OGGI “EXCITER” DEI DEPECHE MODE COMPIE 20 ANNI

 
14 Maggio 2021
 

A quattro anni da “Ultra” album che, come noto, segnò la rinascita dalla band dopo il doloroso abbandono di Alan Wilder e l’agghiacciante esperienza “ultraterrena” di Dave Gahan, in UK si udirono le prime note del nuovo singolo “Dream On”, uscito il 23 aprile 2001, che annunciava il ritorno dei DM con il nuovo album, il decimo del trio di Basildon.

Nel frattempo, tante sono erano cambiate. Dave si era trasferito a New York e sposato per la terza volta, Martin invece viveva con moglie e figlio dall’altra parte della costa statunitense, a Santa Barbara in California ed Andy, ancora più lontano, oltre oceano, a Londra dove nel 1993 era convogliato a nozze.

Il compito di scrivere le nuove canzoni era affidato, manco a dirlo, a Gore il quale incentrò la sua penna sul tema dell’amore e delle sue svariate sfaccettature, non sempre positive, come l’ossessione, l’insicurezza, il riscatto e la dipendenza. Ecco, proprio la dipendenza (dalle droghe) e gli esiti infausti che porta con sé rappresentano il nucleo della traccia apripista del nuovo lavoro della band: “It sucked you in, it dragged you down/To where there is no hallowed ground/Where holiness is never found” (“Ti ha risucchiato, buttato a terra/Dove il suolo non è consacrato/Dove non si può trovare alcuna santità”) scrive Martin nello spettacolare pop-blues di “Dream On”, che fu accompagnata da un video girato qualche mese prima – questa volta da Stéphane Sednaoui in quanto l’amico Anton Corbijn, fresco di Grammy per il precedente tour dei DM, era impegnato a progettare il nuovo tour mondiale che sfociò poi nel bellissimo dvd  “One Night In Paris”- nel deserto del Mojave con Dave on the road alla guida di una Lincoln Continental, su per la storica Route 66.

Il 14 maggio successivo uscì “Exciter” registrato con il producer Mark Bell (che nel 1997 aveva lavorato a “Homogenic” di Bjork) nei Rak Studios di Londra e nei Sam West Studios di New York e con Gareth Jones al suono e che ben presto raggiunse la vetta di tutte le classifiche europee e mondiali. Per la copertina, venne scelta dalla band insieme al Corbijn l’immagine di un’agave, a proposito della quale Martin disse: “Pensai che avessimo così tante copertine nere che sarebbe stato carino metterci un po’ di colore”.

Le uscite degli altri singoli come l’incantevole e deliziosa ballata d’amore “Freelove” e la paffuta ninnananna a tinte gospel “Goodnight Lovers”, che guarda caso chiude il disco, evidenziarono le prime differenti sonorità rispetto al precedente “Ultra”. Ora le note si riverberano più tranquille e ammalianti, basti pensare ancora alla sensualissima “When The Body Speaks” (“Oh, I need your tenderness/Oh, I need your touch/Oh, I dream of one caress/Oh, I pray too much” – “Oh, ho bisogno della tua tenerezza/Oh, ho bisogno del tuo tocco/Oh, sogno una carezza/Oh, prego troppo”) che malinconicamente riprende le cadenze sonnacchiose della richiamata closing track, oppure all’emozionali note di “Shine”, ballata rude e sarcastica intensamente interpretata da Dave.

Certo non mancano schegge impazzite di electro-pop che, dapprima si riflettono nella club-song dancehall “I Feel Loved” per poi riversarsi nell’ipnotica “The Dead of Night“, dove la pungente e potente voce di Dave gioca con aggressivi e incalzanti synth; come non mancano i momenti offerti dalla struggente voce di Martin nel melenso downtempo di “Breathe” e nella psichedelica e ricercata “Comatose”.

Le placide e spensierate ambientazioni assunte a leitmotiv dell’album sono al centro delle critiche maggiori, a mio modo di vedere ingiustificate, laddove invece proprio la leggerezza e la raffinatezza degli arrangiamenti, unite ai sempre ispirati testi di Gore, fanno di questo sperimentale “Exciter” un gran bel album, certo un disco diverso nell’universo DM, ma con uno spiccato impatto emotivo.

Pubblicazione: 14 maggio 2001
Durata: 56:50
Dischi: 1
Tracce: 13
Genere: synth-pop, elettronica
Etichetta: Mute Records/Reprise Records
Produttore: Mark Bell

Tracklist:
1. Dream On
2. Shine
3. The Sweetest Condition
4. When the Body Speaks
5. The Dead of Night
6. Lovetheme
7. Freelove
8. Comatose
9. I Feel Loved
10 .Breathe
11. Easy Tiger
12. I Am You
13. Goodnight Lovers

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Oggi “Pink Flag” dei ...

I Wire di Colin Newman legittimamente si sono conquistati un posto d’onore nella storia del rock, pur non godendo di grandi riscontri sul ...

Oggi “Thriller” di Michael ...

Quarant’anni dall’uscita di “Thriller”. Che dire? Su questo disco si è scritto di tutto e di più dal 1982 a oggi. C’è forse ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Left of the ...

Venticinque anni fa con il suo album d’esordio irrompeva nella scena musicale, bucando gli schermi di mezzo mondo, la dolce cantante ...

Oggi “All Saints” delle ...

Nei tanto celebrati anni novanta, oltre alle ultime scene musicali decisamente rilevanti  (basti pensare al grunge, al britpop o al ...

Recent Comments