NICK CAVE CONDIVIDE UN TOCCANTE RICORDO DELL’AMICA (E COLLABORATRICE) ANITA LANE

 
di
3 Maggio 2021
 

Pochi giorni fa, lo scorso 28 aprile, abbiamo perso, all’età di 62 anni, Anita Lane, cantante e autrice australiana in passato in line-up di band come Birthday Party e Bad Seeds.

Tra le frasi più toccanti registrati nelle ultime ore riportiamo il pensiero di Nick Cave che dalle pagine del suo sito The Red Hand Files, raccoglie l’invito di un fan e dedica questo ricordo all’amica e collaboratrice improvvisamente scomparsa:

Pensi di conoscere il dolore, pensi di aver elaborato i suoi meccanismi, pensi di essere diventato esperto del dolore – più forte, più saggio, più resistente – pensi che non ci sia più niente che possa ferirti in questo mondo, e poi Anita muore.
In piedi per strada con un vestito da bambolina, circondato dal sole, ridendo e irradiando una bellezza penetrante di tale forza che smetti di respirare.

Non posso credere ai miei occhi.

Più tardi, al mio tavolo di cucina, disegnava cose, aveva una rapidità di tocco e una linea chiara e leggera piena di umorismo, gettando via ogni disegno e iniziando un altro, carico di un’energia dilagante, instabile, fatale che l’avrebbe seguita per tutta la vita. La mia linea, amatoriale e ponderosa.

Tutti volevano lavorare con lei, ma era come cercare di intrappolare un fulmine in una bottiglia. Mick Harvey è riuscito a portarla in studio di registrazione, ma queste preziose offerte sono una frazione di quello che era.

Era di gran lunga la più intelligente e talentuosa di tutti noi.

Entrò nel più prestigioso college d’arte d’Australia – per capriccio – e disse di voler ottenere un posto lì a modo suo. Ha comprato un cavalletto, un po ‘di carta da macellaio, dei pastelli, si è messa un vestito, si è pettinata e non è più tornata dentro.

Pensava che le idee migliori fossero quelle che non hanno mai visto la luce.

Era la mente dietro i Birthday Party, ha scritto un mucchio delle loro canzoni, ha scritto “From Her to Eternity”, “The World’s a Girl”, “Sugar in a Hurricane” e la mia canzone preferita dei Bad Seeds, “Stranger Than Kindness”, ma era molto di più.

Come poteva qualcosa di così luminoso trasportare così tanta oscurità?
Ho bevuto gin dal biberon.
Disprezzava il concetto della musa ma era di tutti.
Ha parlato con la voce di un bambino ed è stato il mio migliore amico.

Due mesi fa, parlando con lei al telefono, sembrava lontana un milione di miglia.
Amava i suoi figli più di ogni altra cosa. Erano il suo orgoglio e la sua gioia.
Amarla era sia facile che terrificante.
Lascia un grande spazio per piangere.

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

TRACK: Frass Green – Any ...

Iniziati nel 2016 come il progetto di Joe Antoshak, i Frass Green si sono allargati dopo un paio d’anni, diventando una band vera e ...

TRACK: Francis Moon – The ...

Francis Moon è un musicista svedese: al suo attivo ci sono un album, “Onwards” (2016), e una manciata di singoli. Il suo ...

The Streets pubblica il nuovo EP ...

The Streets ha pubblicato oggi, via Universal Music / Island Records, un nuovo EP , “Brexit At Tiffany’s”, che potete ...

Ascolta “After Dark 4”, ...

Italians Do it Better ha condiviso una nuova compilation, “After Dark”, arrivata al suo quarto capitolo. Il disco contiene ben ...

TRACK: Disq – If Only

Il mese scorso, i Disq hanno annunciato il loro secondo album in studio, “Desperately Imagining Someplace Quiet”, in uscita a ...

Recent Comments