TINDERSTICKS
Distractions

[City Slang- 2021]
6.5
 
Genere: Indie pop-rock barocco
 
8 Marzo 2021
 

Dall’isolamento collettivo globale che ha costretto con la sua invisibile ed ineffabile forza miliardi di persone a un ritiro nelle proprie abitazioni e nei propri pensieri, è scaturito anche questa nuova opera dei Tindersticks.
La band di Stuart Staples realizza un nuovo album, seguito dell’ottimo “No Treasure But Hope” del 2019, che contiene 3 cover (“A Man Needs a Maid” di Neil Young, “Lady with the Braid” di Dory Previn, “You’ll Have to Scream Louder” dei Television Personalities) e 4 inediti soffusi e profondi.

“Distractions” non è comunque da considerarsi un “lockdown album”, come chiarisce lo stesso Stuart Staples:“I think the confinement provided an opportunity for something that was already happening. It is definitely a part of the album, but not a reaction to it.”

I tre brani “presi in prestito” da altri artisti si innestano alla perfezione nel cuore di “Distractions”, senza quasi che si riesca ad avvertire un cambiamento nella scrittura e nella composizione.
La prima parte del disco è sentita e porta l’ascoltatore a partecipare attivamente all’ascolto, ma scivola via fino alle cover come acqua corrente: fresca, piacevole, ma facilmente confondibile nei ricordi e destinata a perdersi.
Le ultime due tracce sono le canzoni che ho apprezzato di più. “Tue-Moi”, cantata in francese, è una ballata sontuosa e delicata. “The Bough Bends” è il miglior brano di “Distractions” per quel che mi riguarda, uno squarcio sull’introspezione di Staples che ci conduce in un prato assolato e silenzioso dove da soli con noi stessi riusciamo a ritrovare il senso del nostro incedere fino alla fine.
“Distractions” è un’opera genuina e ispirata che pecca soltanto di scarsa originalità.

Scarsa originalità per una band come i Tindersticks ovviamente.

Credit Foto: Richard Dumas

Tracklist
1. Man Alone (Can't Stop the Fadin')
2. I Imagine You
3. A Man Needs A Maid
4. Lady with the Braid
5. You'll Have to Scream Louder
6. Tue-Moi
7. The Bough Bends
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Florist – Florist

A tre anni esatti di distanza dal suo terzo LP, “Emily Alone”, Florist ha realizzato questo suo omonimo nuovo lavoro sulla lunga ...

Danger Mouse & Black Thought ...

Sodalizio di lunga data quello tra Tariq Trotter / Black Thought e Brian Burton / Danger Mouse visto che risale al lontano 2005 / 2006 ma il ...

Sylvan Esso – No Rules Sandy

Dieci anni di carriera, anniversario importante per i Sylvan Esso che celebrano l’arrivo in doppia cifra con un nuovo album, “No Rules ...

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Recent Comments