THE SERPENT

[ Netflix - 2021 ]
 
Genere: giallo, drammatico, thriller
Tags:
 
di
29 Aprile 2021
 

Sarò impazzito io, ma questo anno delle serie Tv è iniziato fantasticamente; difatti questa è almeno la quarta serie di cui parlo con toni a dir poco entusiasti.

Incredibilmente, prima di capitare in questa miniserie di otto episodi, Charles Sobhraj, falsario, spacciatore di gemme e serial-killer di hippie, non lo avevo manco mai sentito nominare.
Poco male, dato che a quanto pare la ricostruzione delle sue “gesta” operata da “The Serpent” è meticolosa e veritiera. Dettagliata e avvolgente è anche la messa in scena storico-geografica, con gli anni ’70 e il sud-est asiatico resi in tutto il loro ammaliante e caotico spendore.

Gli attori, ma con personaggi del genere era difficile non fare almeno bene, sono davvero tutti in parte. I due protagonisti Tahar Rahim / The Serpent e il suo indefesso cacciatore Billy Howle / Herman Knippenberg sono perfetti e inscenano un duello a distanza micidiale. Tra i comprimari svettano la dolce ma determinata Nadine di Mathilde Warnier, il terribile complice Ajay di Amesh Edireweera e il turbolento diplomatico belga Paul di Tim McInnerny (il mio personale preferito).

Il coinvolgimento è assicurato da un montaggio che salta freneticamente su disparati livelli temporali con agili flashback e flashforward. Il meccanismo, che all’inizio può anche arrivare a infastidire, si assorbe presto e diventa uno strumento di tensione infallibile.
Tensione che viene rilasciata soltanto negli ultimi minuti dell’ultimo episodio quando…

Ah, la colonna sonora, giustamente divisa tra grandi classici e chicche dell’epoca, è fantastica.

Paese: Regno Unito
Anno: 2021
Formato: miniserie TV
Puntate: 8
Durata: 58 min (puntata)
Lingua originale: inglese
Regia: Tom Shankland, Hans Herbots
Musiche: Dominik Scherrer
Produttore: Stephen Smallwood
Produttore esecutivo: Richard Warlow, Tom Shankland, Preethi

Interpreti e personaggi

Tahar Rahim: Charles Sobhraj
Jenna Coleman: Marie-Andrée Leclerc
Billy Howle: Herman Knippenberg
Ellie Bamber: Angela Knippenberg
Mathilde Warnier: Nadine Gires

 

Per Lucio

Difficile raccontare Lucio Dalla, quasi deliberatamente uno dei cantautori meno inquadrabili, più poliedrici e sfuggenti della sua ...

Berlin Alexanderplatz

Ce l’ho a casa il libro di Alfred Doeblin, peraltro in inglese, e giuro che prima o poi lo leggo. Così come prometto di guardare la ...

Generazione 56K

Foste alla ricerca di una serie leggera, di quelle da mandar giù in due o tre serate senza il bisogno di accendere il cervello, ...

Marx puo’ aspettare!

Da sempre legato a doppio filo alla storia della sua famiglia nell’intera carriera cinematografica, quasi che nel corso del tempo sia ...

Luca

Salutato da molti come il primo film Pixar LGBT, come una specie di “Call My By Your Name” d’animazione, ...