RIOT SPEARS: “BERLINO HA INFLUENZATO LA NOSTRA MUSICA NEL MODO IN CUI CI CONNETTIAMO CON LE ALTRE BAND ED I MUSICISTI”.

 
4 Aprile 2021
 

Le Riot Spears sono una giovanissima compagine femminile di Berlino formata da Martha Kamrath (chitarra e voce), Svenja Weiß (basso e voce) e Blanca Schmid (batteria e voce) attiva dal 2018 che proprio nella città tedesca ha saputo imporre il suo rabbioso sound a colpi di alt-rock, grunge e punk-rock.

In occasione del loro album d’esordio, “Bad”, uscito lo scorso venerdì 26 marzo via Ladies&Ladys, abbiamo approfittato per scambiare due piacevoli chiacchiere via e-mail con la batterista Blanca Schmid che ci ha raccontato del progetto Riot Spears.

Ciao Blanca, innanzitutto come state? Come si sta vivendo questa situazione a Berlino?
Ciao Alex, grazie per averci ospitato! Finora stiamo facendo il meglio possibile. Svenja sta di nuovo lavorando, poiché le restrizioni qui sono finite mentre Martha ed io stiamo frequentando l’università da casa. Sembra che Berlino stia cercando di tornare alla “normalità” poiché i negozi sono di nuovo aperti e quindi le strade ed trasporti pubblici sono abbastanza pieni…

Per prima cosa, ci puoi raccontare la vostra storia. Come vi siete conosciute e quando avete deciso di mettere su la band?
Ci siamo incontrati verso la fine del 2018. Martha stava cercando una band tramite Facebook ed io e Svenja avevamo fatto un’audizione con Martha che si è poi incontrata con noi due individualmente. Io e Svenja ci siamo incontrate una settimana dopo le audizioni. In ogni caso, noi tre siamo una grande squadra, musicalmente e personalmente parlando.

Il 26 marzo è uscito il vostro primo album, “Bad”. Personalmente ritengo l’album una “bomba”, davvero un ottimo debutto. Mi piace questo suono ruvido e diretto. Tra l’altro bella l’idea del vinile rosso! Siete emozionate? Che aspettative avete?
Prima di tutto, grazie! Siamo davvero soddisfatti del feedback ottenuto finora. Rilasciare il nostro “bambino” è davvero eccitante, soprattutto considerando che il processo ha richiesto più di un anno e mezzo. La nostra aspettativa, o meglio la nostra speranza, è che possiamo raggiungere le persone che amano le canzoni!

Il nome della band immagino sia un chiaro riferimento al movimento Riot grrrl. A quali artisti vi ispirate maggiormente? Nel disco ci ho trovato L7, Babes in Toyland ma anche Lunachicks anche se molti episodi sono intrisi di grunge e punk-rock più moderno, diciamo. Che ne dite?
Siamo state ispirate da artisti diversi, quindi parlerò per me. Sono cresciuta ascoltando Garbage giorno dopo giorno. Il loro suono è così speciale ed ogni canzone sembra diversa e unica. Ovviamente a tutti piace il grunge, L7 e Babes in Toyland e ovviamente i Nirvana. Personalmente, mi sono ispirata dalla batterista delle Hole, Patty Schemel. Amo l’energia che porta alle canzoni. Inoltre, siamo tutte grandi fan della musica pop. Per me gli Abba, Madonna e Cher hanno avuto il maggiore impatto nella musica che produco.

L’ambiente berlinese è sempre stato al centro di nuove tendenze in ambito musicale. Come ha influito la città di Berlino sulla vostra musica e che aria si respira in questo momento storico nella scena musicale?
La città ha influenzato la nostra musica nel modo in cui ci connettiamo con le altre band ed i musicisti. Abbiamo avuto molte opportunità di incontrare e suonare insieme ad alcune band davvero interessanti, ad esempio Coloured Moth e Passionless Pointless. Queste amicizie hanno portato molto valore nelle nostre vite.

