IL DIVIN CODINO

[ Netflix - 2021 ]
 
Genere: biografico, drammatico, sentimentale, sportivo
 
di
4 Giugno 2021
 

Non che volessi o mi aspettassi il polpettone da due ore e rotte, ma la cosa che meno mi è piaciuta di questo film sulla carriera di Roberto Baggio è la maniera frammentaria e slegata in cui viene raccontata la sua epopea. In particolare, il salto che ho trovato più drastico e fastidioso è quello dal brutto periodo post-infortunio alla Fiorentina direttamente ai mondiali, con tutto il tempo alla Juventus e il Pallone D’oro giusto menzionati – e io, lo dico a scanso di equivoci, sono tifoso napoletano.
Inoltre mi sarebbe piaciuto vedere un po’ di calcio in più.

Molto bene invece la delicatezza con cui vengono raccontate le vicende personali, il buddismo, la gioventù, la vita familiare. In una parola: l’uomo.
Molto bravo è stato in effetti l’attore protagonista Andrea Arcangeli, che non conoscevo per nulla, ad incarnare smorfie, sentimenti ed umanità del codinato campione italiano.
Irresistibile poi Martufello/Mazzone, ma con un personaggio così come vuoi fare male. Tra i bravi impossibile non menzionare anche il papà di Baggio interpretato da un commovente e burbero Andrea Pennacchi.

Difetti menzionati più su a parte e una semplicità forse eccessiva nella regia, il film si fa comunque vedere con gran piacere, fluendo con leggerezza ed emozionando ogni volta che deve.
Ovviamente piacerà un po’ in più che agli altri a tutti quelli che amano il calcio e la figura di Roby.

Lingua originale: italiano
Paese di produzione: Italia
Anno: 2021
Durata: 92 min
Regia: Letizia Lamartire
Produttore: Marco De Angelis e Nicola De Angelis
Casa di produzione: Fabula Pictures
Distribuzione in italiano: Netflix

Interpreti e personaggi

Andrea Arcangeli: Roberto Baggio
Valentina Bellè: Andreina
Andrea Pennacchi: Florindo Baggio
Anna Ferruzzo: Matilde
Thomas Trabacchi: Vittorio Petrone
Antonio Zavatteri: Arrigo Sacchi
Riccardo Goretti: Maurizio Boldrini
Martufello: Carlo Mazzone
Simone Colombari: dirigente della Fiorentina

 

Per Lucio

Difficile raccontare Lucio Dalla, quasi deliberatamente uno dei cantautori meno inquadrabili, più poliedrici e sfuggenti della sua ...

Berlin Alexanderplatz

Ce l’ho a casa il libro di Alfred Doeblin, peraltro in inglese, e giuro che prima o poi lo leggo. Così come prometto di guardare la ...

Generazione 56K

Foste alla ricerca di una serie leggera, di quelle da mandar giù in due o tre serate senza il bisogno di accendere il cervello, ...

Marx puo’ aspettare!

Da sempre legato a doppio filo alla storia della sua famiglia nell’intera carriera cinematografica, quasi che nel corso del tempo sia ...

Luca

Salutato da molti come il primo film Pixar LGBT, come una specie di “Call My By Your Name” d’animazione, ...