AMUSEMENT PARKS ON FIRE
An Archaea

[ EGB Global - 2021 ]
7
 
Genere: Shoegaze, Noise-Pop, Alternative-Rock
 
19 Luglio 2021
 

Sin dall’iniziale “Old Sat”, l’intento degli Amusement Parks On Fire è evidente: dare spazio alle chitarre, lasciare che il loro tocco elettrico infiammi l’aria e che la loro intensità, i loro feedback, i loro riverberi travolgano tutto ciò che incontrano o con cui si scontrano lungo il proprio cammino, senza, però, tralasciare i passaggi più evocativi e più riflessivi, come accade in “Diving Bell”, prima che “Breakers” spinga nuovamente il disco verso vibranti ed accattivanti sonorità shoegaze e noise-pop.

Sonorità nelle quali si sente un po’ anche il sapore – o meglio l’inconfondibile voce – degli anni Novanta, ma non si tratta di una banale e scolastica riproposizione di dinamiche, concetti o contenuti del passato, perché il legame con il nostro disordinato, frenetico e spesso bizzarro presente resta vivo e pulsante: le distorsioni, le trame sghembe e sfocate, il bisogno di realizzare qualcosa che vada oltre il muro asettico, virtuale e tecnologico delle nostre innumerevoli e singolari solitudini, tutte così silenziose, tutte così uguali, è qualcosa di estremamente vero ed attuale ed è il nervo scoperto sul quale la band inglese elabora e costruisce le proprie divagazioni sonore.

“Aught Can Wait” è l’elettricità che non può essere più contenuta, quella che abbatte gli argini di qualsiasi compromesso o tentativo di auto-controllo ed irrompe nelle nostre esistenze, portando via con sé tutto ciò di cui non abbiamo affatto bisogno e lasciandoci in balia di una micidiale, ma fervida malinconia, una sorta di humus empatico dal quale germoglia la seconda parte di questo album, quella più introspettiva ed emotiva.

“Atomised” si manifesta dinanzi ai nostri occhi, subito dopo che “Boom Vang” ha riaperto l’orizzonte, in modo da allargare il nostro campo sensoriale e percettivo e permettere così a nuove idee, nuovi aromi, nuove esperienze di sciogliersi in quello che adesso non è più un fiume tumultuoso, ma un vero e proprio mare. Il mare primordiale di “An Archaea”, quello dal quale nuove storie, nuove geometrie, nuovi schemi, nuove stagioni si organizzano e iniziano il loro viaggio; un viaggio che è, allo stesso tempo, antico e moderno; ignoto, ma perfettamente consapevole e determinato; un viaggio, quello degli Amusement Parks On Fire, al quale è sempre stimolante partecipare.

Tracklist
1. Old Salt
2. No Fission
3. Diving Bell
4. Breakers
5. Aught Can Wait
6. Gamma
7. Boom Vang
8. Atomised
9. An Archaea
10. Blue Room
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Danger Mouse & Black Thought ...

Sodalizio di lunga data quello tra Tariq Trotter / Black Thought e Brian Burton / Danger Mouse visto che risale al lontano 2005 / 2006 ma il ...

Sylvan Esso – No Rules Sandy

Dieci anni di carriera, anniversario importante per i Sylvan Esso che celebrano l’arrivo in doppia cifra con un nuovo album, “No Rules ...

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Recent Comments