Ho letto che l’album è stato registrato “live”. Come mai questa scelta? Che tipo di sound volevate realizzare e se siete soddisfatte del risultato?
Non è stata una scelta perché tutte già sapevamo che sarebbe stato registrato live. Ovviamente, quando suoni e registri dal vivo c’è un tipo di energia molto diverso rispetto alla registrazione di tutti gli strumenti separatamente. Il suono doveva sembrare naturale e penso che ci siamo riuscite. Il nostro tecnico del suono, Nils Kottmann, ha fatto un ottimo lavoro registrando e mixando le canzoni e siamo estremamente soddisfatte del risultato.

Quali sono state le vostre esperienze live sinora e come sono andate? Avete pensato ad una promozione dell’album, quando si potrà ovviamente? Possibilità di vedervi in Italia un giorno?
Suonare dal vivo è stata la (almeno una delle) migliori esperienze che abbiamo avuto. È così bello essere in una stanza o in un club con persone che si divertono tanto quanto noi. Certo, alcuni spettacoli sono migliori e altri meno, ma nel complesso lo adoriamo. Suonare in Italia sarebbe un sogno che si avvera! C’è la possibilità di un tour in Europa dopo il corona, quindi aspetteremo e vedremo come andrà a finire. Per quanto riguarda la promozione, ovviamente non possiamo andare in tour, ma abbiamo trasmesso alcuni live streaming, promuovendo l’album tramite social media, radio, podcast ecc.

A quale band famosa vorreste aprire i loro concerti?
Tutti e tre vorremmo aprire per gli Skating Polly. Non sono sicura se li abbiamo già contattati.

Una curiosità, quale strumentazione utilizzate?
Qualunque cosa possiamo usare, ahaha! A seconda dello spazio di prova in cui ci troviamo, usiamo tutto ciò che riusciamo a trovare. Dobbiamo assolutamente acquistare una batteria e un amplificatore per chitarra.

Come è nato e qual è il rapporto con la label Ladies&Ladys?
Li abbiamo contattati, quando stavamo cercando un’etichetta. Avevano già ascoltato la nostra canzone “Hot” e poi abbiamo deciso di pubblicare il nostro album con loro. Ci piace molto questa collaborazione, perché ci aiutano molto bene, ma ci permettono anche di decidere in autonomia. Inoltre, abbiamo ancora i diritti sulle nostre canzoni, il che era molto importante per noi.

Per quanto riguarda i testi, come nascono e, soprattutto, cosa volete raccontare con le vostre canzoni?
Martha scrive tutti i testi. Ma penso che lei usi le canzoni come sfogo per le emozioni e sento che molte persone possano risuonare con loro.

Ci sono dei brani a cui sei particolarmente legata e per quale ragione?
Beh, per prima cosa c’è “Mermaid Bitch”. Mi prende ogni volta, è buia e in alcune parti è tranquilla, in altre è rumorosa e arrabbiata. Davvero una buona melodia. Sono molto legato alla ghost track “Tea Diver”, perché l’ho scritta, suonato gli strumenti e cantata. La canzone ha almeno cinque anni e finalmente ha la possibilità di essere ascoltata.

Puoi scegliere una canzone, anche non vostra, da usare come soundtrack per questa intervista?
“Hungry” dei White Lung

Mi piace, ottima scelta. Grazie Blanca, è stato un piacere e salutaci Svenja e Martha. In bocca al lupo per il vostro debutto.
Grazie anche a te, grazie per averci ospitato!

Listen & Follow
Riot Spears: SpotifyInstagramYouTube |BandcampSoundcloud

 

La solitudine “cosmica” ...

Si fa sempre più avvincente e coinvolgente l’alchimia musicale che unisce  Cecilia Miradoli e Max Tarenzi. Il loro progetto Pinhdar ...

“Il nostro principale ...

Formatisi solo qualche anno fa a Londra, dopo aver pubblicato un paio di convincenti EP nel 2019, i Dry Cleaning sono ora pronti per la loro ...

“Un nostro sound e una nostra ...

Debuttano con un album il cui titolo è già una presentazione gli Smile. Band di Torino composta da Michele Sarda alla voce, Hamilton ...

Maarten Devoldere dei Balthazar ci ...

Grande fan dei Balthazar, fin dai primissimi tempi, ho pensato spesso alla band quando ho passato il mio primo lockdown in Belgio. Più ...

“Custodiamo un segreto che ...

La rappresentante di lista cammina per le strade di Palermo prima di arrivare in quelle di Sanremo. Lo fa perché Veronica, una delle due ...