OSCAR 2021
Ecco tutti i vincitori!

 
Tags: ,
26 Aprile 2021
 

Che nottata! Forse perché fare le ore piccole oramai non è più nelle mie corde, ma per una volta mi riferisco alla notte degli Oscar 2021. Una serata molto attesa, in un momento storico toccato dal Covid-19 particolarmente critico. Direi che comunque gli americani se la stanno cavando bene, la cerimonia si è svolta perfettamente lasciando tutti a bocca aperta. Ma vediamo perché.

Tralasciando il fatto che Sky Cinema deve smetterla di doppiare in presa diretta chiunque parli in inglese, la cerimonia (inizialmente fissata a fine febbraio, ma poi spostata al 26 aprile) è iniziata con un evento mondano molto alto-borghese: un rinfresco per attori, registi, sceneggiatori e celebrità al Dolby Theatre di Los Angeles. Il pre-evento viene chiamato “Oscar: Into The Spotlight” e vede due conduttori sfilare per lo spazio allestito a tale evento per intervistare i divi del cinema americano e mondiale. Ad un certo punto viene anche presa di mira Laura Pausini con Diane Warren, ma a quello ci arrivo dopo.

La serata vera e propria poi si sposta in quello che sembra lo stesso spazio dei Grammy Awards, un piccolo stage e pochi tavoli davanti a cui si siedono gli ospiti. Stessa sorte avevano avuto i Golden Globe Awards quest’anno, divisi tra la solita location di Los Angeles e quella nuova di New York.

Sicuramente, e lo dico molto felicemente, le candidature di questa edizione vedono celebrare il cinema di nicchia, non mainstream (se non per le grandi case di produzione come, rullo di tamburiNetflix) con moltissimi attori o registi stranieri. In effetti, mi fa esaltare la vittoria di Chloé Zhao per il film “Nomadland” che si porta a casa Miglior RegiaMiglior Film e anche la statuetta a quella pazza, geniale e bravissima Frances McDormand per la categoria Miglior Attrice Protagonista. La regista cinese è la seconda donna premiata in queste due categorie, dopo Kathryn Bigelow per “The Hurt Locker” nel 2009.

Altro colpo di scena è la vittoria di Sir Anthony Hopkins come Migliore Attore Protagonista per il suo ruolo in “The Father”, non lasciando lo spazio per una statuetta (postuma) a Chadwick Boseman (già vincitore, postumo sempre, ai Golden Globes e favorito in questa serata per la sua recitazione nel film Netflix “Ma Rainey’s Black Bottom”). Altro momento altissimo, anche divertente per il siparietto con Brad Pitt, è il premio a Yuh-Jung Youn: la nonna di “Minari” riceve il premio come Migliore Attrice Non Protagonista.

Punto dolente: l’Italia. Garrone con “Pinocchio” non si porta a casa niente di niente e, la nostra stella di Solarolo, Laura Pausini, possiamo dire che ci ha creduto fino in fondo (anche quando l’hanno fatta cantare, di nuovo, per il pre-evento). Più che il primo, a dispiacermi è effettivamente la seconda: dopo la vittoria ai globi d’oro per la canzone “Io Sì (Seen)”, era quasi certo che potesse vincere lei anche questa notte. E invece, no.

Per concludere, questa 93esima edizione degli Oscar vede la diversità e il rispetto che tanto erano stati  richiesti: finalmente possiamo dire che ognuno quest’anno ha avuto la sua possibilità di candidatura e, nel caso, di vittoria. Bello vedere culture diverse, rappresentate su schermo, camminare il red carpet più famoso al mondo, con un messaggio forte e chiaro: “ci siamo anche noi”. Ma tutto questo non conta veramente niente, e perché? Perché anche quest’anno la Pixar  ha vinto e, sono molto sincero e anche preoccupato, nessuno riuscirà a fermarla!

Ecco i vincitori per singola categoria:

Miglior Regia
Nomadland – Chloé Zhao

Miglior Regista
Chloé Zhao – Nomadland

Migliore Attore Protagonista 
Sir Anthony Hopkins – The Father

Migliore Attrice Protagonista
Frances McDormand – Nomadland

Migliore Attore Non Protagonista
Daniel Kaluuya – Judas and the Black Messiah 

Migliore Attrice Non Protagonista
Yuh-Jung Youn – Minari

Migliore Sceneggiatura Originale
Emerald Fennell – Promising Young Woman

Migliore Sceneggiatura Non Originale
Christopher Hampton e Florian Zeller – The Father

Migliore Film Internazionale
Druk – Thomas Vinterberg (Danimarca)

Miglior Film d’Animazione
Soul – Pete Docter

Migliore Fotografia
Erik Messerschmidt – Mank

Migliore Montaggio
Mikkel E.G Nielsen – Sound of Metal

Migliore Scenografia
Donald Graham Burt e Jan Pascale – Mank

Migliori Costumi
Ann Roth – Ma Rainey’s Black Bottom

Migliore Trucco e Acconciatura
Sergio Lopez-Rivera, Mia Neal e Jamika Wilson – Ma Rainey’s Black Bottom

Migliori Effetti Speciali
Andrew Jackson, David Lee, Andrew Lockley e Scott Fisher – Tenet

Migliore Colonna Sonora
Trent Reznor, Atticus Ross e Jon Batiste – Soul

Migliore Canzone Originale
Fight For You (musiche di H.E.R. e Dernst Emile II, testo di H.E.R. e Tiara Thomas) – Judas and the Black Messiah

Migliore Sonoro
Nicolas Becker, Jaime Baksht, Michelle Couttolenc, Carlos Cortés e Phillip Bladh – Sound of Metal

Migliore Documentario
 My Octopus Teacher –  Pippa Ehrlich e James Reed

Migliore Cortometraggio Documentario
Colette – Anthony Giacchino

Migliore Cortometraggio d’Animazione
If Anything Happens I Love You – Michael Govier e Will McCormack 

 

Oggi “The Psychedelic Sounds Of ...

La droga dà, la droga toglie. Ne sanno qualcosa i 13th Floor Elevators, pionieri del rock psichedelico che costruirono le loro fortune ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Life Is Peachy” ...

“Korn”, l’album di debutto era stato un micidiale, angoscioso e strafottente concentrato di ostilità e violenza; un ...

Oggi “Recovering the ...

I Counting Crows rientrano di diritto tra i gruppi più ascoltati della mia giovinezza, quando non ancora maggiorenne fui travolto dal ...

Oggi “Controversy” di Prince ...

Nero o bianco? Etero o gay? Crede in Dio o solo ed esclusivamente in sé stesso? Il Prince di “Controversy” è un ventitreenne confuso, ...