WANDAVISION

[ Disney+ - 2021 ]
 
Genere: drammatico, sentimentale, sitcom, supereroi
 
di
24 Marzo 2021
 

Anche io che dell’universo cinematografico Marvel non sono un detrattore (anzi), non mi aspettavo che Disney e Marvel Studios potessero osare così tanto, stratificare una serie destinata al grande pubblico in tal modo. In effetti è difficile scrivere dei raffinati trucchi narrativi e della struttura di “WandaVision” senza ricorrere a qualche spoiler; cercherò comunque di evitarli, ma qualcosa che voi potreste ritener tale potrebbe scapparci, occhio quindi.
La trama in soldoni: dopo la fine di “Avengers Endgame” e quindi dopo lo schiocco di dita di Iron Man, Wanda e Vision vivono il loro sogno d’amore in una perfetta e ridente cittadina statunitense. La loro vita scorre divertente e lieve come una sitcom; come più d’una in realtà, dato che ad ogni episodio il simpatico duo ne cita una differente (da “Full House” a “Modern Family”, da “Vita da strega” a “The Dick Van Dyke Show”).

Chi conosce a menadito i film Marvel fiuterà l’inghippo al primo o al massimo al secondo episodio. Chi non ha guardato i film dovrà aspettare lo “spiegone” del quarto episodio in cui viene letteralmente fatta crollare la cosiddetta quarta parete. “WandaVision” è difatti molto più che una riuscita sitcom ambientata nell’universo superoistico per antonomasia. E’ una prosecusione di questo e un ponte verso la sua nuova fase.
E’ un esercizio meta-cinematografico colto e stratificato le cui citazioni non si riducono alle sitcom di cui sopra ma raggiungono il “Truman Show” di Peter Weir e “Ubik” di Philip K. Dick (il geniale episodio in cui Wanda non riesce a garantire la stabilità del Hex e gli oggetti regrediscono di stato).

Anche lo sforzo emozionale richiesto allo spettatore è notevole. Non sto a raccontarvi perché, ma le premesse dietro leggerezza da sitcom della serie sono invece tragiche e il loro epilogo inevitabilmente strappalacrime.
Ad ogni modo, “WandaVision” è un capolavoro, un’opera televisiva che alza l’asticella dell’intattenimento massimalista e segna un prima e un dopo (almeno all’interno di questo tipo di intrattenimento), dando leggerezza e fruibilità a chi è in cerca di svago e molto, molto di più a chi non si accontenta dei suddetti. Garantire la riuscita del continuo doppio, a volte addirittura triplo gioco, della serie è stato possibile non soltanto grazie alla sceneggiatura astuta, ma anche grazie alla mostruosa abilità e voglia di mettersi alla prova della Olsen e di Bettany; due attori stratosferici, divertiti e divertenti nel variare continuamente registro a seconda delle complesse esigenze degli episodi.

Titolo originale: WandaVision
Paese: Stati Uniti d'America
Anno: 2021
Formato: miniserie TV
Genere: drammatico, sentimentale, sitcom, supereroi
Puntate: 9
Durata: 29-49 min (puntata)
Lingua originale: inglese
Dati tecnici: B/N e a colori
Ideatore: Jac Schaeffer
Regia: Matt Shakman
Soggetto: Stan Lee e Jack Kirby (Scarlet), Roy Thomas e John Buscema (Visione)

Interpreti e personaggi

Elizabeth Olsen: Wanda Maximoff / Scarlet Witch
Paul Bettany: Visione
Debra Jo Rupp: Sharon Davis
Fred Melamed: Todd Davis
Kathryn Hahn: Agatha Harkness
Teyonah Parris: Monica Rambeau
 

Per Lucio

Difficile raccontare Lucio Dalla, quasi deliberatamente uno dei cantautori meno inquadrabili, più poliedrici e sfuggenti della sua ...

Berlin Alexanderplatz

Ce l’ho a casa il libro di Alfred Doeblin, peraltro in inglese, e giuro che prima o poi lo leggo. Così come prometto di guardare la ...

Generazione 56K

Foste alla ricerca di una serie leggera, di quelle da mandar giù in due o tre serate senza il bisogno di accendere il cervello, ...

Marx puo’ aspettare!

Da sempre legato a doppio filo alla storia della sua famiglia nell’intera carriera cinematografica, quasi che nel corso del tempo sia ...

Luca

Salutato da molti come il primo film Pixar LGBT, come una specie di “Call My By Your Name” d’animazione, ...