KINGS OF CONVENIENCE
Peace or Love

[ EMI - 2021 ]
7.5
 
Genere: indie, folk-pop
 
5 Luglio 2021
 

Se mi ponessero, tutt’oggi, l’improbabile domanda “quale band vorresti rinchiudere in un carillon?“, come una bimba viziata, risponderei senza esitazione: i Kings of Convenience. Rincarerei addirittura la dose egoisticamente, dicendo che vorrei suonassero solo per me, come due minuscole miniature segrete, poste sul comodino di fianco al mio letto, il cui unico compito sarebbe quello di accompagnare il mio dormiveglia. Fortunatamente per tutti, però, la realtà è ben diversa ed il mondo intero può fruire della loro musica.

Silenziosamente, come i migliori supereroi, che tornano proprio quando il mondo ha più bisogno di loro, (vedi, ad esempio, l’emblematica “Ask For Help”), dopo ben dodici anni di assenza dalla scena musicale, i Kings of Convenience riappaiono con un nuovo album dolce e inaspettato: “Peace or Love”.

Il duo norvegese, composto da Erlend Øye ed Eirik Glambek Bøe, ci srotola magicamente ai piedi undici nuovi brani, fatti di melodie spoglie, oneste e perfettamente bilanciate. Arricchite dalle preziosissime collaborazioni di una veterana del calibro di  Feist, canzoni come “Love Is a Lonely Thing” e “Catholic Country”, (quest’ultima scritta, tra l’altro, assieme alle Staves), non faticano affatto a fare breccia nei nostri cuori già proiettati, ahinoi, verso una seconda estate molle e piena d’incertezze.

Il nuovo album viene anticipato dal singolo “Rocky Trail”, le cui tinte pastello ed il cui amabilissimo video ci ricordano tanto la predilezione dei KOC per un certo tipo di piano sequenza ed un certo tipo di atmosfera sognante. A tratti si percepisce l’eco di una lontana, ma incredibilmente familiare “Misread”, ed è come se Øye e Bøe volessero fare un ritorno in pompa magna, appellandosi, quasi per diritto divino, ai fan nostalgici dei tempi di quelle sacrosante perle musicali di “Quiet Is the New Loud” (2001) e “Riot on an Empty Street” (2004).

“Peace or Love”, scritto e registrato in cinque anni ed in cinque città diverse, è un disco permeato di una maturità che rispecchia l’età degli autori, ma il cui sound continua a mantenere, costante, una sempre gradevole sotto nota dolciastra e “naive”, inequivocabile segno distintivo che ci ha fatti innamorare del duo. Proprio l’amore, tematica onnipresente nella poetica musicale del duo, nell’ultimo lavoro viene affrontato con sospetto ed un pizzico d’ironia. Talvolta la melodia assume tinte marcatamente ombrose, come nel caso di “Killers” o “Songs About You”, e ci fa presagire il raggiungimento di nuance sonore più scure e dubbiose, che se non vanno a turbare il sempre imperturbabile aplomb dei KOC, di sicuro mostrano quanto si possa forgiare qualcosa di brillantemente nuovo e stuzzicante, semplicemente cambiando la rotta in modo quasi impercettibile.

Che l’armonia vocale di Erlend Øye ed Eirik Glambek Bøe non abbia pari, ormai, lo si sa, ma quel che ancora stupisce l’ascoltatore, dopo vent’anni di attività musicale, è la voglia, forse inconsapevole, ma comunque sempre presente e rinnovata, di creare delle canzoni atte ad accompagnare determinate fasi della vita. Brani come “Fever” e “Comb My Hair”, infatti, suonano come un ritorno educato ed allegro all’essenza più pura della band. Una celebrazione entusiastica della semplicità del ritrovarsi, del rivivere appieno una certa sintonia e complicità che resiste, infrangibile, anche a distanza di molti anni.

L’arrivo dell’ultimo lavoro della band ha, di sicuro, molto in comune con l’arrivo di quest’estate: entrambi si sono fatti attendere fin troppo a lungo. Con “Peace or Love”, Erlend Øye ed Eirik Glambek Bøe fanno, però, di nuovo, elegantemente centro, e ci regalano un album che ha la stessa freschezza e spontaneità di un tuffo liberatorio in un mare cristallino. Uno slancio di rivolta vitale e speranzoso che, dopo averci svegliato gentilmente, ci culla nella penombra pomeridiana di una pineta sconfinata, e lo fa dopo mesi e mesi di grigia clausura forzata, ricordandoci che la vita può essere anche deliziosa.

Tracklist
1. Rumours
2. Rocky Trail
3. Comb My Hair
4. Angel
5. Love Is a Lonely Thing (Ft. Feist)
6. Fever
7. Killers
8. Ask for Help
9. Catholic Country (Ft. Feist)
10. Song About It
11. Washing Machine
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Alex G – God Save The Animals

Nono album (e quarto per la Domino) per il prolifico Alexander Giannascoli da Havertown, Pennsylvania: il disco, che arriva a tre anni dal ...

Crack Cloud – Tough baby

Tornano i Crack Cloud, collettivo di Vancouver che continua ad esprimersi in maniere indipendente e che riesce ancora a confermare le ...

Cesare Malfatti – I Catari di ...

Cesare Malfatti non è un detective ma dell’investigatore ha l’acume e l’indole soprattutto quando la sua innata curiosità lo spinge ...

Johnny DalBasso – Lo Stato ...

Avevamo lasciato Johnny DalBasso qualche mese fa alle prese con i sei brani de “Lo Stato Canaglia”, progetto di ampio respiro che il ...

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

Recent Comments