RIFKIN’S FESTIVAL

regia di Woody Allen , 2021
 
Genere: Commedia
Tags:
 
14 Maggio 2021
 

Sia chiaro. Parto prevenuto scrivendo questa recensione. E parto anche col dirvi che probabilmente, molto probabilmente, vi incazzerete pure. Sì, perché parlo di Woody Allen e della sua ultima, ennesima fatica cinematografica: “Rifkin’s Festival”. Prima, però, vorrei che cancellaste completamente tutti gli scandali sul regista (peraltro assolto, lo ripeterò fino alla morte) e vi concentraste solo sull’artista, perché questo ultimo film è uno dei più belli. E sarà anche l’ultimo.

Ora, partiamo col capire chi è Rifkin e di quale festival si tratta. Il primo è il protagonista Mort che, con sua moglie Sue, parte per il San Sebastian Film Festival, in Spagna. Il problema arriva già nella prima scena quando proprio il marito, durante una normalissima e classica seduta psicoanalitica, confessa al suo dottore che pensa che la moglie lo stia tradendo. Il guaio, dice il paziente, è che i sospetti cadono sul cliente di Sue, l’attore francese Philippe, di cui gestisce l’ufficio stampa e che sta proprio per presentare il suo ultimo film commerciale al festival spagnolo.

In verità fino ad adesso la storia è pressoché la stessa degli ultimi film di Allen: coppia sposata da anni, lui ipocondriaco e lei, invece, un’egoista megalomane. Uno dei due tradirà l’altro e via. Direi che qua, per la trama, vi dovete accontentare.

La figata di questo film è che incarna, per l’ultima volta, l’essere, il regista, l’icona cinematografica (e via dicendo) di Woody Allen. Effettivamente, oltre alle solite scenette che oramai tutti conosciamo, questo lungometraggio è un bellissimo omaggio al cinema che ha segnato (e insegnato) il regista. In effetti all’inizio nessuno ci fa caso, ma quando i sogni (tutti in bianco e nero) di Mort Rifkin aumentano e gli attori all’interno, sempre di quei sogni, iniziano a parlare svedese allora capisci che sicuramente Bergman c’entra qualcosa. E la bellezza di questo film è proprio nel gioco: scoprirli tutti.

Ma non finisce qua. Ci sono tantissimi riferimenti alla vita artistica del regista: tra frecciatine ad autobiografie uscite che non sono state accolte positivamente e riferimenti ai suoi luoghi preferiti del cuore, una frase su tutte che mi ha colpito (e sono sicuro si riferisca proprio a lui) è la seguente ovvero mai giudicare un artista dalle sue intenzioni borghesi prima di averlo conosciuto.

Tristemente ammetto che, però, la mia paura ora è più fondata che mai. Il regista di “Io e Annie”, “Manhattan” e “Harry a Pezzi” probabilmente sta per lasciare la scena. E ci sta, sia chiaro. A 85 anni è anche ora, goditi la pensione gli consiglierei. Dall’altra parte sarà triste non leggere più delle ennesime peripezie per fare uscire un’altra pellicola. Quello che posso dire ora, in questo preciso momento, è che come ultima opera io sono rimasto pienamente soddisfatto. Allen ci ha lasciato un bellissimo ricordo del suo percorso cinematografico con un piccolo messaggio all’interno: andare sempre a vedere qualsiasi film che sia, commerciale e non.

Sceneggiatura, soggetto e regia: Woody Allen
Produttore: Letty Aronson
Scenografia: Alain Bainée
Fotografia: Vittorio Storaro
Montaggio: Alisa Lepselter
Musiche: Stephane Wrembel

Interpreti e personaggi:

Elena Anaya: Jojo Rojas
Louis Garrel: Philippe
Gina Gershon: Sue
Wallace Shown: Mort

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Trainwreck: Woodstock ’99

Al netto di una parte finale molto retorica e ostentosamente woke, con tanto di scuse per suonare woke, che è la cosa più woke delle cose ...

Men

Il talentuoso, ma sempre un po’ incompiuto e compiaciutamente concettuale, Alex Garland con “Men” si è dato ...

The Gray Man

Io la gente che critica questo giocattolone non la capisco. Ma che si aspettavano dalla produzione più costosa della storia di Netflix ...

The Black Phone

Già autore tra le altre cose dell’ultimo capolavoro Horror che ho visto, il terrificante “Sinister”, Derrickson, che nel ...

Love & Anarchy (Stagione 2)

Chi non avesse visto la prima stagione di questa divertente e, per l’appunto, anarchica sit com svedese, può recuperarla davvero in ...

Recent Comments