto contagiosa, le sei corde della chitarra vengono toccate per creare riff angolari o vortici elettrolitici più consoni a tenere le sinapsi attive.

La scena post-punk inglese sta vivendo un momento di forma eccellente: l’avevamo già detto a più riprese, nevvero?

Listen & Follow:
Yard Act: Spotify | Bandcamp | Facebook

 

All’asta la chitarra che ...

All’inizio di febbraio, Phoebe Bridgers ha suonato al Saturday Night Live, rompendo poi la sua chitarra nel finale. Ricordiamo bene le ...

EP: Oracle Sisters – Paris II

E’ un piacere segnalare il ritorno degli Oracle Sisters, che pubblicano, via 22Twenty, il loro secondo EP, chiamato “Paris II”, ...

James Vincent McMorrow annuncia il ...

James Vincent McMorrow è tornato con la notizia del suo primo album in quattro anni, “Grapefruit Season” (atteso il 16 luglio, ...

Nuovo cofanetto in arrivo per Joni ...

Joni Mitchell pubblica un nuovo cofanetto che guarda al passato. “The Reprise Albums (1968-1971)”, conterrà i suoi quattro ...

Ascolta “Holding Onto ...

An Early Bird ci dimostra che il suo percorso attuale non è fatto solo di piacevoli (e riuscite) sperimentazioni, ma c’è sempre un ...