DEL AMITRI
Fatal Mistakes

[ Cooking Vinyl - 2021 ]
8
 
Genere: Indie, Folk, Rock
Tags:
 
12 Luglio 2021
 

Annunciato diversi mesi fa e anticipato da alcuni singoli che promettevano bene, finalmente ha visto la luce “Fatal Mistakes”, album degli scozzesi Del Amitri, capitanati da Justin Currie e Iain Harvie.

Un appuntamento che sul mercato discografico mancava da troppo tempo, ben diciannove anni sono intercorsi infatti tra questo nuovo lavoro e il precedente “Can You Do Me Good?”, anche se la reunion avvenuta nel 2014 con tanto di sold out in serie per tutto il Regno Unito aveva dato la spinta ai due di riallacciare solidi rapporti con il chitarrista Kris Dollimore e il batterista Ashley Soan – i quali entrambi erano stati in organico per un breve periodo tra gli anni novanta e l’inizio del nuovo millennio –  e con il tastierista storico Andy Alston.

Che quelle date potessero essere qualcosa di più di un estemporaneo entusiasmo dettato dal pubblico ritrovato, sempre fedele e appassionato, lo dimostra il fatto che da lì in poi i due leader hanno iniziato a comporre con il piglio e l’ispirazione dei giorni migliori.

Insomma, i presupposti per un rientro in grande stile, seppur misurato secondo loro attitudine, c’erano tutti e finalmente abbiamo tra le mani un disco che sembra rimandare magicamente ai due decenni topici dell’avventura artistica dei Nostri (gli eighties e i nineties), quando seppero raccogliere grossi consensi non solo in termini di culto ma proprio di vendite, con qualche hit disseminata qua e là che non guasta mai.

Attenzione però a non scambiare per mestiere il fatto che sembra non sia passato un solo giorno dal loro scioglimento: è proprio il contrario, qui a farla da padrone sono l’assoluta naturalezza e la spontanea facilità con cui Currie e soci riescono a estrarre dal cilindro ariosi brani pop rock, memori di una cura per le parole e per il suono, così minuzioso e solare da non nascondere discendenze con certo folk e un sound che sembra provenire direttamente dalla lontana (ma solo geograficamente) west coast.

Basta mettersi all’ascolto dell’opener “You Can’t Go Back” per venire assorbiti da una melodia rassicurante e orecchiabile che pare accarezzare dolcemente, nonostante si tratti di un’esortazione non proprio conciliante (un  sentimento opposto ci ritroviamo invece ora più che mai a nutrire noi nei loro confronti).

La seguente “All Hail Blind Love” è rivestita di gentili arpeggi elettrici, così semplici se vogliamo da aver fatto scuola, ma si sa che è sempre difficile superare il maestro, e la classe e la semplicità con cui i Del Amitri confezionano simili tracce lascia stupiti a ogni ascolto.

Sono tredici le nuove canzoni del gruppo, e non riuscirete a trovare un solo riempitivo, e pure il fatto che manchi il cosiddetto pezzo forte, più che un punto debole sta a significare un elevato standard qualitativo.

Valore che si palesa mediante musiche al più cristalline e leggere, ma accompagnate da parole che al contrario mostrano tratti di vera inquietudine e tormento, nonostante ci si sforzi di appellarsi ancora al futuro con rinnovata fiducia.

Se proprio dovessi citare alcuni brani per far avvicinare i neofiti all’ascolto di questa band mai troppo celebrata per i suoi meriti, le mie scelte cadrebbero su “Close Your Eyes and Think of England” morbida e suggestiva ballad (già apprezzata come singolo apripista del disco), una “Otherwise” che profuma di America e dei suoi grandi songwriters, la nervosa e intensa “I’m so Scared of Dying” e su “Nation of Caners” che chiude l’album col suo ritmo cadenzato e liriche desolatamente consapevoli, tra l’ironico e l’estremo realismo, su una società nella quale non sembrano riconoscersi appieno.

Al di là di giudizi per forza di cose soggettivi, vi consiglio caldamente di mettervi all’ascolto di questo album con il cuore leggero, perchè a volte i momenti migliori accadano proprio quando meno te li aspetti, cosicché potreste ritrovarvi ammaliati e letteralmente conquistati da quello che si candida a figurare tra i migliori lavori del 2021.

Tracklist
1. You Can't Go Back
2. All Hail Blind Love
3. Musicians and Beer
4. Close Your Eyes and Think of England
5. Losing the Will to Die
6. Otherwise
7. It's Feelings
8. I'm so Scared of Dying
9. Mockingbird, Copy Me Now
10. Missing Person
11. Second Staircase
12. Lonely
13. Nation of Caners
 
 

Curtis Harding – If Words ...

“Regalami i fiori finché sono qui!” Chiedeva spesso la madre di Curtis Harding al proprio figlio. Lui forse non glieli comprava spesso ...

Red Kite – Apophenian Bliss

I Red Kite vengono dalla Norvegia e la loro ascesa oltre i confini nazionali è cominciata con l’esordio omonimo del 2019. Erano pronti a ...

Adele – 30

Si fa aspettare: ma solo per non deludere le aspettative. Adele è quel tipo di artista che non segue il trend: ne crea direttamente uno ...

Aimee Mann – Queens of the ...

Ci sono cantautrici, nel panorama musicale contemporaneo, che hanno saputo segnare un’epoca, pur rimanendo lontane dai riflettori e ...

Gianluca Secco – DanzaFerma

Gianluca Secco è un artista che seguo da tempo, ma posso dire che la mia passione per la sua vicenda artistica è scoccata in occasione di ...