MELVINS
Working With God

[ Ipecac Recordings - 2021 ]
6.5
 
Genere: alternative metal, sludge
 
17 Marzo 2021
 

È un bel viaggio indietro nel tempo quello che i Melvins hanno deciso di intraprendere con il nuovo “Working With God”, ventiquattresimo album realizzato nel corso di una prolificissima carriera che non accenna minimamente a rallentare. A distanza di otto anni da “Tres Cabrones”, la band del nord-ovest americano richiama il vecchio amico Mike Dillard alla batteria per un ritorno all’essenzialità degli esordi, facendo difatti risorgere la formazione del periodo 1983-1984 con l’irremovibile Buzz Osborne alla voce e alla chitarra e Dale Crover trasferito al basso.

Tanti saluti quindi alla sezione ritmica allargata e alle tentazioni psichedeliche del precedente “Pinkus Abortion Technician”: “Working With God” è un disco che predilige la semplicità di un alternative metal vecchissimo stampo pieno zeppo di riferimenti allo sludge, al thrash, all’hardcore, al grunge e all’hard rock. In poche parole: una botta micidiale.

I Melvins picchiano duro e senza remore, regalandoci tra l’altro riffoni davvero pazzeschi. Quelli di “Negative No No”, “Bouncing Rick”, “Caddy Daddy”, “Brian, The Horse-Faced Goon”, “Boy Mike” e “Hot Fish” – praticamente ho citato tutti i brani in scaletta – sono spettacolari, capaci come sono di innalzare le sorti di tracce che altrimenti avrebbero fatto fatica a lasciare un segno. Dico così perché purtroppo questo lavoro è un po’ troppo ordinario per poter essere annoverato tra le migliori produzioni di King Buzzo e compagni.

I consueti divertissements inclusi, se non altro, servono a diversificare un minimo la proposta, alleggerendo quindi un piatto decisamente pesante. La cazzonaggine di “I Fuck Around” (rilettura punk e super-volgare della celeberrima “I Get Around” dei Beach Boys), le solari sonorità ‘60s di “1 Fuck You” e le stonature a cappella di “Goodnight Sweet Heart” aggiungono un po’ di ironia a questo vero e proprio monumento alle sonorità dure, scolpito nella roccia da un trio magari non ispiratissimo, ma comunque compatto e affiatato come non mai.

Tracklist
1. I Fuck Around
2. Negative No No
3. Bouncing Rick
4. Caddy Daddy
5. 1 Brian, The Horse-Faced Goon
6. Brian, The Horse-Faced Goon
7. Boy Mike
8. 1 Fuck You
9. Fuck You
10. The Great Good Place
11. Hot Fish
12. Hund
13. Goodnight Sweet Heart
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Alex G – God Save The Animals

Nono album (e quarto per la Domino) per il prolifico Alexander Giannascoli da Havertown, Pennsylvania: il disco, che arriva a tre anni dal ...

Crack Cloud – Tough baby

Tornano i Crack Cloud, collettivo di Vancouver che continua ad esprimersi in maniere indipendente e che riesce ancora a confermare le ...

Cesare Malfatti – I Catari di ...

Cesare Malfatti non è un detective ma dell’investigatore ha l’acume e l’indole soprattutto quando la sua innata curiosità lo spinge ...

Johnny DalBasso – Lo Stato ...

Avevamo lasciato Johnny DalBasso qualche mese fa alle prese con i sei brani de “Lo Stato Canaglia”, progetto di ampio respiro che il ...

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

Recent Comments