CLUSTERSUN
Avalanche

[ Icy Cold Records - 2021 ]
8
 
Genere: Shoegaze, Space-Rock
Tags:
 
24 Maggio 2021
 

Al deserto dobbiamo la gratitudine del silenzio. Un silenzio fatto di sale, di solitudine e di sabbia; un silenzio sacro, che è un viaggio muto attraverso le nostre contraddizioni ed i nostri conflitti interiori; mostri ostinati ed invisibili che, agitandosi dentro di noi, fanno sì che il vaso di Pandora al rovescio, nel quale avevamo rinchiuso i nostri sogni e le nostre passioni, vada, finalmente, in frantumi, liberando il suo prezioso contenuto tra le morbide dune delle nostre anime inquiete, trasformandosi, di conseguenza, in quella scintilla primordiale e selvaggia dalla quale il fuoco liquido di “Desert Daze” può, nuovamente, espandersi ed invadere il mondo.

Un mondo di ombre ostili, rese ancora più malevole, morbose e minacciose dall’ultimo anno e mezzo trascorso tra lockdown ed impossibili quarantene; un mondo che ha la voce dei migranti, dei rifugiati, degli emarginati, delle guerre che si perdono in un passato remoto, crudele e rabbioso, che continua, sprezzante, a reclamare il suo prezzo di carne, di lacrime e di sangue; un mondo arido e contorto nel quale le sonorità oscure ed accattivanti, lisergiche e vibranti, selvagge ed introspettive di “Avalanche”, il nuovo album dei Clustersun, assumono il valore prezioso ed inestimabile della “fottuta pioggia” che lava, purifica e guarisce le nostre antiche, distopiche e disperate ferite.

Non sappiamo quanto tempo abbiamo a disposizione: questo, magari, potrebbe essere il congedo finale. Un congedo nel segno dell’alchimia tra le sonorità acide e visionarie di “Avalanche (Legion 5)”, quelle incalzanti e mordaci di “Barricades”, quelle morbide e nostalgiche di “Sinking In To You” e quelle amare e desertiche di “All Your Pain”, la quale assume i contorni di una preghiera eterna alla Luna; l’ultimo, amorevole tentativo di un indomito e ribelle Prometeo di rubare il fuoco agli dei, mentre, nel frattempo, ogni sua relazione sembra dover andare a rotoli, ogni suo rapporto interrompersi in modo brutale, le sue stesse costellazioni, quelle di “Closer/Deeper”, spegnersi velocemente, una dopo l’altra, accompagnate dalle grida fameliche e feroci dei suoi aguzzini, dei suoi carcerieri, dei suoi padroni, dei suoi temibili demoni interiori si fanno via, via sempre più insopportabili e penetranti.

“Juggernaut” sposta l’orizzonte verso i meandri misteriosi ed inesplorati dello space-rock, laddove ogni nostro riferimento materiale si sgretola, ogni percezione fisica svanisce, l’oblio cosmico divora i nostri resti mortali ed un filo incorporeo ed immateriale unisce la band catanese al pianoforte a coda della pinkfloydiana “Nobody Home”.

E’ così che deve finire? Mentre continuiamo a scalare, imperterriti ed ignari, questo gelido ed astioso muro di dolore?

Tracklist
1. Desert Daze
2. All Your Pain
3. Closer/Deeper
4. Juggernaut
5. Avalanche (Legion 5)
6. Barricades
7. Sinking In To You
8. Scar
 
 

Sam Fender – Seventeen Going ...

Dopo i missili ipersonici dell’esordio, è tempo della seconda prova per Sam Fender, giovane inglese che in poco tempo ha attirato ...

Amore Psiche – Scoprire

“Scoprire” è una richiesta d’aiuto. Gli Amore Psiche, in questo debut album pubblicato il 24 settembre da indipendenti, ...

Project Skeme – A-live

Impossibile non far cenno al fatto che, nei componenti del “Project Skeme”, sono presenti ben due membri di uno dei tesori nascosti ...

Strand Of Oaks – In Heaven

Non è certo nuovo a tragedie e momenti difficili Tim Showalter ma è sempre riuscito a rialzarsi usando la musica come scudo e difesa. Lo ...

KOKO – Shedding Skin

Quando osserviamo un cielo notturno ci sentiamo più vulnerabili, ma, allo stesso tempo, siamo più sinceri, innanzitutto con noi stessi, ...