BLACK HONEY
Written & Directed

[ Foxfive Records - 2021 ]
6.5
 
Genere: pop rock
Tags:
 
2 Aprile 2021
 

Ai tempi dell’esordio dei Black Honey – non una vita fa: stiamo parlando del 2018 – furono in molti a sperticarsi nelle lodi dell’ennesima next big thing del rock britannico. I paragoni con altre band a trazione femminile si sprecarono: la critica, il più delle volte sbagliando, tirò fuori i nomi dei connazionali Lush, Echobelly, Sleeper ed Elastica.

In realtà il quartetto di Brighton non sembra particolarmente interessato alle questioni di casa propria: gli occhi, ieri ma ancor di più oggi, erano e sono rivolti verso l’altra sponda dell’Atlantico. E le dieci tracce di “Written & Directed”, il loro secondo album, ce lo confermano con particolare forza.

In un certo senso, quindi, i Black Honey hanno un cuore “americano”. Nella loro musica è possibile individuare influenze garage, blues e psych-rock, oltre a certe fascinazioni vintage che ricoprono il tutto di una patina di finta ruggine; quasi si volesse fare il verso alle colonne sonore dei film di Quentin Tarantino, senza però impantanarsi nelle acque torbide del pulp.

Perché, in fin dei conti, i Black Honey non sono nient’altro che un gruppo pop: il rock c’è e si sente ma, il più delle volte, è da considerarsi come un mero elemento di contorno. Un orpello capace di rendere accattivanti brani costruiti ad arte per entrare di prepotenza nella rotazione di emittenti alla Virgin Radio, tanto per intenderci.

Non che ci sia nulla di male in tutto questo, per carità: è solo che la scelta di non osare troppo e accontentarsi di un sound tanto accessibile quanto modaiolo potrebbe alla lunga diventare una zavorra per la band, che comunque ci regala non pochi pezzi degni d’attenzione (consigliatissime “Beaches”, “Run For Cover” e “Disinfect”). La voce di Izzy Phillips ammalia, ma le chitarre iper-compresse e i suoni artificiosi che caratterizzano un po’ tutte le canzoni tolgono genuinità a un disco che, fosse stato leggermente più spontaneo, sarebbe stato di gran lunga migliore.

Credit foto: Laura Allard-Fleischl

Tracklist
1. I Like The Way You Die
2. Run For Cover
3. Beaches
4. Back Of The Bar
5. Believer
6. I Do It To Myself
7. Disinfect
8. Summer '92
9. Fire
10. Gabrielle
 
 

Pony – TV Baby

Attivi sin dal 2015 con una manciata di singoli e un paio di EP già realizzati sul loro Bandcamp, i Pony pubblicano ora il loro primo album ...

Samantha Crain – I Guess We ...

Dopo aver realizzato il suo sesto album, “A Small Death”, solo lo scorso anno, Samantha Crain è già ritornata con un nuovo EP, ...

Rhiannon Giddens & Francesco ...

Il lavoro di recupero della tradizione folk gaelica, americana, afroamericana e nativo americana che Rhiannon Giddens ha avviato negli anni ...

Palm Ghosts – Lifeboat ...

Sintetizzatori ben orchestrati, chitarre taglienti e sezione ritmica con bassi roboanti e batteria pulsante d’ordinanza. Insomma, ...

Hey, King! – Hey, King!

Si presentano con un biglietto da visita di tutto rispetto le Hey, King! : un album d’esordio prodotto da Ben Harper (già al loro fianco ...