BOETTI
Blue

[ indipendente - 2021 ]
8
 
Genere: rock, cantautorato
Tags:
 
14 Giugno 2021
 

Boetti è un progetto che mi sta a cuore sin dagli esordi; un anno fa, ascoltai (e recensii, in qualche sperduto bollettino) il loro esordio “Psicomadre” e mi innamorai della scrittura caustica e disperata di Damiano, della pacca sonora di Meti e, in generale, della “fotta” sana che il brano seppe trasmettermi senza spegnermi il cervello – anzi, incendiandolo.

Poi, “Golden Boy”, in autunno: l’asticella si alzava ancora, mentre la voce di Boetti spostava il baricentro dall’interno verso l’esterno, lanciandosi in un’invettiva senza ritorno contro i raduni del sabato sera e gli annichilimenti cerebrali, vergando col sangue e il sudore il manifesto generazionale di un disagio nel quale sentirsi immersi è necessario per prenderne consapevolezza. Un “Urlo” 2.0, una riscossa “beat” che avrebbe raccolto il plauso di Ginsberg (oltre che quello di IFB). In un certo senso, “Loreto” completava il percorso, qualche mese dopo, riaprendo vecchie ferite mai sanate e traumi irrisolti attraverso l’arma dell’ironia e della risata anarchica. Quella, insomma, che sfodera i denti anneriti dalla rabbia per seppellire l’ignavia degli indifferenti.

Ecco perché, all’uscita di “Blue” – il rabbiosissimo disco d’esordio di Boetti – mi sono promesso di parlarne (e a scatola chiusa): le premesse erano troppo ghiotte per non dare fiducia ad un album che, sin dal primo ascolto, ha saputo conquistarmi. Otto tracce al cherosene, micce esposte all’incendio dei sensi e all’esplosione dei sentimenti; un percorso catartico, pronto ad alleggerire le zavorre dell’anima prendendole a colpi di piccone, scavando in atavici strappi che rifiutano la coagulazione della rassegnazione: Boetti strappa le croste e fa scorrere il sangue vivo, urlando tutta la propria disperazione (che, come direbbe Tenco, non ha nulla di disperato ma che diventa un sublime “atto di protesta” contro l’immobilismo del proprio tempo) in un disco che non si limita a denunciare, spingendosi verso l’azione.

Sì, perché “Blue” è una presa di posizione decisa e ferrea: come uno scoglio esposto alle correnti erosive della mediocrità contemporanea, il duo pratese resiste all’usura del mainstream recidendo, nell’ascoltatore, ogni possibilità di conforto; il disco d’esordio di Boetti sposta gli equilibri a colpi di lupara, fregiandosi di una sincerità che si fa schiaffo. “Boetti Blue”, la title-track, vale più di tutto quello che negli ultimi mesi ho sentito, “6.5” ricorda alla scena come si fa rock’n’roll (e quanto possa essere politico, il rock’n’roll), “Agosto Blue” colora l’estate di un mood che è più simile a quello dei lividi (blu) che alle profondità marine.

Boetti si fa bombarolo e martire, immolandosi sull’altare della genunità senza, per una volta, pensare a cosa potrebbe o meno piacere ai grandi burattinai discografici; anzi, fa di più: taglia i fili delle marionette, restituendo dignità a tutti i Pinocchio che alle bugie del proprio tempo hanno scelto di dire “Basta”.

Fatevi un piacere: regalatevi una mezz’ora di verità non edulcorate, fatevi male. Magari, potreste scoprire che vi piace.

Tracklist
1. Loreto
2. Psicomadre
3. Agosto Blue
4. Golden Boy
5. Terza Età
6. Basta
7. 6.5
8. Boetti Blue
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Weezer – SZNZ: Autumn

Con l’enorme saggezza che ci contraddistingue abbiamo deciso di aspettare che calassero le temperature e arrivasse davvero ...

Holy Coves – Druids And Bards

Terzo album per i gallesi Holy Coves, un trio capeggiato dal cantante/songwriter Scott Marsden che ha tutte le carte in regola per fare ...

Dead Cross – II

Primo disco dei Dead Cross con Mike Patton ben inserito in formazione. La musica dell’esordio datato 2017, infatti, era già stata ...

Goat – Oh Death

Probabilmente hanno veramente visto la morte in faccia, la fine di un elisir col brivido del successo, la morte per consumo o stanchezza del ...

Recent Comments