“REGISTRARE E PUBBLICARE QUESTO ALBUM è STATO DIVERTENTE ED EMOZIONANTE”: I RATBOYS CI RACCONTANO I DIECI ANNI DI CARRIERA E IL NUOVO ALBUM

 
16 Luglio 2021
 

Il nostro ormai noto amore per la Topshelf Records ci ha fatto conoscere tante deliziose band nel corso degli anni, ma i Ratboys sono davvero tra le nostre preferite: il gruppo indie-pop di Chicago, che abbiamo visto alcune volte anche qui in Italia negli scorsi anni (e che suonerà all’Hall di Padova martedì 4 maggio come opening di Julien Baker), ha da poco raggiunto il suo decimo anno di attività e lo scorso aprile ha pubblicato un album di vecchie canzoni rivisitate, “Happy Birthday, Ratboy”, per festeggiare questa ricorrenza. Noi di Indieforbunnies.com abbiamo approfittato di questa uscita per contattare via e-mail la gentilissima frontwoman e chitarrista Julia Steiner e parlare anche del loro recente terzo LP, “Printer’s Devil”, uscito l’anno scorso a febbraio appena prima dell’arrivo della pandemia, dei tour cancellati, ma anche dei loro programmi futuri, del ritorno verso una situazione più normale e dei bei ricordi italiani del passato. Ecco cosa ci ha raccontato:

Ciao Julia, come state? Com’è la situazione con il Coronavirus negli USA?
Ciao, sto bene! Tutti noi quattro componenti della band ci stiamo davvero godendo l’estate a Chicago. Il tempo è caldo e ci stiamo divertendo a prepararci per suonare di nuovo davanti alla gente presto. La situazione del Coronavirus negli Stati Uniti è migliorata molto negli ultimi quattro o cinque mesi. La maggior parte delle persone è riuscita a fare il vaccino, compresi tutti e quattro noi, il che è meraviglioso. Siamo davvero grati di aver potuto avere accesso al vaccino così presto e speriamo che suonare di nuovo e andare in tour questo autunno sarà sicuro. Ci fidiamo degli scienziati.

Il primo aprile avete pubblicato un nuovo album, “Happy Birthday, Ratboy” – dieci tracce ri-registrate dei vostri inizi insieme a una inedita – per celebrare il vostro decimo anniversario come band: cosa significa per voi questo passaggio? Cosa state provando a riguardo? Chi ha avuto l’idea di rivisitare le vostre vecchie canzoni?
Registrare e pubblicare questo album è stato il modo più divertente ed emozionante che potessimo pensare per celebrare questo traguardo. Essere in questa band e suonare con Dave (Sagan, chitarra) per 10 anni è stato il periodo più lungo in cui ho fatto la stessa cosa in vita mia, quindi mi è sembrato estremamente significativo celebrarlo nel modo migliore possibile, ovvero fare musica insieme. Sapevamo da molto tempo di voler registrare un mucchio di quelle vecchie canzoni insieme a una band, quindi è stato fantastico farlo finalmente e pubblicarlo. Abbiamo creato insieme la tracklist e da lì ha funzionato molto facilmente e bene.

La vostra canzone inedita si chiama “Go Outside” ed è un bel pezzo con influenze country-folk. Sembra positivo e pieno di speranza: non vedi l’ora che il futuro sia migliore?
Sicuramente. Penso e spero che questo tempo che abbiamo dovuto trascorrere tutti isolati nelle nostre piccole bolle durante il COVID ci abbia reso più forti. Speriamo che molti di noi possano guardare indietro all’esperienza della pandemia come a quella che ci ha insegnato cose su noi stessi e ci ha fatto apprezzare le cose belle della vita, in particolare le relazioni, ancora più di prima. Questo è sicuramente quello che sto realizzando ora, dato che sono stata in grado di uscire un po’ di più e di rivedere gli amici quest’estate. Le cose stanno migliorando.

A febbraio dello scorso anno avete anche pubblicato il vostro terzo album, “Printer’s Devil”: cosa significa questo titolo? C’è un significato particolare dietro di esso?
Il titolo “Printer’s Devil” è una frase antiquata che si riferiva all’apprendista tipografo in una tipografia. Fondamentalmente l’aiutante di una stampante. Ho scoperto per la prima volta la frase quando stavo leggendo del poeta Walt Whitman, che lavorava come “printer’s devil” quando era un adolescente. Fondamentalmente sono andata in questa folle tana del coniglio che è Internet e ho iniziato a leggere tonnellate di storie di Walt Whitman sul periodo in cui faceva quel lavoro e praticamente ho passato un’intera giornata completamente assorbita da esse. Ho scritto la canzone “Printer’s Devil” in un certo senso riflettendo sulle storie stesse e sull’esperienza di scoprire qualcosa per la prima volta, fondamentalmente la gioia di imparare nel momento. Era la mia canzone preferita del disco e fortunatamente i ragazzi erano d’accordo con la mia idea di dare all’album il nome della canzone, quindi è quello che abbiamo fatto.

