MARGHERITA VICARIO
Bingo

[ Island Records, Universal - 2021 ]
7.5
 
Genere: pop, rap
 
26 Maggio 2021
 

Ed eccoci qua, finalmente è uscito. Margherita Vicario si è decisa a pubblicare un album (al posto che il solito singolo). Per chi non la conoscesse, ma direi di sì altrimenti non stareste leggendo questa recensione, sto parlando di una ragazza che di talento ne ha da vendere e che di robe nella sua carriera ne ha fatte eccome. Non solo musica, ma anche cinema (“To Rome With Love” vi dice niente?) o televisione (la sua recitazione migliora di gran lunga le fiction targate Rai 1). Nel 2014 pubblica il suo primo lavoro “Minimal Musical” e dal 2019, invece, le uniche produzioni vedono una lunga scia di singoli per arrivare al 2021 con “Bingo” ( yeah yeah yeah yeah per i coretti).

Due sensazioni subito: guardo la tracklist e piango; ascolto l’album e mi esalto da morire. Per prima cosa su 14 tracce, solo 5 sono inedite mentre le altre 7 sono i singoli precedentemente pubblicati. Questo, sinceramente, mi dispiace perché li trovavo perfetti presi singolarmente (che giuoco di parole), ma non funzionali in un contesto come questo album. Detto ciò, tutto riesce sorprendentemente ad amalgamarsi bene. E sapete perché? Perché Margherita Vicario col cazzo che si affida ad un genere solo.

In effetti, ascoltando una volta il disco ti viene da chiedere “Ehi, figo. Ma quindi?“; poi lo ascolti una seconda volta e dici “Sì, ok ora capisco“; alla terza non smetti di ballare, riflettere e via. Lei riesce ad inserire in un solo lavoro vari generi: dal pop, alla pop trap fino al cantautorato più classico ma sempre di gran fascino. I testi sono profondi, anche con le basi più ballabili e commerciali e riuscendo a penetrare senza problemi. Sicuramente si parte con “Come Va”, un inno alle donne e alla loro forza interiore: E mi mostro al mondo per come son fatta, col culo rotondo, con la gola distrutta.

Poi si passa anche a tematiche diverse, come tipo in “Troppi Preti Troppe suore” con una bella base ballabile che accompagna un testo bello carico: Troppi preti e troppe suore, ma è possibile? Oh signore, ancora dicono la loro nel 2029, come fossero dei leader di sinistra da ascoltare, ma da secoli se sa, so’ i preti che vanno a puttane. Altrimenti, volete un bel manifesto di sinistra? Bhe, bisogna allora ascoltare “Orango Tango” che sfancula personaggi come Giorgia Meloni o il buon vecchio partenopeo De Luca. Per il resto, le altre canzoni sono sicuramente valide, ma non riescono a trovare lo spazio a causa dei singoloni che sono stati pubblicati precedentemente: canzoni come “Pincio”, “Mandela” o “Giubbottino” non riusciranno mai ad essere battuti da una “XY” in featuring con Elodie.

Quindi, “Bingo” è sicuramente un album molto variegato non solo di generi musicali e di influenze diverse (alla produzione il grande Dade), ma anche di tematiche molto particolari che riguardano tantissimo il periodo storico in cui il paese si trova. Per questo io dico solo una cosa: che la sinistra riparta da Margherita Vicario.

Tracklist
1. Bingo
2. Orango tango
3. Come va
4. Troppi preti troppe suore
5. Xy (feat. Elodie)
6. Fred Astaire
7. Dna (oh putain!)
8. Come noi
9. Abaué (morte di un trap boy)
10. Mandela
11. Romeo (feat. Speranza)
12. Giubbottino
13. Pincio
14. Piña colada (feat. Izi)
 
 

Lonely Guest – Lonely Guest

Una pruriginosa irrequietezza si insinua alle prese con questo “Lonely Guest” nel sapere che dietro questo pseudonimo si ...

W.H. Lung – Vanities

Secondo album per la band di Manchester dopo il meritato successo dell’esordio “Incidental Music” pubblicato nella ...

Marissa Nadler – The Paths of ...

Dicono che Marissa abbia avuto l’ispirazione per le canzoni di questo suo nono album in parte dalle visioni in lockdown della serie ...

Penelope Isles – Which Way To ...

E’ ovviamente un grande piacere poter ascoltare il sophomore dei Penelope Isles, che già ci avevano ben impressionato con il loro ...

Jerry Cantrell – Brighten

Torna come solista dopo diciannove anni il grande chitarrista e fondatore degli Alice in Chains, Jerry Cantrell, anche se questa volta lo fa ...