“MOLTE DELLE CANZONI SONO STATE SCRITTE IN UN PERIODO MOLTO SIMILE, A LIVELLO PERSONALE, A QUELLO DEL LOCKDOWN.” RON GALLO CI PARLA DEL SUO NUOVO LP

 
di
19 Marzo 2021
 

di Beatrice Dusi e Antonio Paolo Zucchelli

Il terzo album di Ron Gallo, “Peacemeal”, è uscito pochissimi giorni fa via New West Records a distanza di quasi due anni e mezzo dal precedente, “Stardust Birthday Party”. Il musicista di stanza a Philadelphia ha sperimentato nuovi generi come jazz, hip-hop e R&B, andando a creare un disco decisamente diverso dai suoi precedenti, ma non per questo meno interessante. Noi di Indieforbunnies.com abbiamo scambiato due chiacchiere veloci con lui via e-mail per farci raccontare maggiori dettagli sul nuovo LP e non solo. Ecco cosa ci ha detto:

Ciao Ron, come stai? Come stanno andando le cose negli Stati Uniti? Tu e tua moglie Chiara avete già intenzione di tornare in Italia durante l’estate (in attesa che tu possa suonare di nuovo all’Hana-Bi di Marina Di Ravenna!)?
Ciao! Va tutto bene. Mi sono appena sistemato a Filadelfia e mi sento bene, sembra anche che nell’aria ci sia un po’ di speranza ed è passato molto tempo dall’ultima volta che sono riuscito a dirlo. Speriamo di venire in Italia subito a giugno e, se riusciremo a suonare all’Hana-Bi quest’estate, sarà un sogno che si avvera.

Il tuo nuovo LP “Peacemeal” uscirà tra pochi giorni: quando è stato scritto? Il tuo modo di scrivere è stato in qualche modo influenzato da questo folle anno?
Ho scritto molte canzoni durante l’estate 2019 quando sono stato rimandato negli Stati Uniti dall’Italia a causa di alcuni problemi con il visto. Mi sono isolato nella mia casa a Nashville e ho fatto musica senza piani o confini. Penso che il tema sia stato questo: fare quello che voglio per me stesso e sperimentare. Qualsiasi cosa che sembri autentica. Molte delle canzoni sono state scritte durante un periodo che era molto simile a livello personale a quello del lockdown, quindi c’erano dei parallelismi molto strani tra le canzoni anche prima della pandemia.

Ho letto che hai prodotto tutto il disco da solo: che tipo di esperienza è stata per te? Sei
contento del risultato?

È stato liberatorio. Mi sento come se negli ultimi due anni mi fossi ricreato da zero. Reinvenzione totale a partire dal basso, pieno di dubbi su se stessi in termini di fiducia o terreno solido e parte di questo è stato imparare a non dover fare affidamento su altre persone per realizzarlo. Ho collaborato un po’ con il produttore Ben H. Allen su una manciata di brani e anche questo è stato fantastico. Sono davvero contento di come è andata, penso che sia il modo in cui farò i miei dischi in futuro.

Nel tuo nuovo album ci sono molte nuove influenze come hip-hop, jazz, punk e R&B:
quando e perché hai deciso di passare a nuovi generi musicali? Da dove vengono? Era
è una sorta di sfida a te stesso?

Volevo solo esplorare tutto ciò che mi piace, mi sentivo come se i primi dischi fossero solo una piccola parte di me. Avevo la mentalità di una tabula rasa e mi chiedevo cosa mi piace in questo momento e cosa voglio fare senza considerare nulla di ciò che ho fatto prima. È stata sicuramente una sfida dimenticare praticamente tutto ciò che ho imparato finora ed entrare in nuovi mondi.

Hai detto che “Please Don’t Die” è “il tuo primo tentativo di una canzone d’amore”: cosa significa per te? Il tuo rapporto con Chiara quanto ha influenzato il tuo nuovo disco?
Ho scritto quella canzone il giorno dopo che Chiara è svenuta sul marciapiede dopo aver ricevuto una brutta notizia dall’ufficio immigrazione. Ovviamente stava bene, ma mi ha spaventato a morte e mi ha fatto concentrare davvero su pensieri che avevo già fatto molto spesso – trovare la tua persona è una cosa bellissima, ma é anche un’arma a doppio taglio perché avendo quell’amore ti devi anche confrontare con la realtà che un giorno lo dovrai perdere. E in questo ho finalmente visto un angolo per scrivere una canzone d’amore. haha.

Questi tempi folli e tristi sono duri per tutti: cosa ti manca di più dal fatto di non
essere in grado di fare un tour? Quanto ti mancano l’Italia e il suo cibo?

Questo periodo mi ha reso supernostalgico, rivisitando tutti i luoghi in cui sono stato nella mia testa. Le cose più semplici che ho dato per scontate mi mancano di più. Stare semplicemente seduti fuori da qualche parte o prendere un treno o non essere in uno stato di ansia costante e ovviamente la connessione umana di suonare un concerto. Mi mancano le cose che non mi piacciono nemmeno del tour a questo punto. L’Italia è in cima alla lista e sono abbastanza sicuro che quest’estate torneremo. Ho guardato lo spettacolo “Searching for Italy” di Stanley Tucci e mi sono davvero emozionato guardando il cibo. È arrivato a quel punto.

Un’ultima domanda: puoi per favore scegliere una delle tue canzoni, vecchia o nuova, da usare come colonna sonora di questa nostra intervista?

Cosa ne dici di “Can We Still Be Friends?”

Credit Foto: Dylan Reyes

 

“Un po’ come il ...

Di Immune, abbiamo già avuto modo di parlare, eccome. Il cantautore piemontese è stato per diverso tempo protagonista dei nostri ...

Il nuovo video (in anteprima) e ...

di Riccardo Cavrioli e Manuel Apice E’ con grande piacere che oggi presentiamo, in anteprima, il nuovo video di Ettore Giuradei, ...

“L’arte è il grande trait ...

di Beatrice Dusi e Riccardo Cavrioli “Songbook n.1” (order), l’album d’esordio di Bruce and Steve è una raccolta di ...

“Penso che il palco abbia ...

Deena Lynch è una musicista, visual artist e fotografa di stanza a Brisbane: dopo aver realizzato due album a suo nome, lo scorso anno ha ...

“Se invece il testo e’ ...

In occasione dell’uscita del suo secondo singolo per Revubs Dischi (di cui abbiamo avuto modo di parlare anche nel bollettino di ...