Marcus Nuccio e Sean Neumann hanno preso parte al processo creativo di “Printer’s Devil”: quanto sono cambiate le cose per la vostra band con il loro aiuto?
Da quando abbiamo iniziato a suonare con Marcus e Sean le cose sono state più coerenti e semplicemente più felici nella band . Entrambi hanno un sacco di grandi idee musicali da aggiungere alle canzoni e come persone sono tra i ragazzi più gentili della terra. Rendono più divertente suonare nella band e migliorano le canzoni con la loro energia, il loro talento e il loro istinto. Mi sento così fortunata che entrambi abbiano accettato di unirsi alla band.

Avete appena annunciato un nuovo tour negli Stati Uniti con i Wild Pink per settembre e ottobre: siete felici di tornare di nuovo in tour?
Siamo follemente felici di avere nuovi concerti in calendario. Suonare dal vivo di fronte a una stanza piena di gente è la nostra cosa preferita. Non siamo stati in grado di andare in tour da luglio 2019, quindi siamo così pronti a tornare là fuori. E farlo con i Wild Pink, che sono alcuni dei nostri musicisti preferiti di sempre, sarà una gioia totale per noi. Non vediamo l’ora.

L’anno prossimo sarete in tour in Europa con Julien Baker. Penso che avrete la possibilità di suonare di fronte a un pubblico più grande. Quali sono le vostre aspettative?
Siamo così entusiasti di suonare davanti ai fan di Julien che probabilmente non sanno chi siamo. Fare nuove amicizie e trovare nuovi fan in posti che non visitiamo molto spesso sarà una cosa meravigliosa. Non vediamo l’ora di stare con Julien e la sua band e vederli suonare ogni sera. Amiamo anche viaggiare, quindi sperimentare nuovi luoghi e culture e provare nuovi cibi è sempre qualcosa che non vediamo l’ora. Non vediamo l’ora di tornare in Italia soprattutto…

Quali erano i vostri piani originali per il 2020 prima che arrivasse la pandemia? Anche se non potevate fisicamente andare in tour, ne avete fatto uno virtuale: da dove è nata questa idea? Quanto è stato difficile per voi musicisti restare a casa senza avere la possibilità di andare in tour?
Originariamente pensavamo di trascorrere tutto il 2020 in tour… abbiamo pubblicato “Printer’s Devi” il 28 febbraio 2020 e avevamo programmato di iniziare un tour negli Stati Uniti il 14 marzo, seguito da un tour in Europa a maggio e giugno 2020. Naturalmente tutte quelle date sono scomparse quando ci siamo resi conto di quanto fosse veramente diffuso e pericoloso il virus COVID-19. Ricordo che abbiamo fatto un FaceTime con le nostre amiche Marca e Viole della band DAGS! all’inizio della pandemia per vedere come andavano le cose a Milano. È stato un periodo davvero oscuro e spaventoso. È stato anche un periodo strano e stravagante perché all’improvviso non avevamo praticamente nulla da fare. Quindi abbiamo preso alcune cose casuali da casa, principalmente un piccolo schermo verde e una webcam economica e abbiamo iniziato a trasmettere in streaming gli spettacoli del tour virtuale su Twitch. Abbiamo avuto l’idea di fare un “tour virtuale” e suonare in un posto diverso ogni sera davanti a uno schermo verde, dato che dovevamo essere in tour, ma non potevamo uscire di casa. È iniziato come un modo per tenerci occupati e divertiti all’inizio della pandemia e si è trasformato in un modo davvero divertente e sostenibile per connetterci con le persone attraverso Internet. Amiamo ancora fare spettacoli di Virtual Tour fino ad oggi. Ha reso al 100% un momento difficile più sopportabile e memorabile. Ci ha aiutato a sentirci meno soli.

