“IL NOSTRO SARà L’ALBUM A TRAZIONE CHITARRISTICA PIù IMPORTANTE DELL’ANNO”: DUE CHIACCHIERE CON GLI AMBIZIOSI AFFLECKS PALACE

 
di
8 Marzo 2021
 

Li abbiamo messi nel mirino immediatamente, ce ne siamo innamorati subito dopo.

Gli Afflecks Palace sono state una delle band che più ci è piaciuta sin dall’esordio, la loro crescita è costante, le aspettative alte: fare due chiacchiere con J, il frontman della band di Manchester, è stato un vero piacere.

Ciao J, chi sono gli Afflecks Palace? E come/quando si sono conosciuti?
Gli Afflecks Palace sono una band psych di 4 elementi, formatasi a Manchester nell’Estate 2019. Ci conoscevamo tutti da tempo, poiché suonanavamo insieme in alcune cover band.

Musicalmente parlando, quali sono le vostre più grandi fonti d’ispirazione?
La nostra musica è ispirata dai The La’s, dai The Stone Roses, The Smiths, The Verve, Durutti Column, Kurt Vile e Minor Threat.

Quando avete deciso di fare musica insieme?
Io e Dan avevamo già l’ossatura di “Forever Young” pronta da qualcosa come 5 anni, prima che trovassimo il tempo di finire il brano. Pianificammo di diffondere “Forever Young” senza ambizione di rilasciare altra musica ma una reazione così positiva ci ha incoraggiato a scrivere e registrare altre 3 canzoni per il nostro EP di debutto “Hello. Is Anyone Awake?“. Da lì l’ascesa.

Con quali strumenti suonate?
Dan usa una Fender Stratocaster 1966 Tobacco Sunburst che ha comprato a Charlottesvile, in Virginia, una Gibson Cherry Red del 1973 comprata da un collezionista nel South Yorkshire a una Gibson Les Paul In Sunburst comprata a Nashville; Darling usa un Fender P-Bass dal vivo ma per le registrazioni ha usato un Epiphone Jack Casady; Redshaw usa un set vintage Premier; io canto ad un Beta sm58 dal vivo e ad un SE2200 nel mio studio.

Dimmi qualcosa (più di qualcosa, spero!) sui vostri 2 EP.
Li ho prodotti da solo con la co-pruduzione di James Kenosha che si è occupato anche del missaggio. Ha un talento straordinario, seguitelo su Instagram.
Autoprodursi vuol dire avere pieno controllo creativo: un lusso, ma sta tutto a te. Se le tracce hanno presa sull’ascoltatore o meno, dipende solo da te, se va male non te la puoi prendere con nessuno 🙂

Dimmi qualcosa della vostra etichetta, Spirit of Spike Island.
SOSI è un’azienda d’abbigliamento indipendente che ha supportato l’uscita del nostro singolo di debutto “Forever Young”. Da qual momento, ci siamo occupati della parte musicale, e abbiamo messo sotto contratto 3 nomi: i Pastel, AJ Gallagher ed un altro che verrà rivelato a tempo debito. Il 2021 sarà l’anno migliore – quindi se ci volete supportare, comprate una maglia a logo SOSI e spargete la voce.

I Pastel: che ci dici loro?
I Pastel sono un quintetto shoegaze, capitanato dai cugini James e Jack Yates di Manchester. Ho prodotto il loro EP di debutto che verrà rilasciato in formato digitale e in edizione limitata in vinile via Spirit of Spike Island la prossima estate. Il loro suono è qualcosa tra i Verve, Beck e gli Oasis – assolutamente brillante. Andateveli a scoprire.

Quanti concerti avete fatto fino ad oggi? Come sono andati? Qualcosa in programma per il futuro (Covid permettendo)?
Uno solo per il momento – un concerto al Band on The Wall a Manchester. Il nostro EP di debutto era uscito poche settimane prima e la folla cantava già le canzoni insieme a noi, parola per parola. Strabiliante!
Saremo in tour per il Regno Unito a Settembre, toccheremo Manchester, Londra, Birmingham, Bristol, Glasgow, Newcastle, Ramsgate e Nottingham, con i Pastel a supporto. Potete acquistare i biglietti sul nostro sito.

Tre festival in cui sognate di suonare?
Il SXSW ad Austin (Texas), l’Airwaves a Reykjavík e Way Out West a Göteborg. Mi piacerebbe anche suonare al Green Man nel Regno Unito.

Una band con cui vi piacerebbe suonare?
I La’s – con Cammy alla chitarra solista, Neil Mavers alla batteria e John Power al basso. Lee Mavers sembrava aver trovato musicisti al loro posto quando questi litigarono con lui, ma le altre line up non erano così valide, secondo me 🙂

Se dico Stone Roses, che mi rispondi?
Ascolto essenziale.

Il nome di una band semi-sconosciuta che ti sentiresti di consigliare?
Apparat Organ Quartet… ascoltate il loro pezzo “Cargo Frakt”. Sono islandesi e me li ha suggeriti il proprietario di Toner 9 Records a Reykjavík.

Nuovo materiale all’orizzonte?
Sì – un album nel 2021. E’ stato appena masterizzato da John Davis al Metropolis di Londra e sarà l’album a trazione chitarristica più importante dell’anno.

Possibilità di vedervi in Italia?
Amo l’Italia – il cibo, la gente, la cultura… quindi o suonando con gli Afflecks Palace o in vacanza, ci tornerò, prima o poi – nessun dubbio.

Listen & Follow:
Afflecks Palace: Spotify | Facebook | Website

 

“Un po’ come il ...

Di Immune, abbiamo già avuto modo di parlare, eccome. Il cantautore piemontese è stato per diverso tempo protagonista dei nostri ...

Il nuovo video (in anteprima) e ...

di Riccardo Cavrioli e Manuel Apice E’ con grande piacere che oggi presentiamo, in anteprima, il nuovo video di Ettore Giuradei, ...

“L’arte è il grande trait ...

di Beatrice Dusi e Riccardo Cavrioli “Songbook n.1” (order), l’album d’esordio di Bruce and Steve è una raccolta di ...

“Penso che il palco abbia ...

Deena Lynch è una musicista, visual artist e fotografa di stanza a Brisbane: dopo aver realizzato due album a suo nome, lo scorso anno ha ...

“Se invece il testo e’ ...

In occasione dell’uscita del suo secondo singolo per Revubs Dischi (di cui abbiamo avuto modo di parlare anche nel bollettino di ...