ROB ZOMBIE
The Lunar Injection Kool Aid Eclipse Conspiracy

[ Nuclear Blast - 2021 ]
7.5
 
Genere: alternative metal
 
7 Aprile 2021
 

La pandemia galoppa: per il momento, scordiamoci il cinema. Un boccone amaro da mandar giù per il povero Rob Zombie, da ormai tanti anni attivissimo regista di film horror più o meno riusciti. Questi mesi apparentemente interminabili di restrizioni e lockdown, tuttavia, non sembrano aver demoralizzato in maniera particolare l’ex cantante dei White Zombie che, approfittando dei tempi mortissimi, ha deciso di tornare alla sua più antica passione: la musica.

Le diciassette tracce di “The Lunar Injection Kool Aid Eclipse Conspiracy” spezzano un silenzio discografico durato quasi cinque anni. Sembra passata una vita, ma nulla o quasi è cambiato nel raccapricciante mondo psichedelico dello shock rocker statunitense. Il suo continua a essere un alternative metal dall’identità mutante, che scorre via tra atmosfere truculente e discrete dosi di ironia.

Delle sonorità industrial alla base dei primi lavori da solista resta molto poco, a parte qualche inevitabile sentore “mansoniano” legato alla presenza nel disco di due celebri ex collaboratori del Reverendo caduto in disgrazia: il batterista Ginger Fish e il chitarrista John 5. Ed è proprio quest’ultimo, con i suoi elettrizzanti virtuosismi e una serie di “abbellimenti” dal gusto country/blues, a marchiare a fuoco un album che di certo non deluderà i vecchi estimatori di Rob Zombie.

“The Lunar Injection Kool Aid Eclipse Conspiracy” è un’opera cinematografica priva di immagini: un B-movie folle, violento e colorato da gustarsi tutto d’un fiato. Se siete alla ricerca di film d’autore, fuggite a gambe levate: qui non c’è spazio per la qualità. L’unico obiettivo conclamato è quello di intrattenere l’ascoltatore e, da questo punto di vista, non si può far altro che ringraziare il barbutissimo regista di “La casa dei 1000 corpi”.

Perché qui ci si diverte dall’inizio alla fine, tra riffoni maleducatissimi (“The Ballad Of Sleazy Rider”, “The Eternal Struggles Of The Howling Man”), irresistibili cafonate dal sapore punk/western (“18th Century Cannibals, Excitable Morlocks And A One-Way Ticket On The Ghost Train”), pestoni da headbanging selvaggio (“The Satanic Rites Of Blacula”, “Get Loose”) e stravaganti divertissements in stile disco rock (“Shadow Of The Cemetery Man”) e blues (la sulfurea “Boom-Boom-Boom”).

I numerosissimi intermezzi posti tra un brano e l’altro servono a poco, se non ad aggiungere un pizzico di fascino pulp a un lavoro solido e davvero mai noioso che trova nelle pesantissime “ The Triumph Of King Freak (A Crypt Of Preservation And Superstition)” e “Crow Killer Blues” i suoi momenti migliori. Lunga vita a Rob Zombie, eterno maestro di ignoranza!

Tracklist
1. Expanding The Head Of Zed
2. The Triumph Of King Freak (A Crypt Of Preservation And Superstition)
3. The Ballad Of Sleazy Rider
4. Hovering Over The Dull Earth
5. Shadow Of The Cemetery Man
6. A Brief Static Hum And Then The Radio Blared
7. 18th Century Cannibals, Excitable Morlocks And A One-Way Ticket On The Ghost Train
8. The Eternal Struggles Of The Howling Man
9. he Much Talked Of Metamorphosis
10. The Satanic Rites Of Blacula
11. Shower Of Stones
12. Shake Your Ass-Smoke Your Grass
13. Boom-Boom-Boom
14. What You Gonna Do With That Gun Mama
15. Get Loose
16. The Serenity Of Witches
17. Crow Killer Blues
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Megadeth – The Sick, The ...

Malati, moribondi o morti? A noi sembra che i Megadeth, nonostante i quarant’anni di carriera sul groppone, godano ancora di ottima ...

Greet Death – New Low EP

La band di Flint, nel Michigan, dei Greet Death, reduce dall’incredibile sophomore “New Hell”, pubblicato alla fine del ...

No Age – People Helping ...

Il loro quinto LP, “Goons Be Gone”, era uscito a giugno 2020, ma ora i No Age sono pronti a far sentire al mondo il suo successore: ...

The Black Angels – Wilderness ...

Non si può certo dire che i cinque anni abbondanti trascorsi tra “Death Song” e “Wilderness Of Mirrors” siano stati poveri di ...

Verdena – Volevo magia

Passano sette lunghi anni ed ecco finalmente tornare i Verdena con il loro carico di ricordi, sentimenti e aspettative che vanno oltre la ...

Recent Comments