RED FANG
Arrows

[ Relapse Records - 2021 ]
7
 
Genere: stoner rock, sludge metal
 
30 Giugno 2021
 

Il ritorno dei Red Fang ha tutte le carte in regola per far felici i fan più accaniti dello stoner rock. Suoni grezzi, abrasivi e possenti, in costante bilico tra l’essenzialità del garage e le acque torbide dello sludge metal; atmosfere “fumose” e un po’ psichedeliche; melodie scarne ma, quando poste al centro dei brani, estremamente accattivanti con le loro maestose sfumature orientaleggianti.

Aggiungete al piatto i riff assassini della coppia Bryan Giles/David Sullivan e i rocciosi incastri ritmici del bassista Aaron Beam e del batterista John Sherman per ottenere un album che, seppur incapace di farci strappare i capelli dalla testa per l’entusiasmo, raggiunge senza alcun problema il suo obiettivo. Che è uno e soltanto uno: ricordarci, per l’ennesima volta, che la semplicità è la virtù dei forti.

Le tredici tracce di “Arrows” sono tanti piccoli monumenti all’essenzialità, alla genuinità e alla naturalezza del rock nella sua forma più pesante, costruiti però prestando sempre grande attenzione all’impatto – come ben dimostrato dalle rapide e devastanti “My Disaster” e “Two High” – e alla forma.

Non sorprende, quindi, che a risaltare maggiormente siano i pezzi con le strutture più complesse, arrangiati in modo tale da amplificare gli effetti di quella “botta” che è da sempre una costante nella musica dei Red Fang.

Gli archi dal sapore mistico di “Fonzi Scheme”, le lente cadenze doom di “Days Collide”, le note drammatiche dell’epica title track e il ritmo solenne di “Unreal Estate”, con quel suo ritornello morbosamente orecchiabile, sono i quattro motivi principali per cui vale assolutamente la pena dedicare più di un ascolto ad “Arrows”, un lavoro solido e convincente.

Photo Credit: James Rexroad

Tracklist
1. Take It Back
2. Unreal Estate
3. Arrows
4. My Disaster
5. Two High
6. Anodyne
7. Interop-Mod
8. Fonzi Scheme
9. Days Collide
10. Rabbits In Hives
11. Why
12. Dr. Owl
13. Funeral Coach
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Black Angels – Wilderness ...

Non si può certo dire che i cinque anni abbondanti trascorsi tra “Death Song” e “Wilderness Of Mirrors” siano stati poveri di ...

Verdena – Volevo magia

Passano sette lunghi anni ed ecco finalmente tornare i Verdena con il loro carico di ricordi, sentimenti e aspettative che vanno oltre la ...

Suede – Autofiction

Ritornare all’essenza, partire da qui per andare avanti, si saranno detti Brett Anderson e soci alle prese col nuovo album che ...

Built To Spill – When The ...

Sono passati oltre sette anni da “Untethered Moon” e i Built To Spill sono finalmente ritornati con questo loro attesissimo nono album ...

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Recent Comments