OGGI “CALL THE DOCTOR” DELLE SLEATER-KINNEY COMPIE 25 ANNI

 
25 Marzo 2021
 

Scritto in tre settimane e registrato in soli cinque giorni, “Call The Doctor” è il secondo disco della band capitanata da Corin Tucker e Carrie Brownstein con la partecipazione della batterista australiana Lora Macfarlane reclutata per il tour dell’esordio omonimo. Prodotto da John Goodmanson e pubblicato dalla Chainsaw di Donna Dresch, figura di spicco della scena di Olympia e leader degli incendiari Team Dresch, “Call The Doctor” è un’istantanea del sound di una band che sta lentamente decidendo chi e cosa vuole essere.

Figlio del movimento Riot Grrrl di metà anni novanta, catturato in presa diretta senza pensare troppo e senza particolari aspettative o pressioni, rivela tutta l’urgenza di un periodo caotico e vitale, spontaneo e rabbioso. Corin Tucker lavorava come commessa al centro commerciale di Olympia e la frustrazione che emerge nei testi, nelle chitarre dure e spigolose era quella di chi ha paura di passare la vita a servire gli altri diventando col tempo quasi trasparente. La contrapposizione tra le voci della Tucker e di Carrie Brownstein mai in armonia, sempre in disaccordo e spesso pungenti, era solo un assaggio di quello che sarebbe successo poi.

Lora Macfarlane si univa al duo con un drumming essenziale e tribale, dando man forte alla voce in canzoni come “Hubcap”, “Stay Where You Are”, “Taste Test” che completavano il quadro di un album istintivo, che non scendeva mai a compromessi né aveva paura di smascherare ipocrisie. Dodici brani trascinati dall’impeto punk di “I Wanna Be Your Joey Ramone”, dal livore di “I’m Not Waiting” e “Little Mouth”, da “Anonymous” e “Heart Attack”. Le Sleater- Kinney di metà anni novanta si sentivano ancora delle outsider, sapevano di dover guadagnare sul campo rispetto e fiducia e di non poter dar nulla per scontato. “Call The Doctor” picchiava duro, mezz’ora grintosa che le ha rese più forti.

Data di pubblicazione: 25 marzo 1996
Registrato: settembre 1995, John and Stu Recording, Fremont (Seattle)
Tracce: 12
Lunghezza: 30:04
Etichetta: Chainsaw
Produttore: John Goodmanson

Tracklist

1. Call the Doctor
2. Hubcap
3. Little Mouth
4. Anonymous
5. Stay Where You Are
6. Good Things
7. I Wanna Be Your Joey Ramone
8. Taking Me Home
9. Taste Test
10. My Stuff
11. I’m Not Waiting
12. Heart Attack

 

Album, concerti e Festival ...

Tanti sono gli eventi live che sono stati cancellati a causa della difficile situazione sanitaria mondiale. Festival internazionali che sono ...

La musica live sta per tornare. ...

Eventi musicali cancellati, tour annullati o rinviati, locali costretti a chiudere i battenti, l’intero eco-sistema musicale in apnea ...

Oggi “L.A. Woman” dei ...

“L.A. Woman” e il sipario si chiude. Si torna a casa per sempre. Il sesto e ultimo disco dei The Doors, non voglio minimamente ...

Oggi “The Fall” dei ...

Non ci si potrà mai stancare della poliedricità di Damon Albarn: oramai siamo abituati a vederlo aprire un nuovo progetto musicale, ...

Oggi “Just Enough Education ...

Dopo il Brit Award come miglior band emergente, grazie anche all’esordio con “Word Gets Around”, e la cima della UK Chart ...