BACHI DA PIETRA
Reset

[ Garrincha - 2021 ]
7
 
Genere: Rock
 
21 Maggio 2021
 

Il ritorno dei Bachi Da Pietra è tutto scritto nel titolo dell’album “Reset”. La band si ripropone con un cambiamento che, nelle intenzioni e anche nel sound, porta a un lavoro rock più leggero del loro solito. Sui testi stessi il gruppo si esprime in modo esplicito, per certi versi anche moderno, ponendosi in una dimensione nuova che si risolve in un ascolto, almeno nel mio caso, che ha il pregio e il difetto dell’immediatezza, i brani arrivano subito, a differenza dei loro precedenti lavori, e tutto questo si trasforma sicuramente in un’occasione per abbracciare un pubblico maggiore.

La qualità della band ovviamente resta e l’arrivo di Marcello Batelli, ex Planet Brain, Non voglio che Clara, Il Teatro degli Orrori, completa i Bachi Da Pietra trasformandoli in un  trio che, se già solo con Giovanni Succi e Bruno Dorella aveva una forza live sorprendente, ora sarà ancora più interessante da vedere, quando sarà possibile.

L’album apre con “Di che razza siamo noi” che nel porsi la domanda del titolo sottintende un sorta di resa nei confronti di una realtà nella quale non ci si riconosce, un vivere che ti lascia un senso di impotenza e di rassegnazione “Al mio segnale scatenate, al mio segnale scatenate, … non so… il Carnevale“.

Il rock di “Umani o quasi” è un convincente crescendo che si anima nella seconda parte del brano, quando entra la chitarra,  accompagnato da un testo che sembra quasi collegarsi con il precedente nella sua visone di sentirsi un insetto che si fa consapevolmente schiacciare dal peso che porta.

Uno dei singoli, a mio avviso giustamente estratto dall’album, è “Meritere”, un brano orecchiabile e pieno di sarcasmo che è in fondo il manifesto del cambiamento della band, che in questo brano mette in luce anche la loro capacità di muoversi in nuovi territori e di poter far avvicinare alla band nuovi fan.

Se il “Il rock è morto” gioca su come questa frase sia stata ascoltata e ancora si ascolta in vari festival della frase più banale, il finale dell’album è assegnato a “Ciao Pubblico”, una specie di strano rap su una base sintetica decisamente riuscito e degna conclusione di un interessante ritorno.

I Bachi Da Pietra si resettano quindi, ma mantengono vitali le basi della loro musica che, pur sacrificando parte della loro ruvidezza, guarda al rock anni 90, rispolverandolo a dovere, tramite una proposta musicale che oggi sembra mancare.

Arrivati a questo punto la band deve insistere e non far aspettare troppi anni per un nuovo lavoro, proseguendo per questa strada,  a qualcuno potrà anche non  piacere ma, ragazzi, “It’s Only Rock ‘N’ Roll“.

Credit Foto: Igor Londero

Tracklist
1. Di che razza siamo noi
2. Umani o quasi
3. Bestemmio l’universo
4. Pesce veloce del Baltico
5. Fumo
6. Meriterete
7. Insect reset
8. Il rock è morto
9. Comincia adesso
10. Ciao Pubblico
 
 

Sam Fender – Seventeen Going ...

Dopo i missili ipersonici dell’esordio, è tempo della seconda prova per Sam Fender, giovane inglese che in poco tempo ha attirato ...

Amore Psiche – Scoprire

“Scoprire” è una richiesta d’aiuto. Gli Amore Psiche, in questo debut album pubblicato il 24 settembre da indipendenti, ...

Project Skeme – A-live

Impossibile non far cenno al fatto che, nei componenti del “Project Skeme”, sono presenti ben due membri di uno dei tesori nascosti ...

Strand Of Oaks – In Heaven

Non è certo nuovo a tragedie e momenti difficili Tim Showalter ma è sempre riuscito a rialzarsi usando la musica come scudo e difesa. Lo ...

KOKO – Shedding Skin

Quando osserviamo un cielo notturno ci sentiamo più vulnerabili, ma, allo stesso tempo, siamo più sinceri, innanzitutto con noi stessi, ...