MOBY
Reprise

[ Deutsche Grammophon - 2021 ]
7
 
Genere: Acoustic Pop
 
23 Giugno 2021
 

30 anni di carriera per Moby. Tantissimi successi, tantissime collaborazioni per un maestro della poliedricità in ambito musicale. Il cantante e produttore statunitense ha pensato bene di celebrare i suoi più grandi successi regalando un album di rivisitazioni: in “Reprise” troviamo tutti i suoi grandi classici, arrangiati di nuovo come non mai.

La cosa bella di questo album, che spiazza per la sua originalità, è la collaborazione con la Budapest Art Orchestra per dare un’impronta classica e acustica al disco. Non mancano anche le grandi collaborazioni con artisti d’eccezione: il primo singolo, anzi la prima rivisitazione, è “Porcelain” in featuring con Jim James seguito successivamente da “The Lonely Night” con Mark Lanegan Kris Kristofferson.

Versioni semplici e autentiche, d’effetto e sincere, Moby spiega parlando di questo disco come “desidero ardentemente la semplicità e la vulnerabilità che puoi ottenere con la musica classica o acustica”. Lo scopo per lui, dice, è quello di creare e comunicare emozioni. Effettivamente ci riesce alla grande, seppur lontano dai generi a cui ci eravamo abituati.

Trovo bellissima la versione del grande classico di Bowie “Heroes”: con un’orchestra in sottofondo, un crescendo pieno fitto di emozioni, la voce di Mindy Jones è un abbraccio caldo e confortante. Non mancano anche le versioni strumentali, sempre accompagnate dall’orchestra classica, e in questo caso anche da Vikingur Ólafsson, come per esempio “God Moving Over The Face Of The Waters”.

Sembra di ascoltare una grande soundtrack  di un film che rimarrà impresso negli annali della storia del cinema. Un crescendo strumentale, vocale di pura eccellenza artistica. Moby è riuscito, di nuovo, a rendere un suo lavoro unico: i suoi singoli più celebri, di tutt’altro mondo, sono stati ripresi e trasformati nella colonna sonora che tutti vorremmo avere. “Lo scopo è anche condividere alcuni aspetti della condizione umana con chiunque stia ascoltando”: è proprio questa condizione umana, che a volte sembra lontana da noi ma invece è molto più vicina di quanto pensiamo, a essere il filo rosso di questo LP.

Tracklist
1. Everloving
2. Natural Blues (with Gregory Porter and Amythyst Kiah)
3. Go
4. Porcelain (with Jim James)
5. Extreme Ways
6. Heroes (with Mindy Jones)
7. God Moving Over the Face of the Waters (with Víkingur Ólafsson)
8. Why Does My Heart Feel So Bad? (with Apollo Jane and Deitrick Haddon)
9. The Lonely Night (with Mark Lanegan and Kris Kristofferson)
10. We Are All Made of Stars
11. Lift Me Up
12. The Great Escape (with Nataly Dawn, Alice Skye, and Luna Li)
13. Almost Home (with Novo Amor, Mindy Jones, and Darlingside)
14. The Last Day (with Skylar Grey and Darlingside)
 
 

Lonely Guest – Lonely Guest

Una pruriginosa irrequietezza si insinua alle prese con questo “Lonely Guest” nel sapere che dietro questo pseudonimo si ...

W.H. Lung – Vanities

Secondo album per la band di Manchester dopo il meritato successo dell’esordio “Incidental Music” pubblicato nella ...

Marissa Nadler – The Paths of ...

Dicono che Marissa abbia avuto l’ispirazione per le canzoni di questo suo nono album in parte dalle visioni in lockdown della serie ...

Penelope Isles – Which Way To ...

E’ ovviamente un grande piacere poter ascoltare il sophomore dei Penelope Isles, che già ci avevano ben impressionato con il loro ...

Jerry Cantrell – Brighten

Torna come solista dopo diciannove anni il grande chitarrista e fondatore degli Alice in Chains, Jerry Cantrell, anche se questa volta lo fa ...