THE BLACK KEYS
Delta Kream

[ Nonesuch Records Inc. - 2021 ]
6.5
 
Genere: Blues Rock
 
7 Giugno 2021
 

Quando si parla di passato, The Black Keys non hanno paura a riviverlo da cima a fondo. Se ci sono band che magari rinnegano i lavori precedenti, loro invece sono fieri delle radici che ha portato il duo ad ottenere dischi di platino per il loro garage rock (oramai da palazzetti).

Proprio il Blues, quello profondo e vero del Mississippi, è alla base di questo album di cover dal titolo “Delta Kream”: quest’ultimo ispirato alla foto, diventata iconica, di William Eggleston in copertina. Lo ha detto pure il frontman del gruppo, Dan Auerbach, come questo lavoro sia un omaggio a quegli artisti che hanno influenzato lui e il socio Patrick Carney in tutti questi anni. In questo LP, la maggior parte delle tracce sono dei due grandi blues-man della scena americana che hanno proprio tracciato il percorso del duo di Akron (Ohio): Junior Kimbrough R.L. Burnside.

C’è un problema però: se contaminazioni blues noi le sentiamo oramai dal lontano 2002 (i primi due pezzi che aprono “The Big Come Up” sono proprio cover dei due artisti sopra citati), in questo momento mi viene da chiedere alla band “Perchè?”. Capisco benissimo che questo lavoro sia un omaggio ai vostri grandi maestri, ma quello che traspare da questo album è che i The Black Keys abbiano preso quelle canzoni del lontano Mississippi e le abbiano trasformate in versioni garage rock.

La maggior parte del disco è stato registrato durante le pause del tour del precedente lavoro, “Let’s Rock”, anche con l’aiuto di musicisti che avevano lavorato proprio al fianco di Kimbrough e Burnside come, per esempio, Kenny BrownEric Deaton. Il problema però che rivisitazioni di “Do The Ramp” o “The Big Come Up” non portano niente di nuovo alle canzoni originali: risultano essere semplici cover che, in confronto a molte altre, non hanno granché da dire. Prendiamo per esempio “Poor Boy A Long Way From Home”: AuerbachCarney sicuramente riescono a rievocare il buon vecchio Burnside, ma essendo il pezzo originale così vecchio ci sono già cover molto (e dico molto) migliori di questa. Tra tutte, per quanto mi riguarda, quella di Gus Cannon (e non sono solo l’unico a dirlo).

Quindi, i vari pezzi ripresi dal duo vertono sempre verso una versione più tendente al loro rock. E ok, voi direte, si tratta di cover quindi ci sta che vengano ri-arrangiate come vogliono loro. Certo è vero, però, che quando si toccano i mostri sacri del blues, quello vero e profondo del Mississippi, bisogna stare molto attenti: sicuramente The Black Keys hanno tutte le ragioni per farlo, ma loro in primis dovrebbero sapere come rispettare le vere tradizioni dei grandi musicisti blues americani.

Tracklist
1. Crawling Kingsnake
2. Louise
3. Poor Boy a Long Way From Home
4. Stay All Night
5. Going Down South
6. Coal Black Mattie
7. Do the Romp
8. Sad Days, Lonely Nights
9. Walk with Me
10. Mellow Peaches
11. Come on and Go with Me
 
 

Lonely Guest – Lonely Guest

Una pruriginosa irrequietezza si insinua alle prese con questo “Lonely Guest” nel sapere che dietro questo pseudonimo si ...

W.H. Lung – Vanities

Secondo album per la band di Manchester dopo il meritato successo dell’esordio “Incidental Music” pubblicato nella ...

Marissa Nadler – The Paths of ...

Dicono che Marissa abbia avuto l’ispirazione per le canzoni di questo suo nono album in parte dalle visioni in lockdown della serie ...

Penelope Isles – Which Way To ...

E’ ovviamente un grande piacere poter ascoltare il sophomore dei Penelope Isles, che già ci avevano ben impressionato con il loro ...

Jerry Cantrell – Brighten

Torna come solista dopo diciannove anni il grande chitarrista e fondatore degli Alice in Chains, Jerry Cantrell, anche se questa volta lo fa ...