Ho avuto la fortuna di vedervi due volte dal vivo – nel 2016 allo Zazzabar di Carpi e nel 2018 vicino a Verona. Ci sono ricordi del tour nel mio paese che vorreste condividere con i vostri fan italiani?
È fantastico, entrambi questi spettacoli sono stati estremamente memorabili per noi. Il live.show a Carpi è stato davvero fantastico perché abbiamo potuto guardare il calcio italiano con un gruppo di gente del posto prima e dopo lo spettacolo. Ricordo anche che i baristi erano molto amichevoli e ci mostravamo a vicenda come preparare dei drink dalle nostre città. Il cibo era meraviglioso e i nostri padroni di casa erano così gentili. Lo stesso è stato anche a San Giorgio di Valpolicella, dove abbiamo suonato al Redzone Art Bar nel 2018. I nostri ospiti ci hanno invitato ad assaggiare il vino dei vigneti locali e quella notte ci hanno offerto alloggi incredibili. Ricordo di aver camminato per la piazza della città e di aver visto la chiesa locale, che aveva quasi il doppio degli anni degli Stati Uniti. Era semplicemente un posto incredibilmente bello. Ma penso che la cosa che ricordiamo di più dell’Italia sia stata la cordialità e l’accoglienza di tutti a quegli spettacoli. Per questo motivo l’Italia è il posto che probabilmente sono più entusiasta di rivedere quando faremo un tour in Europa l’anno prossimo. Mi piace stare lì.

Per Halloween l’anno scorso avete fatto uno streaming di 25 ore con numerose ottime band e musicisti per raccogliere fondi per Equal Justice Initiative e Girls Rock! Chicago: un’ottima iniziativa! Posso chiederti da dove viene questa idea? È stato facile per voi?
L’idea è nata principalmente quando ci siamo resi conto che non saremmo stati in grado di organizzare una festa ad Halloween nel 2020. Ci piace organizzare una festa di Halloween a casa nostra ogni anno, ma a causa di COVID sapevamo che non sarebbe stato sicuro. Quindi abbiamo deciso di pianificare un enorme livestream, dove avremmo potuto aiutare tutti là fuori a divertirsi e anche raccogliere fondi per le organizzazioni a cui teniamo. Era fondamentalmente il nostro modo di organizzare una festa di Halloween su Internet. Sicuramente non è stato facile da realizzare, ma mi è piaciuto molto lavorarci. Abbiamo trascorso alcuni mesi a pianificare tutto, a realizzare molte grafiche e video, a lavorare con le band per creare una line-up davvero fantastica e molto altro ancora. Abbiamo lavorato davvero tanto ed è stata probabilmente la mia serata preferita del 2020. Ci siamo divertiti così tanto, siamo davvero orgogliosi di come è andata.

L’anno scorso avete anche avuto la possibilità di suonare per uno dei miei politici preferiti, Bernie Sanders, in uno dei suoi comizi: com’è stata per voi questa esperienza? È stato un onore per voi poter suonare per lui?
Quello è stato senza dubbio il momento più surreale della mia vita finora. Abbiamo molto rispetto per il senatore Sanders, quindi suonare per i suoi sostenitori e incontrarlo dopo il raduno è stato un grande onore. Ci sentiamo fortunati a essere stati invitati a farne parte. Fuori c’era molta neve e sembrava che Bernie stesse cavalcando una grande ondata di slancio quella notte. È una serata che non dimenticherò mai finché vivrò.

Un’ultima domanda: puoi per favore scegliere una delle vostre canzoni, vecchia o nuova, da usare come colonna sonora di questa intervista?
Direi di usare la canzone “Printer’s Devil”. Grazie mille per le domande Antonio, non vedo l’ora di vederti ad uno spettacolo l’anno prossimo! Ciao e tanto amore da Chicago.

Photo Credit: Sam Porter

 

“Il mio modo di scrivere ...

Ruby Fields è una musicista di Sydney: attiva sin dal 2017, la giovane australiana ha finora pubblicato una manciata di singoli e un EP, ...

“Molti fan pensano che questo ...

Giunti al loro quarto album, i britannici Desperate Journalist di stanza a Londra – formati dal chitarrista Rob Hardy, dal bassista ...

Dalla Germania la carica indie-pop ...

Ci siamo innamorati dei loro brani dall’uscita del primo singolo nel 2015. I Giant Rooks sono in assoluto uno dei gruppi musicali più ...

“E’ stato un privilegio ...

Lo scorso maggio, via Howl Records, i Mighty Oaks hanno pubblicato il loro quarto album, “Mexico”, che è arrivato dopo poco più di un ...

“Everything Picture”, ...

Di Riccardo Cavrioli e Riccardo Oliboni Il 19 aprile 1999 la Nude Records pubblicava la mastodontica opera degli Ultrasound, che esordivano ...